Lo chef Roberto Conti e il suo stile gourmet-III° parte

Siamo arrivati alla terza e ultima puntata del viaggio intrapreso per scoprire come lo chef Roberto Conti abbia costruito uno stile gourmet inconfondibile. Lo chef inaugura il suo terzo anno a Il Ristorante Trussardi alla Scala dando spazio ad una “seconda stagione” della sua espressività gastronomica, confermando la sua scelta di una cucina che alleggerisce senza rinunciare al gusto. Per farlo ha investito molto sulla costruzione di una squadra, puntando sull’autorevolezza. “Ogni staff ha bisogno di un leader- ci racconta-che tracci il percorso da seguire per raggiungere la meta, ma anche un leader ha bisogno di una squadra per andare oltre i propri limiti: la mia sfida è trovare ogni giorno il canale più corretto per dare valore al ruolo di ciascuno”.

Ma chi è lo chef Roberto Conti?

Tutti abbiamo avuto un’occasione interessante nella vita. Qualcuno l’ha colta, qualcuno non l’ha neppure vista, qualcuno l’ha scartata per paura di mettersi in gioco. chef Roberto Conti: gamberoDevi avere molta voglia di vivere ogni emozione, di rischiare per un’ideale che hai in testa e che vuoi inseguire, consapevole che potrebbe sgretolarsi sotto gli occhi. Ecco per me Roberto Conti è un professionista che ha avuto la forza di fare una scelta coraggiosa: misurarsi con se stesso, accettare la sfida di costruire la propria firma “gourmet” in un ristorante blasonato, rischiare le critiche di chi forse si aspettava il nome di uno chef già affermato. Conti ha scelto il proprio futuro con la consapevolezza che inseguire i propri sogni non è semplice. Lo ha fatto in modo intelligente, scegliendo di intraprendere da subito un percorso personale senza tentennamenti. A Famelici piace chi mette in gioco se stesso mixando ragione e sentimento. E a voi?

2017 – Collezione P/E


Potrebbe interessarti anche:


Lo stile gourmet di Roberto Conti-II° Parte

Continua l'analisi di Famelici su come Roberto Conti abbia costruito uno stile gourmet inconfondibile in soli tre anni. Siamo nel 2016, secondo anno da executive chef al Trussardi alla Scala di Milano. É l'anno in cui perfeziona la sua proposta, mettendo a frutto le sue esperienze passate: dai segreti sul mondo vegetale appresi da Pietro Leemann alla pulizia del...Lo stile gourmet di Roberto Conti-II° Parte ultima modifica: 2017-08-10T22:12:52+02:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Roberto Conti: come si crea uno stile gourmet inconfondibile

"Quando nel 2015 sono diventato executive chef al Ristorante Trussardi alla Scala di Milano mi sono subito proposto di costruire una brigata collaborativa, propositiva, capace di lavorare in team. Il mio obiettivo era quello di creare un menu con piatti facilmente comprensibili, legati alla tradizione italiana, sia pure rivisitata. Mi sono concentrato poi sulla ricerca e lo studio di...Roberto Conti: come si crea uno stile gourmet inconfondibile ultima modifica: 2017-05-11T16:55:35+02:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Noi chef (non) siamo così

Non è vero che tutti gli chef sono uguali. Esistono cuochi che non sono showman o peggio personaggi incapaci di comunicare qualcosa di rilevante. Ci sono professionisti che ancora...Noi chef (non) siamo così ultima modifica: 2017-06-01T09:47:48+02:00 da Monica Viani

Non è vero che tutti gli chef sono uguali. Esistono cuochi che non sono showman o peggio personaggi incapaci di comunicare qualcosa di rilevante. Ci sono professionisti che ancora vogliono farsi conoscere per il loro talento. Ecco alcuni protagonisti...Noi chef (non) siamo così ultima modifica: 2017-06-01T09:47:48+02:00 da Monica Viani

Non è vero che tutti gli chef sono uguali. Esistono cuochi che non sono showman o peggio personaggi incapaci di comunicare qualcosa di rilevante. Ci sono professionisti che ancora vogliono farsi conoscere per il loro talento. Ecco alcuni protagonisti della cucina italiana ed europea che non aderiscono allo stereotipo dello “chef macho”. Roberto Conti, chef giovane, simpatico, carismatico e...Noi chef (non) siamo così ultima modifica: 2017-06-01T09:47:48+02:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Chef, artisti e poeti della cucina

Jin Hu, Antonio Biafora, Roberto Conti non solo chef, ma anche artisti e poeti della cucina. Protagonisti fuori dal coro di un mondo enogastronomico alla ricerca di nuove proposte. Piatti che mixano cultura orientale e occidentale Jin Hu, il giovane titolare del ristorante Izu a Milano,  interpreta con maestria  una cucina giapponese che ricerca un  equilibrio tra i contrasti, coniugando la tradizione del...Chef, artisti e poeti della cucina ultima modifica: 2016-03-06T20:00:09+01:00 da Monica Viani

Lo chef Roberto Conti e il suo stile gourmet-III° parte ultima modifica: 2017-08-21T00:02:36+02:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *