Cibo e cultura: Jack London e il Kimchi. Ma tu sai che cos’è?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Lo scrittore americano Jack London fu uno dei primi a scrivere di kimchi : “Conosco il kimchi. Kimchi è una sorta di crauti realizzati in un paese che un tempo si chiamava Cho-Sen. Le donne di Wosan fanno il miglior kimchi”. Ecco come l’America conobbe il Kimchi.

Nel 1904 lo scrittore americano Jack London, corrispondente di guerra in Corea per il San Francisco Examiner, fu arrestato dalle autorità militari giapponesi. Un’esperienza che avrebbe contribuito alla stesura del romanzo Il vagabondo delle stelle, pubblicato nel 1915.

Il Kimchi è la Corea nel piatto. Che cos’è e come riconoscerlo

Una sorta di crauti”? In realtà si tratta di un piatto, in genere a base di cavolo rosso fermentato. Si distingue per il suo sapore piccante che brucia la lingua, ma che al tempo stesso richiama la sensazione dello stufato.

C’è voluto del tempo perché questo piatto oltrepassasse il confine coreano e che venisse considerato un ottimo alimento per il nostro intestino. Per farlo, oltre al tradizionale cavolo rosso (Napa), si possono utilizzare:

  • ravanelli
  • l’anice di finocchio
  • lo scalogno 
  • i cetrioli. 

Altre verdure o erbe o spezie utilizzate:

  • la radice di campanula
  • i pomodori verdi
  • il crescione
  • l’erba cipollina 
  • lo zenzero.

C’è chi non avendo tempo o capacità, evita la fermentazione utilizzando l’aceto. In Corea non si parlerebbe di kumchi, ma piuttosto di muchims. Sempre per evitare la fermentazione si può usare il gochugaru (una polvere di peperone rosso coreana dolce e fruttata, meno piccante) o l’olio di semi tostato.

Il segreto? Salare le verdure e lasciarle riposare per circa 30 minuti per estrarre l’acqua in eccesso.

Come servirlo? Si abbina perfettamente a carni alla griglia, braciole di maiale, pesce o anche ad una semplice ciotola di riso.

E da bere? Se si opta per il vino, va scelto un vino con acidità vivace per rinfrescare il palato.

Potrebbe interessarti anche:


La cucina coreana: bocconcini di curiosità #foodcultural

Ogni cucina nazionale è un universo di combinazioni e invece di racchiudere piatti, tipicità, sapori e varianti della cucina coreana in un solo articolo necessariamente non esaustivo, è meglio stendere una metaforica tovaglia e apparecchiare piccole curiosità #foodcultural. Trasformando un lauto argomento in appetitosi bocconcini con qualche link da gustare, il contributo di Famelici all’esplorazione delle cucine asiatiche si arricchisce allora...La cucina coreana: bocconcini di curiosità #foodcultural ultima modifica: 2019-03-17T18:18:54+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend


Potrebbe interessarti anche:


Contro i pregiudizi sulla cucina orientale? Tanta cultura

Tornano le mie incursioni nel magico mondo dell’Oriente, perché la passione per la cultura e per la cucina orientale sembra essere inesauribile. I ristoranti da provare sono tantissimi. Il...Contro i pregiudizi sulla cucina orientale? Tanta cultura ultima modifica: 2017-02-15T23:15:17+00:00 da Monica Viani

Tornano le mie incursioni nel magico mondo dell’Oriente, perché la passione per la cultura e per la cucina orientale sembra essere inesauribile. I ristoranti da provare sono tantissimi. Il focus di oggi vuole aiutarvi a superare alcuni luoghi comuni....Contro i pregiudizi sulla cucina orientale? Tanta cultura ultima modifica: 2017-02-15T23:15:17+00:00 da Monica Viani

Tornano le mie incursioni nel magico mondo dell’Oriente, perché la passione per la cultura e per la cucina orientale sembra essere inesauribile. I ristoranti da provare sono tantissimi. Il focus di oggi vuole aiutarvi a superare alcuni luoghi comuni. Assodato che distruggerli, non è facile, ecco alcuni spunti per imparare a conoscere un universo che tanto ci affascina. Partiamo...Contro i pregiudizi sulla cucina orientale? Tanta cultura ultima modifica: 2017-02-15T23:15:17+00:00 da Monica Viani

Cibo e cultura: Jack London e il Kimchi. Ma tu sai che cos’è? ultima modifica: 2020-07-04T19:45:00+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *