Tiramisù rivisitato…ma non troppo! L’apoteosi del Made in Italy

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Vero, le feste sono terminate, ma la voglia di dolce non si esaurisce mai. E allora eccovi una ricetta di un classico dolce italiano: il tiramisù. Come vi abbiamo già raccontato, non esiste certezza né delle sue origini, né di una ricetta condivisa da tutti. Eccovi allora una ricetta di tiramisù leggermente rivisitata.

Tiramisù rivisitato

Savoiardi

40 g Tuorli
30 g Zucchero a velo
Vaniglia
Buccia di limone
30 g Miele
2 Albumi
30 g Zucchero semolato
85 g Farina 00

Crema pasticciera

460 ml Latte
200 ml Panna
260 g Tuorli
260 g Zucchero semolato
25 g Maizena
25 g Farina
Buccia di limone
Vanillina

Crema al mascarpone

30 ml Panna
30 g Zucchero a velo
300 g Mascarpone
65 g Crema pasticciera

Procedimento

Per savoiardi

Montare in planetaria i tuorli con lo zucchero a velo, la vaniglia, la buccia di limone e il miele. A parte montare gli albumi con lo zucchero semolato e un pizzico di sale. Aggiungere la farina ai tuorli e poi incorporarli assieme. Cottura a 175° per 12 minuti.

Per crema pasticciera

Montare i tuorli con lo zucchero e unite le farine. Fare bollire il latte con la panna, la buccia di limone e la vanillina. Quando bolle, unire i due composti e fare bollire il tutto per 2 o 3 minuti.

Per crema al mascarpone

Montare la panna con lo zucchero a velo. A parte mescolare il mascarpone con la crema pasticciera. Incorporare il tutto.

Presentazione

Inzuppare i savoiardi nel caffè caldo, aggiungere uno strato di crema al mascarpone e ripetere. Aggiungere cacao in polvere per decorare.

Un suggerimento se volete accompagnare il dolce con un bicchiere di vino: Monteluce

Un vino particolare che si ottiene dal vitigno Nasco. Il singolare profilo ampelografico, unitamente alle testimonianze di una sua presenza in Sardegna da un’epoca antica, lo fanno ritenere varietà autoctona.

Ha un colore giallo dorato, inizialmente pallido, in evoluzione negli anni verso le più calde nuances dell’oro antico. Ha un profumo ampio, intenso e complesso, evoca con grande immediatezza autentici sentori muschiati di sottobosco. Ha una freschezza sottolineata da leggera vivacità, dato della vendemmia anticipata.

Potrebbe interessarti anche:


La guerra del tiramisù: dove è nato? Una lotta fino…all’ultimo cucchiaio!

La guerra del tiramisù: dove è nato? Non si sa con certezza. Eppure se dici Italia, dici tiramisù. Non ci credete? L’Accademia Italiana della Crusca ci toglie ogni dubbio: è presente come “italianismo gastronomico” in 23 lingue. Tutti i dizionari lo riportano, ricordandone gli ingredienti principali. Nonostante tutto esiste un quesito mai definitivamente chiarito: dove è stato creato? Di...La guerra del tiramisù: dove è nato? Una lotta fino…all’ultimo cucchiaio! ultima modifica: 2018-09-09T21:11:39+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Lo stile in pasticceria: Brigitte, Salentina e Tiramisuper di Alessandro Comaschi

Che lo vogliate o no, non potete non  avere sentito parlare della Milano Fashion Week e questo non può avervi lasciato indifferenti: il mondo fashion porta immancabilmente ad avere fame di...stile! Nella stessa settimana la Pasticceria Martesana a Milano ha presentato la nuova collezione Autunno/Inverno. Ecco le nuove torte: Brigitte, Tiramisuper e Salentina. Alessandro Comaschi e le sue...Lo stile in pasticceria: Brigitte, Salentina e Tiramisuper di Alessandro Comaschi ultima modifica: 2017-09-24T20:42:32+00:00 da Monica Viani

Tiramisù rivisitato…ma non troppo! L’apoteosi del Made in Italy ultima modifica: 2020-01-11T10:33:01+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *