Milano-Cortina 2026. Una Olimpiade di sport, cultura, cibo, natura ed emozioni. Così si fa!

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Sapete già tutto  riguardo l’assegnazione a Losanna da parte del CIO dell’Olimpiade Invernale 2026, al binomio Cortina-Milano. Con 47 voti a 34 la candidatura italiana ha sconfitto quella svedese di Stoccolma-Are. In Svezia la maggioranza della popolazione aveva accolto con freddezza la possibilità di organizzare le Olimpiadi. Milano ci ha creduto fortemente. La candidatura svedese e quella italiana erano le sole rimaste, ma all’inizio si erano mostrate interessate alle Olimpiadi anche il Canada con Calgary, la Turchia con Erzurum, il Giappone con Sapporo, l’Austria con Graz e la Svizzera con Sion. Il risultato è davvero grande: un Paese tremendamente litigioso si ritrova per le mani un’affermazione di grande rilievo sportivo. Il risultato è davvero grande: un Paese tremendamente litigioso si ritrova per le mani un’affermazione di grande rilievo sportivo. Il Cio oltre alla fiducia, ci dà una fiaccola con cui, nei prossimi sette anni, potremo illuminare meglio la strada da fare. “Un’Olimpiade incredibile”: l’epico video di presentazione di Milano-Cortina 2026 (lo trovate qui sotto) riassume perfettamente la “potenza “del sistema Italia“, quando si presenta coeso e fa sistema: sport, cibo e cultura, natura, organizzazione ed emozioni.

Clicca qui per il video “Un’Olimpiade incredibile”

Sport, cibo e cultura, natura, organizzazione ed emozioni

Seguiremo  sport  conosciuti, a cui siamo abituati (come, ad esempio, lo sci alpino o il pattinaggio artistico) e da altri di cui stentiamo persino a pronunciare il nome (chi conosce veramente il curling?). Tiferemo, assisteremo tifando Italia, apprezzando le performances  e i gesti dei grandi campioni internazionali, ci verrà voglia di praticare sport mai presi in considerazione. Gioiremo, ci arrabbieremo, riscopriremo le città che ospitano l’Olimpiade Invernale 2026, saremo fieri di Milano e Cortina.

Alla Cortina e alla sua iconica e straordinaria bellezza si è affiancata la garanzia e la capacità attrattiva di Milano, una metropoli internazionale che gira alla velocità del turbo nel suo dopo-Expo; ma, aggiungiamo noi, ha vinto sopratutto un fattore: non vendere “Olimpiadi ma emozioni” – e riguardo quest’ultime noi italiani abbiamo dei numeri importanti. O no?

Potrebbe interessarti anche:


Losanna, è tempo di conoscere una Svizzera diversa

I vigneti, che circondano Losanna, con le tinte calde dell’autunno -dal giallo fino all’ocra con chiazze di rosso e violetto - fanno intuire che qui la cultura del vino è assai diffusa. I terrazzamenti scendono verso il lago, fondendosi con un cielo che muta velocemente colore. Mi fanno pensare ai paesaggi narrati da Victor Hugo nei racconti Le Rhin...Losanna, è tempo di conoscere una Svizzera diversa ultima modifica: 2018-10-11T02:41:50+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Losannevolmente, ovvero altre scuse fameliche per amare Losanna

Losannevolmente, ovvero amare Losanna. Quanto abbiamo già parlato di Losanna qui su Famelici? Un po' era un programma, un viaggio desiderato e pianificato in nome di cibo e cultura. Un po' è stata una sorpresa, che ci ha convinte a frazionare il racconto per restituirlo metabolizzato in diverse maniere. D'altronde, anche una destinazione si può divorare o centellinare. Sicuramente amare Losanna! Losannevolmente, ovvero...Losannevolmente, ovvero altre scuse fameliche per amare Losanna ultima modifica: 2019-01-21T12:05:45+00:00 da Doppiamente Famelici

Milano-Cortina 2026. Una Olimpiade di sport, cultura, cibo, natura ed emozioni. Così si fa! ultima modifica: 2019-06-25T14:05:37+00:00 da Redazione Famelici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *