Come fare la migliore insalata russa (con un pizzico di storia)

L’insalata russa è un classico della cena o del pranzo di Natale. Un piatto “canaglia” che incontra il gusto di tanti. Ecco come farla e qualche notizia sulla sua storia.

Conosci la storia delle origini dell’insalata russa? Sarebbe più corretto parlare di leggenda. Si narra che la prima insalata russa sia stata fatta nel 1864 dallo chef franco-belga Lucien Olivier presso il ristorante L’Ermitage. Purtroppo non conosciamo la sua ricetta nata dall’osservazione di come un cliente alquanto bizzarro mescolava diversi ingredienti tra loro. Il giorno seguente lo chef lo imitò mixando verdure, frutti di mare, selvaggina legati da una salsa misteriosa. Si trattava della salsa Oliver Salad, più conosciuta come insalata russa.

Oliver è l’inventore dell’insalata russa? Non tutti sono d’accordo. Alcuni documenti attestano che sarebbe nata prima. La sua ricetta è riportata nel ricettario ‘Il cuoco moderno‘ dello chef Charles Elmé Francatelli (1805-1876) sotto il nome di Insalata Russa. Qualunque sia la sua storia, l’insalata russa ha avuto un gran successo in tutto il mondo. Oggi poco rimane della ricetta originale e del caviale che la rendeva esclusiva, ma patate e maionese sono rimaste tra gli ingredienti indispensabili.

Se in Italia l’insalata russa è protagonista delle tavole natalizie, in Russia è servita a Capodanno, negli Usa tutti i giorni come antipasto e in Spagna accompagna le tapas. L’insalata russa ha anche la sua Giornata mondiale, che si celebra ogni 14 novembre.

Come fare la migliore insalata russa

Gli ingredienti indispensabili? Carote, rape e patate lessate e tagliate a cubetti, punte d’asparagi e pisellini dolci. Aggiungete poi a piacere listarelle di lingua salmistrata, polpa di aragosta o pesce a polpa soda, funghi bolliti, tartufi, cetrioli salati, capperi, uova sode. Condite con maionese, che può essere anche gelatinata. La decorazione può prevedere gli stessi ingredienti impiegati per la composizione. Si possono aggiungere filetti d’acciuga, fettine di pomodoro, olive snocciolate e capperi. la tradizione vuole che sia servita circondata da spicchi di uova sode.

Potrebbe interessarti anche:


Tradizionale, gourmet o vegano: 5 idee per il menu di Natale

Ogni anno la stessa domanda: come stupiamo i nostri ospiti a Natale? Se esitate ancora se proporre carne o pesce, o volete presentare un dessert da urlo, questi suggerimenti famelici, dovrebbero aiutarvi. Soprattutto per evitare il pericolo peggiore: servire piatti senza alcun legame tra loro. A Natale il successo è assicurato se sapete costruire un menu perfetto, senza cadute...Tradizionale, gourmet o vegano: 5 idee per il menu di Natale ultima modifica: 2019-12-06T23:49:30+01:00 da Redazione Famelici


Potrebbe interessarti anche:


5 cocktail per Natale (con ricette) per un brindisi indimenticabile!!!

Per Natale che ne dite di un cocktail per riscaldarsi e prepararsi al cenone o al pranzo? Noi vi suggeriamo 5 cocktail: dal Moonshine Margarita al Carlo's Iced Tea A Natale non può mancare l'antipasto...5 cocktail per Natale (con ricette) per un brindisi indimenticabile!!! ultima modifica: 2020-12-22T06:34:14+01:00 da Monica Viani

Come fare la migliore insalata russa (con un pizzico di storia) ultima modifica: 2021-11-14T12:55:33+01:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *