Come riconoscere la vera birra artigianale

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Oggi è sempre più difficile districarsi tra mille informazioni e consigli per l’acquisto. Quali sono veri? La birra artigianale è un prodotto di grande richiamo, non stupisce che il termine artigianale possa diventare un facile richiamo per il consumatore.

Nel 2018 sono stati censiti 850 impianti, diffusi soprattutto nel Nord Italia. Ma ormai ogni provincia italiana può contare almeno un birrificio artigianale. Impiegano più di 4000 lavoratori.

Come riconoscere la vera birra artigianale

Ma come fa il consumatore a essere sicuro di bere una autentica birra artigianale? Con l’ascesa delle birre artigianali, è cresciuto il timore che i grandi gruppi industriali possano creare confusione. Da qui l’esigenza di creare il primo marchio collettivo.

L’idea dei birrai di Unionbirrai è quella di garantire la birra artigianale con il marchio Indipendente Artigianale, già apponibile su bottiglie e imballaggi in modo da assicurare le caratteristiche di indipendenza del produttore e di artigianalità del prodotto.

L’esigenza di creare un marchio che identifichi i veri birrifici artigianali – spiega Vittorio Ferraris, Presidente di Unionbirrai – è nata dal grande incremento nel numero di produttori che c’è stato negli ultimi anni. A seguito di questa crescita e del successo riscontrato sul mercato italiano, i grandi marchi industriali hanno iniziato a realizzare dei prodotti molto simili alle birre artigianali o hanno acquistato alcuni birrifici che quindi non sono più indipendenti. Ecco allora che questo simbolo ci consente di informare correttamente il consumatore, garantendo ai veri produttori artigianali il riconoscimento del loro lavoro”.

 La legge che definisce quando una birra si può dire artigianale

Come riconoscere la vera birra artigianale

Nel 2016 l’Italia si è dotato di una definizione legislativa relativa a cosa intendere con la dizione birra artigianale. Un vero elemento innovativo nel contesto internazionale. La legge sulla birra artigianale (154/2016) recita: si definisce birra artigianale la birra prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta, durante la fase di produzione, a processi di pastorizzazione e di microfiltrazione. Una indipendenza sia legale che economica.

Quando nasce in Italia la birra artigianale

I pionieri iniziano a produrre birra artigianale nel 1996. In pochi anni cresce la cultura della birra. La birra artigianale è ricercata per la sua capacità di differenziarsi da quella industriale, il cui tratto distintivo è quello di presentare un gusto sempre uguale a se stesso.

L’Italia è uno dei primi paesi europei a sviluppare questo mercato. Non esiste un consumatore assuefatto a una birra, la curiosità, la voglia di sperimentare è più forte. In più, il nostro paese ha una grande tradizione culinaria che allena al gusto. Il nostro palato è educato a riconoscere e ad apprezzare i sapori. La birra artigianale, a differenza di quella industriale,  si presta ad accompagnare un pasto. Il compito più grande è quello di fare conoscere la cultura della birra, di educare il consumatore.

Chi è Unionbirrai

Associazione di categoria fondata nel 1999

  • 325 associati produttori
  • 688 beer taster
  • 24 beerfirm
  • 5 distributori specializzati
  • 15 partner tecnici
  • 26 pub

Il futuro della birra artigianale passa attraverso i pub

Recentemente Unionbirrai ha messo  in cantiere anche un marchio dedicato ai pub: una targa in ottone che permetterà ai clienti di riconoscere le realtà dove è quotidianamente possibile assaggiare la vera birra artigianale italiana.

Salute!

Potrebbe interessarti anche:


Cantine, agriturismi, ristoranti: il programma gourmet di Parma, Piacenza e Reggio Emilia

Sarà Parma, Città Creativa Unesco per la Gastronomia, epicentro della Food Valley italiana, la capitale della cultura 2020 del Belpaese. Ed è proprio qui, lungo la Via Emilia, nelle province di Piacenza, Parma e Reggio Emilia, che si concentrano oggi le maggiori produzioni di salumi tipici, formaggi, pasta e conserve vegetali dell’Italia. Le tre città dimostrano che cibo e...Cantine, agriturismi, ristoranti: il programma gourmet di Parma, Piacenza e Reggio Emilia ultima modifica: 2019-09-26T16:15:33+00:00 da Doppiamente Famelici


Potrebbe interessarti anche:


Pane di Matera, quando cibo è cultura

Cibo è cultura. Matera è la Capitale della Cultura 2019. Il pane è il cibo con più significati culturali. Inutile dirvi che era impossibile non scrivere del pane di Matera. Cibo e cultura: il pane di Matera Il cornetto materano, detto anche pane alto, risale all’epoca del Regno di Napoli. In origine, prevedeva l’utilizzo della semola di grano duro e una...Pane di Matera, quando cibo è cultura ultima modifica: 2019-04-15T08:58:57+00:00 da Monica Viani

Come riconoscere la vera birra artigianale ultima modifica: 2019-10-01T10:09:37+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *