‘Na volta a Milan gh’era la barbajada

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Risotto alla milanese, cotoletta e panettone. A Milano – si chiede con una punta di sfida chi viene da fuori – di tipico tipico c’è solo questo? In effetti no. Di piatti tradizionali, dai mondeghili ai rustin negàa, non ne mancano…purtroppo però è sempre più difficile trovarli nella ristorazione della città, ma spesso anche nelle case. Tra i quasi dinosauri della gastronomia milanese, sua maestà barbajada

NOME: “Barbajada” dal nome del suo inventore il napoletano Domenico Barbaja, ingegnoso garzone al Caffè Cambiasi, nonché impresario di cantanti e spettacoli alla Scala

LUOGO DI NASCITA: la Milano ottocentesca, una città dove il freddo e la nebbia erano più intensi di oggi, e i palati infreddoliti cercavano una bevanda golosa, calda e tonificante

BIOGRAFIA: Proposta in accompagnamento a una degustazioni di dolci, la barbajada era comunemente preparata nei caffè milanesi – la più famosa era quella del Caffè dei Virtuosi di Via Manzoni – fino agli anni ‘30 dove conobbe un graduale declino. Secondo le cronache l’ultimo caffè milanese a servirla è stato il Samarani.

LA RICETTA: Antesignana del marocchino, la barbajada è una bevanda a base di cioccolata, latte e caffè e zucchero. Per preparala occorre un terzo di cioccolata – da sciogliere in acqua e non latte! -, un terzo di caffè e un terzo di latte (o panna), il tutto frullato sul fuoco con la frusta per ottenere una bella schiuma. D’estate si serve nel bicchiere, d’inverno si serve calda con la panna.

SEGNI PARTICOLARI: Nell’aprile 2008 la barbajada ha ricevuto la De.Co., il riconoscimento dato dal Comune di Milano ai prodotti gastronomici legati alle tradizioni della città

E noi Famelici, amanti dell’innovazione ma anche della tradizione, in occasione della Giornata del Dialetto Milanese ci chiediamo…la barbajada risorgerà dalle ceneri? A noi piace sperarlo. L’appello è rivolto alle tante caffetterie della nostra città, ma anche alle (ormai pochissime) trattorie e locali che propongono la cucina meneghina!

Potrebbe interessarti anche:


A volte ritorna. Il 15 settembre se parla milanes!

C'è chi li ama e chi lo odia. Difficile provare indifferenza per i milanesi e soprattutto per il loro modo di parlare...ma prima di diventare un po' bauscia e un po' imbruttiti...che lingua parlavano i meneghini? Il 15 settembre 2017 (ma il programma continua il 16 e il 17 al Teatro della Memoria) avrete l'occasione per scoprirlo e abbandonare magari qualche stereotipo....A volte ritorna. Il 15 settembre se parla milanes! ultima modifica: 2017-09-14T21:09:33+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Potrebbe interessarti anche:


Tra leggenda e storia. La nascita del risotto alla milanese

Piatto meneghino per eccellenza, il risotto alla milanese è oggi una tipicità apprezzata in tutta Italia e non solo. Prima di arrivare sulle nostre tavole e guadagnarsi un invidiabile successo, di strada ne ha fatta però parecchio. Tra leggende e testimonianze scritte, la storia di questa prelibata specialità. Nel risotto alla milanese...Zafferano ci mette lo zampino Tra le leggende, più o...Tra leggenda e storia. La nascita del risotto alla milanese ultima modifica: 2017-01-31T00:07:19+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Potrebbe interessarti anche:


Proverbi in cucina. A tavola con il dialetto milanese

Franca, allegra e scanzonata, a volte anche un po’ triviale. È la Milano che affiora quando ci allontana dagli stereotipi più comuni e ci si addentra nel suo vernacolo tradizionale. Nel dialetto milanese, un esemplare sempre più difficile da incontrare, si ritrovano i sapori di una volta e si riscopre una cultura tutt’altro che avara e scialba. Ed è proprio...Proverbi in cucina. A tavola con il dialetto milanese ultima modifica: 2017-09-14T21:10:21+00:00 da Alessandra Cioccarelli

‘Na volta a Milan gh’era la barbajada ultima modifica: 2017-09-14T21:07:08+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *