Consorzio per la tutela dell’Asti: una degustazione per scoprire il Moscato

Il moscato un vino da riscoprire, ottimo abbinato ai dolci, ma con sorprendenti possibilità di abbinamento a tutto pasto. Il Consorzio per la tutela dell’Asti ci racconta la storia e i segreti che lo rendono un vino assai apprezzato.

9700 gli ettari vitati a moscato bianco. Tre le province del Piemonte interessate: Asti, Alessandria e Cuneo. 51 i comuni delle tre province coinvolti nella produzione dell’Asti DOCG. Siamo nel territorio delle Langhe-Roero e Monferrato, dove i paesaggi vitivinicoli sono Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Un’attività economica che coinvolge chi produce uva, chi vinifica e chi spumantizza. Tra Asti Spumante e Moscato DOCG sono prodotte 91.500 bottiglie.

Il Moscato d’Asti Docg racconta nel bicchiere una grande storia

Il Moscato è un vitigno che non dà grosse rese (38.1000 bottiglie). La sua storia inizia nel 1850 quando l’enologo piemontese Carlo Gancia visita il territorio dello Champagne, ne rimane a tal punto affascinato da decidere di produrre uno Champagne italiano utilizzando uve moscato, un vitigno aromatico autoctono del Piemonte. Un’altra invenzione piemontese, il metodo di vinificazione Martinotti-Charmat, ha consentito poi a questo vino di diventare una proposta assai apprezzata in tutto il mondo. Nel 1895 il piemontese Federico Martinotti inventò e brevettò quel metodo che poi nel 1907 il francese Eugène Charmat perfezionò per la produzione industriale. La sua principale caratteristica è che tale metodo fa sì che il vino subisca la fermentazione alcolica in autoclavi di acciaio inox, dove sviluppa naturalmente la sua effervescenza, per poi essere fermato a basse temperature prima di essere imbottigliato sotto pressione.

I segreti di un buon Moscato d’Asti

Il Moscato d’Asti Docg, ottenuto da un vitigno delicato, versatile, è uno dei prodotti più caratteristici della viticoltura piemontese, contraddistinto dall’intenso aroma muschiato dell’uva da cui è vinificato e dal sapore delicato che ricorda il glicine e il tiglio, la pesca e l’albicocca con sentori di salvia, limoni e fiori d’arancio, con una componente zuccherina e un basso tenore alcolico. Sensibile agli attacchi dei patogeni, è un vitigno che richiede attenzione durante la vendemmia. Il segreto per la produzione di un ottimo Moscato è la conservazione dell’aromaticità. L’equilibrio tra acidità e componente zuccherina evita la produzione di un vino stucchevole. Se l’acidità, nemica dell’aromaticità, è troppo presente, mina la florealità. Occorre un giusto compromesso.

Il Consorzio per la tutela dell’Asti Docg, uno dei primi consorzi

É stato costituito il 17 dicembre 1932 e riconosciuto nel 1934, adottando come marchio consortile il patrono dell’Asti, San Secondo a cavallo. Il suo obiettivo è quello di tutelare, valorizzare e promuovere l’Asti Docg e il Moscato d’Asti Docg in Italia e nel mondo. Svolge funzioni di controllo sull’intera filiera e vigila sulle contraffazioni della denominazione. Fiore all’occhiello è un laboratorio scientifico, unico nel suo genere, dove, oltre ai controlli, si svolgono studi scientifici in nome dell’innovazione e del miglioramento qualitativo dell’intero ciclo produttivo.

Famelicamente consigliato

Perché ci piace? Per le sue note floreali, per la sua dolcezza mai stucchevole, per la sua freschezza.

Potrebbe interessarti anche:


Canelli, quando il paradiso è nei sotterranei

Canelli è una cittadina dell’Astigiano, famosa in tutto il mondo per essere la patria dell'Asti spumante e delle Cattedrali Sotterranee. I gioielli più belli spesso non brillano sotto la luce del sole, ma rimangono custoditi in luoghi bui e silenziosi, come volessero rimanere protetti, e proprio per questo sono assai affascinanti. E la cittadina di Canelli ne è un esempio....Canelli, quando il paradiso è nei sotterranei ultima modifica: 2021-05-14T10:58:14+02:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Mete Spirituali vol 4. Le Cattedrali Sotterranee, patrimonio UNESCO

Le chiamano Cattedrali per la loro imponenza, ma sono immense e dedaliche cantine, sotto terra. In quanto Cattedrali possono dirsi luoghi dello spirito - non solo in senso alcolico. Sono patrimonio UNESCO, le Cattedrali Sotterranee, e si trovano in Piemonte nella bella Canelli. Famelici le propone non tanto come l'ennesima gita enogastronomica (questo è già evidente e dichiarato) ma come...Mete Spirituali vol 4. Le Cattedrali Sotterranee, patrimonio UNESCO ultima modifica: 2019-07-30T15:37:24+02:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Consorzio per la tutela dell’Asti: una degustazione per scoprire il Moscato ultima modifica: 2021-06-04T11:27:43+02:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *