Cibo e cultura: San Domenico di Imola, il monumento della cucina italiana compie 50 anni

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Cibo e cultura: il San Domenico di Imola compie 50 anni

“Fin dall’inizio, la mia scelta è stata di rendere le ricette essenziali, di pulire, attualizzando la tradizione, svecchiando la cucina italiana, dandogli quel po’ di virilità, di composizione e di leggerezza in più rispetto alle sue origini matriarcali”. Gualtiero Marchesi dixit. Il Maestro aveva capito che la cucina italiana, quella che ha tanto successo nel mondo, non era quella di un popolo che faceva spesso la fame, ma quella che si serviva nelle case nobiliari. Una rivisitazione elegante dei piatti nazionali che ci ricorda che cibo è cultura.

Cibo e cultura: San Domenico di Imola, il monumento della cucina italiana compie 50 anni

Il 2020 è una data importante per il San Domenico di Imola, il monumento della cucina italiana: compie 50 anni. E la sua storia è legata alla figura di Nino Bergese.

Chi è Nino Bergese

Nino Bergese, nei primi anni del 900, in un’epoca in cui non esistevano i ristoranti, entrava nelle cucine dei nobili e dei ricchi che avevano bisogno di personale per organizzare ricevimenti. La Seconda Guerra Mondiale spazza via l’antica usanza dei ricevimenti nelle sontuose dimore dei benestanti. La necessità d’inventarsi un lavoro porta alla nascita dei ristoranti.

L’intuizione è proprio di Bergese che apre il suo ristorante a Genova: La Santa. Porta in tavola la sua esperienza acquisita nelle case nobili: una cucina con ingredienti italiani con influenza francese. Ed è subito successo. Qui arrivano intellettuali, artisti, uomini famosi, buone forchettegli attuali gourmet – tanto che Giangiacomo Feltrinelli gli chiede di scrivere un libro di ricette. Così nasce Mangiare da re. Nel 1969 conquista due stelle Michelin.

Nino Bergese e il San Domenico

Il San Domenico è inaugurato il 7 marzo 1970. Gianluigi Morini, cultore d’arte, appassionato di cibo e cultura, oltre che di vini, è alla disperata ricerca di un cuoco e l’amico Luigi Veronelli gli consiglia proprio Nino Bergese. Morini vuole una cucina che rappresenti l’Italia, capace di competere con la blasonata cucina italiana. Nasce così il primo ristorante italiano che impone la cucina italiana in tutto il mondo.

Nino Bergese e Valentino Mercattili, a cui Nino passa il testimone, contribuiscono al successo della cucina italiana nel mondo. Valentino apre a New York il secondo San Domenico, il primo ristorante italiano a vedersi assegnare tre stelle del New York Times nel 1988.

…e la storia continua

Oggi alla brigata del San Domenico di Imola si è aggiunto lo chef Massimiliano Mascia, nipote di Valentino. I piatti proposti vanno dalla tradizione all’innovazione, dalla Torta Fiorentina, preparata per la prima volta nel 1926 per festeggiare il compleanno del principe Umberto di Savoia, all’ l’iconico uovo in raviolo “San Domenico” ® burro di malga, parmigiano dolce e tartufo bianco fino ai tortellini fritti alla spuma di patate affumicate e caviale.

E per confermare che cibo è cultura si mangia fra opere d’arte di Alberto Burri, Mario Schifano e Giuseppe Capogrossi.

Potrebbe interessarti anche:


Le migliori mete per un week end tra cibo e cultura

Le vacanze si spezzettano sempre più durante l’anno. Un mese intero, ma anche i quindici giorni, appartengono a un passato sempre più lontano. Ora si parla di “city break”, di vacanze mordi e fuggi. Magari solo un giorno, ma un giorno in cui si vuole avere un’esperienza completa in nome di cibo e cultura. Ma quali sono le mete...Le migliori mete per un week end tra cibo e cultura ultima modifica: 2020-01-10T11:25:59+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


San Marino in nome di arte, cibo e cultura

Sì, San Marino in nome di arte, cibo e cultura. Un piccolo stato montuoso confinante con le Marche e l'Emilia Romagna, probabilmente la regione più famosa per il divertimento. Nel suo nome si nasconde la mitologia del divertimento italiano raccontata dai film di Federico Fellini. Chi non ricorda Amarcord e la Rimini degli anni 30, con la costruzione di...San Marino in nome di arte, cibo e cultura ultima modifica: 2019-01-01T15:51:56+00:00 da Monica Viani

 

 

Cibo e cultura: San Domenico di Imola, il monumento della cucina italiana compie 50 anni ultima modifica: 2020-02-08T12:26:49+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *