La ricetta dello zabaione. Un evergreen della pasticceria

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Chi non ama lo zabaione? Come la madeleine di Proust, richiama l’infanzia. Una storia misteriosa, le sue origini non sono certe. Probabilmente si cominciò a farne uso in pasticceria nel XVI secolo. La prima testimonianza scritta risale al ricettario di Bartolomeo Stefani scritto nel XVII secolo.

Le origini non certe dello zabaione

Secondo alcuni la più antica ricetta risalirebbe alla creatività di un cuoco  della corte dei Gonzaga, a Mantova.

Altri storici ritengono, invece, che la ricetta sia nata intorno al 1500 nei pressi di Reggio Emilia e che abbia preso il nome dal Capitano Giovanni Baglioni – chiamato in dialetto “Zvàn Bajòn. Ma esistono altre tesi che, affermano che fu creata a Torino nel 500 dal francescano Pasquale de Baylon, santo protettore dei cuochi. Anche Venezia ne rivendica la paternità.

Lo zabaione – conosciuto anche come zabajone o zabaglione – è una crema dolce facile da preparare, ma che non si può risolvere banalmente con sbattere tuorli e zucchero. C’ è una regola da non infrangere.  I tuorli vanno sbattuti a caldo e soprattutto non bisogna sbagliare le quantità degli ingredienti.

Quando preparare lo zabaione?

Beh è una ricetta invernale, particolarmente adatto per festeggiare il Natale, il Capodanno e la Befana. Può essere proposto come dolce al cucchiaio ma anche per farcire dolci e torte.

La ricetta dello zabaione

Per zabaione

Ingredienti

tuorli 100 g (4 tuorli circa)

zucchero a velo80 g

Marsala secco 80 g

 Procedimento

Mettere i tuorli, possibilmente in un contenitore di rame con fondo non piatto, con lo zucchero e il marsala. Posizionare il contenitore a bagnomaria. Il fuoco deve essere basso. Fare addensare con una frustasbattendo continuamente. La crema dovrà non scivolare dalle pareti del contenitore. Si serve nelle tazze, con l’aggiunta volendo di cacao o polvere di caffè. Da servire caldo.

Potrebbe interessarti anche:


Chi ama la pizza gourmet va da Bedussi (e ordina anche il gelato e i dolci!)

Francesco Bedussi ama le sfide e soprattutto vuole vincerle! Per farlo nessuna improvvisazione, ma tanto studio e tanta caparbietà. Dopo la laurea all'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, le prime esperienze con Gianluca Fusto, successivamente con il lievitista Ronaldo Morandin, il panificatore Ezio Marinato, lo chef Davide Scabin e la grande avventura nella cucina di Enrico Crippa. Scopre la...Chi ama la pizza gourmet va da Bedussi (e ordina anche il gelato e i dolci!) ultima modifica: 2018-07-23T17:46:39+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Ricette primaverili: crepes dolci con robiola

La primavera timidamente avanza. Famelici vi propone una ricetta primaverile, adatta anche per il pranzo pasquale: le crepes dolci con robiola. Crepes dolci con robiola Ingredienti Per 4 persone 150 g Robiola Biologica Nonno Nanni 100 g  Farina 100 ml...Ricette primaverili: crepes dolci con robiola ultima modifica: 2018-03-25T22:16:49+00:00 da Monica Viani

 

La ricetta dello zabaione. Un evergreen della pasticceria ultima modifica: 2019-12-26T17:29:34+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *