Cannavacciuolo: tutta una questione di asterischi. Caso archiviato

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Tanto rumore per nulla. Lo chef Antonino Cannavacciuolo aveva ragione. Le presunte irregolarità riscontrate dai NAS lo scorso 17 dicembre presso il Bistrot a Torino erano solo “una questione di asterischi”, come aveva dichiarato fin dagli inizi lo stesso Cannavacciuolo. L’inchiesta si è conclusa con l’archiviazione.

Lo chef stellato Antonino Cannavacciuolo era stato multato con una multa da 1500 euro per la mancata tracciabilità di alcuni ingredienti presenti in cucina e non segnalati come congelati in menu. Gli ispettori si erano presentati durante la fase di preparazione, quando i piatti non erano ancora pronti. Grande soddisfazione dello chef!

Potrebbe interessarti anche:


Cucina tradizionale: Alex Seveso e altri chef la reinventano

Basta poco perchè una proposta gastronomica diventi un lontano ricordo. Un post di FB, una ricetta salvata sul computer. Una memoria assai lontana. Che cosa fare per rendere un piatto un evergreen della cucina? Reinventare può voler dire fare tornare a splendere. Ci sono ricette che raccontano non una perdita, ma una nuova vita. Reinventare, innovare è un lavoro...Cucina tradizionale: Alex Seveso e altri chef la reinventano ultima modifica: 2018-05-28T19:33:08+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Simone Gottardello e Sara Preceruti: storie di giovani chef con i numeri

Due chef, due laghi: Simone Gottardello e Sara Preceruti, il lago di Garda e il lago di Lugano. Una cena a quattro mani. Ecco che cosa vi voglio raccontare. In una recente cena a quattro mani all’Evo Bardolino, il ristorante alla carta di Aqualux Hotel Spa&Suite, sul lago di Garda, ho avuto modo di assaggiare due modi di proporre la...Simone Gottardello e Sara Preceruti: storie di giovani chef con i numeri ultima modifica: 2018-04-15T20:18:21+00:00 da Monica Viani

Cannavacciuolo: tutta una questione di asterischi. Caso archiviato ultima modifica: 2018-07-12T10:34:54+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *