Cibo, cultura e innovazione: start up per fare restart

Start up per fare restart: cibo cultura innovazione. Non vogliamo entrare nello schieramento dei “superpositivi” che non hanno capacità di rilevare le differenze e offrono sempre una visione univoca, ultra positiva e spesso lontana dalla realtà. Certamente, soprattutto se si parla di cibo ed Italia, il mix creatività + entusiasmo ha sempre portato un gran bene alla nostra economia sin dalla nostra storia antica, anche nei momenti peggiori (se pensiamo alla letteratura è bene ricordare che il Decamerone nacque durante la peste fiorentina che costrinse il gruppo protagonista a migrare nella campagna vicina e più sicura). Queste tre start up lo dimostrano, sembre che lo spirito italico alberghi ancora nelle nostro DNA.

“Brutti ma buoni” per ridare dignità a tutta la frutta e verdura

Questa è la bella storia di Babaco Market, una piccola impresa nata su Facebook e in costante crescita grazie alla forza dei social media e delle sue Community. In concreto, cos’è Babaco Market? Un abbonamento con cui ricevi a casa frutta e verdura fuori dall’ordinario. Prodotti che non superano i concorsi di bellezza indetti dai canali tradizionali e che rischiano di essere sprecati. Con consegna a domicilio in una box.

Al.ta Cucina, la forza delle community nei social network

Nel 2016 Alessandro e Simone hanno creato una Community Facebook, Al.ta Cucina, che proponeva video ricette molto semplici ma orientate alla cucina di qualità. Oggi, la Community è diventata un business con 12 persone che lavorano sul progetto e grandi ambizioni per il futuro.

Biova Project: trasformare il pane in birra

L’idea di ottenere la birra dal pane raffermo risale all’antico Egitto, diamo quindi a Ramses ciò che è di Ramses: parliamo di un’antica ricetta in chiave moderna con risvolti ecologici, il pane per produrre Biova Beer è recuperato dall’invenduto di supermercati e panetterie. L’impiego del pane, dal punto di vista produttivo, sostituisce una parte importante del malto d’orzo normalmente utilizzato e restituisce alla birra un sapore leggermente sapido, dissetante e unico: se si pensa che qualunque tipo di pane può essere trasformato in birra ecco che avremo ogni volta un gusto diverso. “Cibo cultura innovazione” sembra essere un trinomio fortunato.

PS. A proposito di birra: vuoi vedere come costruire con il “fai da te” un boccale unico? Guarda qui

Potrebbe interessarti anche:


Come riciclare gli scarti del vino? Ci pensa la start up Vegea

Come riciclare gli scarti del vino? Ci pensa la start up Vegea, vincitrice del titolo italiano della Chivas Venture 2019,  l’autorevole contest internazionale che premia start up e imprenditori visionari che desiderano fare business virtuoso e sostenibile. Moda e food si alleano per salvaguardare l'ambiente. Ed ecco dunque un tessuto cruelty-free ed ecosostenibile con l'obiettivo di contribuire a fermare...Come riciclare gli scarti del vino? Ci pensa la start up Vegea ultima modifica: 2019-01-22T07:37:00+01:00 da Monica Viani

Cibo, cultura e innovazione: start up per fare restart ultima modifica: 2021-01-19T17:50:05+01:00 da Fabrizio Bellavista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *