Claude Monet in Italia

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Claude Monet in Italia

monet ed il ponte di Dolceacqua vicino a BordigheraLa vita di Claude Monet (Parigi, 14 novembre 1840 – Giverny, 5 dicembre 1926) fu molto prolifica, lunga e non priva di polemiche con i suoi reiterati attacchi agli altri pittori della corrente impressionistica, artisti che a torto o ragione definiva per la maggior parte imbrattatori di tele. E’ comunque proprio a lui che si deve la nascita del movimento dell’impressionismo francese e certamente è stato il più coerente e prolifico del momento. Lo stesso termine “impressionismo” deriva dal nome di un suo quadro “Impression, soleil levant“, esposto nel 1874. Un critico, Jules Castagnary, scrive “…sono artisti impressionisti nella misura in cui non rappresentano tanto il paesaggio quanto la sensazione in loro evocata dal paesaggio stesso. […]. Da questo punto di vista hanno lasciato alle loro spalle la realtà per entrare nel regno del puro idealismo”. Non si tratta ovviamente del filtro marcatamente personale che avrebbe stravolto la rappresentazione del reale (pensando per esmpio, tra i tanti, agli “espressionisti”) ma certamente il lungo cammino che portò l’arte a staccarsi dal reale era iniziato. Ricordiamo di come le ultime tele del maestro abbiano spesso perso (ed in questo particolare ricordano le esperienze del grande pittore inglese Turner) molto spesso ogni collegamento con il figurativo per proporre viste eteree e quasi astratte (si dice favorito dai gravi problemi agli occhi che non permettevano una corretta visione).

Claude Monet in Italia: tante tele tra le quali il ponte di Dolceacqua

Siamo nel 1884 e Monet va con Renoir, per un breve soggiorno, a Bordighera: a pochi chilometri c’era l’elegante ponte romano “a schiena d’asino” di Dolceacqua, che ha ispirato il pittore francese per ben 4 diverse tele. Rientrato a Giverny, a gennaio riparte ancora per Bordighera da solo. Arrivato in città, scende alla “Pension Anglaise” dove permane dipingendo oltre 50 tele. Invece è nel 1908, dal settembre al novembre, che risiede a Venezia e scrive di Palazzo Ducale e di Venezia: “…l’artista che concepì questo palazzo fu il primo degli impressionisti (…) Venezia è l’impressionismo in pietra”. Ritorna a Venezia anche l’anno dopo e continuerà a dipingere, a memoria, vedute della città lagunare.

Potrebbe interessarti anche:


Un week end a Dolceacqua: il borgo amato da Monet

Borghi: come descriverli? Non è facile, ognuno nasconde il suo tesoro, ognuno ha una sua storia tra sacro e profano. Famelici ha visitato per voi cinque borghi liguri in provincia di Imperia: Airole, Dolceacqua, Pigna, Perinaldo e Apricale. Comun denominatore? Tutti Bandiere Arancioni, una delle numerose iniziative del Touring Club Italiano in difesa del patrimonio culturale e storico italiano. Dal 1998 il TCI...Un week end a Dolceacqua: il borgo amato da Monet ultima modifica: 2017-05-24T14:25:03+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Perinaldo: vivere una notte indimenticabile

Una tappa veramente speciale del mio viaggio alla scoperta dei borghi liguri, in provincia di Imperia, è Perinaldo, un piccolo paese da visitare con gli occhi rivolti verso l'alto. Situato su un crinale, a 572 m. sul livello del mare e su un anfiteatro naturale, coperto da secolari uliveti, ginestre, mimose e vigneti, è conosciuto anche come il Poggio delle Stelle. Inserito...Perinaldo: vivere una notte indimenticabile ultima modifica: 2017-06-07T22:16:06+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Il tipico vino Roccese: “A Trincea” ad Airole

Aprofittando di un press tour organizzato dal Tourng Club Italiano per fare conoscere i borghi Bandiere Arancioni, la settimana scorsa ho potuto visitare un piccolo borgo di origine medievale: Airole, in provincia di Imperia. La tappa presso l'azienda agricola "A Trincea" mi ha permesso di conoscere un vino riportato alla vita da Dino Masala: il roccese, considerato dagli enologi il...Il tipico vino Roccese: “A Trincea” ad Airole ultima modifica: 2017-06-01T20:33:15+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Milano e Alda Merini. In viaggio con la poetessa dei Navigli

Sono nata il ventuno a primavera ma non sapevo che nascere folle, aprire le zolle potesse scatenar tempesta. Così Proserpina lieve vede piovere sulle erbe, sui grossi frumenti gentili e piange sempre la sera. Forse è la sua preghiera. (da Vuoto d'amore, Einaudi 1991) Così Alda Merini evocava la sua data di nascita in un giorno di primavera del 1931: il 21 marzo. Una data eletta dall’Unesco a World...Milano e Alda Merini. In viaggio con la poetessa dei Navigli ultima modifica: 2017-03-20T10:18:59+00:00 da Alessandra Cioccarelli

 

 

Claude Monet in Italia ultima modifica: 2017-06-15T22:00:08+00:00 da Redazione Famelici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *