La ricetta abruzzese del tacchino alla canzanese

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Il tacchino alla canzanese non manca mai sulle tavole dei teramani come antipasto o come secondo piatto. Un grande classico, che rende particolarmente speciale il tacchino. Serve un tacchino dissossato (nell’800, quando nacque la ricetta non lo si dissossava), le ossa per fare un ottimo brodo, sale, pepe, alloro, pepe in grani e aglio per insaporire la carne. Il segreto per la riuscita del piatto sta nel brodo che deve poi dare vita alla gelatina.

Chi rivisita la ricetta fa il brodo aggiungendo ossa di altre carni.Un modo per dare una lettura contemporanea ad una ricetta antica. Inutile dire che per la riuscita della ricetta occorre una materia prima eccellente. Si utilizza la femmina del tacchino per via delle sue carni più tenere.

Il tacchino alla canzanese, la ricetta per farlo a casa

Vi proponiamo una ricetta abruzzese, in particolare di Teramo, difficile da trovare al ristorante ma che potete fare a casa.

Ingredienti

tacchino 6/7 kg

aglio

alloro

pepe in grani

sale

Procedimento

Si procede a dissossare il tacchino partendo dello sterno. Si rompono le ossa  e si mettono in una teglia per dare maggiore densità al brodo di cottura. La carne viene posta sopra le ossa, si aggiunge acqua senza coprire del tutto le carni, aglio, alloro, pepe in grani e sale.

Nel passato la cottura avveniva in forno a legna o a combustione per 8 ore ad alta temperatura in modo da cuocere la carne nel suo brodo. Oggi lo si cuoce sui fornelli in una capiente pentola per per circa un’ora.

Il brodo va sgrassato e filtrato e lasciato raffreddare con il tacchino a temperatura ambiente e poi messo in frigo per la formazione della gelatina.

Il contorno ideale? Carote e zucchine appena sbollentate in acqua e aceto e conservate in olio extravergine d’oliva. In autunno,  chicchi di melograno.

Potrebbe interessarti anche:


4 ricette estive per mangiare come se foste al mare

Entriamo in piena estate, alcuni di noi andranno in vacanza, altri no. Per chi ha dovuto rinunciare o rimandare i viaggi estivi Famelici vi propone 4 ricette per mangiare come se foste al mare. Dal vitello tonnato...4 ricette estive per mangiare come se foste al mare ultima modifica: 2020-07-26T12:35:13+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Cosa vedere ad Atri (soprattutto se bruci di passione per cibo e cultura!)

Famelici, sulle tracce di cibo e cultura, vi propone un week end ad Atri. Il mio viaggio è stato all'insegna di fuoco e fiamme. Fuoco vuol dire verità. In latino vita, fiducia. Dunque ottimi presupposti per iniziare un percorso alla scoperta di tesori culturali e proposte enogastronomiche legate al territorio. Fuoco e fiamme perché l'occasione del tour è stata...Cosa vedere ad Atri (soprattutto se bruci di passione per cibo e cultura!) ultima modifica: 2017-12-20T18:27:02+00:00 da Monica Viani

La ricetta abruzzese del tacchino alla canzanese ultima modifica: 2020-08-31T09:47:07+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *