La colonna del Verziere: la peste, il mercato e la Ninetta del Verzee

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Il Coronavirus, spesso ci riporta alla peste e alle tracce che ha lasciato a Milano. Questa volta vi raccontiamo la strana storia della colonna del Verziere.

La colonna del Verziere: la peste, il mercato e la Ninetta del Verzee

La colonna del Verziere

In pieno centro a Milano, in Largo Augusto, si erge una colonna, il Verziere, eretta nel 1580, per fare cessare un’epidemia di peste che mieteva migliaia di vittime.  Subì due crolli, tanto che fu terminata quasi cento anni dopo il suo inizio.

Nel 1673 si aggiunse sulla sommità della colonna la statua del Cristo Redentore, realizzata dall’architetto Francesco Maria Richini e da Giovanni Battista Vismara. 

La storia della colonna del Verziere

É un piccolo pezzo di storia che ricorda come ancora oggi nel capoluogo lombardo ci siano tracce storiche della peste. Usata, durante la pestilenza anche come altare per celebrare la messa, ebbe una vita travagliata. Superate le pestilenze, nel 1860, le venne infatti consegnato il compito di ricordare i caduti delle Cinque Giornate. Ancora oggi, sui lati del basamento, sono visibili i loro nomi.

Qui un tempo, quando la via non aspirava all’eleganza, si svolgeva il mercato, da cui il monumento prende il nome. Nello slargo cittadino, circondato da edifici del 600 e del 700, i venditori di cibi pronti, di formaggi, di frutta e di verdura vivacizzavano un luogo assai affollato e frequentato anche da perditempo e piccoli criminali.

Il Verziere tra sacro e profano: la storia della Ninetta del Verzee

Poteva mancare una figura popolare a rallegrare il mercato? No di certo. Ecco allora la Ninetta del Verzee, il più grande personaggio creato dalla penna di Carlo Porta.

Ninetta è un’ex venditrice di pesce al mercato Verziere che, dopo una travagliata storia d’amore, è costretta a prostituirsi.

Un’esistenza difficile quella dell’orfana Ninetta, crescita dalla zia pescivendola. Si innamora del Pepp, figlio del pasticciere, con cui la zia ha una relazione, ma, dopo un primo momento di felicità, il giovane amante si dimostra un cinico calcolatore che le estorce somme di denaro fino a costringere Ninetta alla fame e alla prostituzione per sopravvivere.

Il poeta dialettale Carlo Porta riporta in versi le sue confidenze a un vecchio cliente.

Vuna de sti mattinn tornand indree

de la scoeura de lengua del Verzee

con sott la mia scorbetta

[con sottobraccio la mia sporta]

caregada de tucc i erudizion

che i serv e i racatton [le serve e i rivenditori]

dan de solet a gratis ai poetta,

me treuvi senza asquas vessem accort

denanza San Fedel…

L’ultima scoperta…grazie alla M4

A causa dei lavori della M4, la statua è stata smontata per poi riposizionarla. E che cosa si è scoperto? All’interno del basamento della colonna, ne è stata rinvenuta una seconda.

Forse una colonna più antica, successivamente crollata, legata proprio all’epidemia della peste, quando, tra il 1576 e il 1630, i milanesi pregavano rivolti verso la colonna.

Potrebbe interessarti anche:


Leonardo, la peste e un progetto urbanistico visionario. Voglia di futuro

Leonardo nel 1484 vive a Milano lo scoppio della peste. Il genio rinascimentale non si abbandona al panico. É consapevole che le pestilenze si vincono elaborando nuove visioni capaci di infondere fiducia, di far capire che occorre affrontare l'emergenza senza dimenticare di pianificare il futuro. Che cosa fa Leonardo? Progetta un nuovo modello di città capace di sviluppare anticorpi urbani per...Leonardo, la peste e un progetto urbanistico visionario. Voglia di futuro ultima modifica: 2020-03-16T12:11:44+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Storia di una via milanese: Giangiacomo Mora, la colonna infame e Manzoni

Storia e cultura: leggiamo la storia passeggiando in via Giangiacomo Mora perchè il  futuro è alle spalle La storia non si ripete mai uguale a se stessa, ma presenta elementi che aiutano a comprendere gli eventi che sono in corso. Non esiste futuro senza conoscenza storica. Milano, anno 1630 Molte persone cominciano a morire presentando gli stessi sintomi: febbre alta, mal di...Storia di una via milanese: Giangiacomo Mora, la colonna infame e Manzoni ultima modifica: 2020-03-29T12:24:11+00:00 da Monica Viani

 

La colonna del Verziere: la peste, il mercato e la Ninetta del Verzee ultima modifica: 2020-04-06T09:20:01+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *