Siddharta, un successo letterario diventato brand

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Siddharta di Hermann Hesse è un caso editoriale. Un tascabile di poche pagine, copertina mai cambiata, 86 ristampe in 40 anni. Un romanzo amato da più generazioni. Per molti un libro accattivante, di facile lettura, capace di intercettare la nuova tendenza culturale che si apriva verso l’Oriente. Hesse non era mai stato in Oriente, aveva solo interpretato la voglia un po’ facile di trascendenza. Certo non è un libro impervio, come spesso lo sono i libri che vogliono indicare una nuova strada. Diciamo che è stato ed è un testo che appaga la sete di verità facilmente accessibili. Ha anticipato il successo delle citazioni come compendio della ricerca filosofica. Oggi Siddharta è un marchio pop, tanto da essere diventato il nome di ristoranti non necessariamente etnici, di alberghi e di tante altre cose. In un’epoca che ama la fluidità, Siddharta ben la rappresenta. Lo leggi e puoi adattarlo facilmente alle tue convinzioni.

Potrebbe interessarti anche:


“L’amore ai tempi del colera”…mangiare per amore

Cibo e letteratura: un incontro culturale declinato utilizzando diversi ingredienti. Il cibo può essere protagonista di un romanzo fin dal titolo o solo evocarlo attraverso i sentori e i...“L’amore ai tempi del colera”…mangiare per amore ultima modifica: 2017-04-19T10:34:59+00:00 da Monica Viani

Cibo e letteratura: un incontro culturale declinato utilizzando diversi ingredienti. Il cibo può essere protagonista di un romanzo fin dal titolo o solo evocarlo attraverso i sentori e i profumi della cucina. Sapori, saperi e profumi ci aiutano a...“L’amore ai tempi del colera”…mangiare per amore ultima modifica: 2017-04-19T10:34:59+00:00 da Monica Viani

Cibo e letteratura: un incontro culturale declinato utilizzando diversi ingredienti. Il cibo può essere protagonista di un romanzo fin dal titolo o solo evocarlo attraverso i sentori e i profumi della cucina. Sapori, saperi e profumi ci aiutano a interpretare uno dei più grandi romanzi di Gabriel García Márquez: “L’amore ai tempi del colera”. In tutti i libri dell’autore...“L’amore ai tempi del colera”…mangiare per amore ultima modifica: 2017-04-19T10:34:59+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Giornata della Memoria: nei lager il cibo diventa sogno

Il 27 gennaio è la Giornata della Memoria, la giornata in cui si ricordano le vittime del nazismo, lo sterminio degli ebrei e il dramma dei deportati nei lager. Il nazismo, come tutte le forme di dittatura, mira alla privazione dell’identità. Il cibo, nutrimento del corpo ma anche dell’anima, assume in tale processo di annientamento un ruolo importante. Se...Giornata della Memoria: nei lager il cibo diventa sogno ultima modifica: 2017-01-26T18:58:32+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Un week end a Dolceacqua: il borgo amato da Monet

Borghi: come descriverli? Non è facile, ognuno nasconde il suo tesoro, ognuno ha una sua storia tra sacro e profano. Famelici ha visitato per voi cinque borghi liguri in provincia di Imperia: Airole, Dolceacqua, Pigna, Perinaldo e Apricale. Comun denominatore? Tutti Bandiere Arancioni, una delle numerose iniziative del Touring Club Italiano in difesa del patrimonio culturale e storico italiano. Dal 1998 il TCI...Un week end a Dolceacqua: il borgo amato da Monet ultima modifica: 2017-05-24T14:25:03+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Il tipico vino Roccese: “A Trincea” ad Airole

Aprofittando di un press tour organizzato dal Tourng Club Italiano per fare conoscere i borghi Bandiere Arancioni, la settimana scorsa ho potuto visitare un piccolo borgo di origine medievale: Airole, in provincia di Imperia. La tappa presso l'azienda agricola "A Trincea" mi ha permesso di conoscere un vino riportato alla vita da Dino Masala: il roccese, considerato dagli enologi il...Il tipico vino Roccese: “A Trincea” ad Airole ultima modifica: 2017-06-01T20:33:15+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Milano e Alda Merini. In viaggio con la poetessa dei Navigli

Sono nata il ventuno a primavera ma non sapevo che nascere folle, aprire le zolle potesse scatenar tempesta. Così Proserpina lieve vede piovere sulle erbe, sui grossi frumenti gentili e piange sempre la sera. Forse è la sua preghiera. (da Vuoto d'amore, Einaudi 1991) Così Alda Merini evocava la sua data di nascita in un giorno di primavera del 1931: il 21 marzo. Una data eletta dall’Unesco a World...Milano e Alda Merini. In viaggio con la poetessa dei Navigli ultima modifica: 2017-03-20T10:18:59+00:00 da Alessandra Cioccarelli


Potrebbe interessarti anche:


Roland Barthes: parlare di cultura, ovvero di cibo

Parlando di cibo si può discutere di mitologia, di contemporaneità, di impero giapponese, di pittura, di scrittura. ..e di tanto altro! Sì, avete letto bene: il cibo è cultura. Roland Barthes ne è convinto: il cibo è un sistema semiologico quasi perfetto. É una forma di linguaggio e di sistema valoriale che ci indica i codici di comportamento. Mangiare è parlare, discutere,...Roland Barthes: parlare di cultura, ovvero di cibo ultima modifica: 2017-02-09T13:18:26+00:00 da Monica Viani

 

 

Siddharta, un successo letterario diventato brand ultima modifica: 2017-06-06T08:50:21+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *