Corte del Gallo: quando la cucina di un agriturismo diventa experience

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Non è vero che la cucina di un agriturismo va apprezzata solo perchè propone la tradizione. Provate ad andare alla Corte del Gallo a Rivergaro, in provincia di Piacenza, dove sarete accolti con grande simpatia da Franco e Mariuccia.

Dovreste andarci non solo per la cucina, ma anche per passare una giornata a contatto con la natura. Qui trovate il maneggio e il centro di equitazione Loves Horses, aperto sia a cavallerizzi che sanno il fatto loro che a principianti che non hanno mai provato l’ebbrezza  della “prima cavalcata”.

Corte del Gallo quando la cucina di un agriturismo

Ma torniamo alla cucina proposta dal giovane cuoco Elia Sartori, che si destreggia tra la consapevolezza di dover presentare piatti della tradizione e il desiderio di dare forma alla sua creatività.

Corte del Gallo: quando la cucina di un agriturismo diventa experience

Corte del Gallo: quando la cucina di un agriturismo

Elia ha dimostrato che si può fare. Si può rispettare e dialogare con la tradizione, senza tradire le aspettative di chi va a mangiare in un agriturismo. Il suo merito? Sia che proponga piatti della tradizione che proposte creative tiene alta l’asticella della qualità. Eh sì, la tradizione può sposare l’innovazione. Si può conservare, si può innovare, tutto nel rispetto del territorio e della cucina.

Mi sarebbe piaciuto – mi racconta Elia – fare il liceo artistico, poi ho scelto di frequentare l’IPSSAR a Piacenza. La cucina mi ha sempre attratto. Dopotutto arte e cucina condividono creatività e passione. In particolare, lo scultore e il pittore, come il cuoco, devono trovare quel filo invisibile che consenta all’estro, attraverso la manualità, di esprimersi. Per me fare un arrosto è come dipingere un quadro. Artisti e cuochi condividono anche il medesimo problema: l’attenzione al portafoglio!”

La cucina di Elia si sviluppa all’interno delle eccellenze piacentine: dalla coppa ai turtei con la cua. Ma con una marcia in più.

Corte del Gallo quando la cucina di un agriturismo

Elia ha un’idea precisa di che cosa sia la cucina e la esprime nella rivisitazione della tradizione. Un esempio? La capacità di trasformare i tradizionali turtei con la cua in bocconi di esperienza, dove sapori e colori si incontrano. Vi assicuro che vale la pena prendere l’auto e andare a provarli.

Corte del Gallo: il menu

Nessuna delusione, qualsiasi sia il piatto che ordiniate. Tutte le fantasie del gusto sono esaudite. Imperdibile il classico antipasto alla piacentina: dalla coppa alla pancetta senza dimenticare il salame. Difficile trattenersi! Si tratta di bocconi così dolci che è difficile imporre un rifiuto a riassaggiare ciò che si è già gustato. I bis non si contano!

Il piatto che più mi ha colpito è sicuramente i turtei con la cua in versione gorgonzola e ortica. Un tortello intrecciato come se fosse un cesto o una caramella golosa. Un lavoro di manualità e di pazienza che ti fa capire quanta cultura si nasconda in quel piatto.

Anche in questo caso, nessuna vergogna se indugiamo al bis e forse al…

Corte del Gallo a Rivergaro: la proposta gourmet di Elia

É una sorpresa estetica, ma soprattutto di gusto, un piatto che non ti aspetti in un agriturismo. In apparenza l’innovazione, nella realtà la tradizione che fa capolino nella contemporaneità.

Un piatto che piace soprattutto – continua Elia – alla clientela più giovane, aperta all’innovazione e a riscoprire senza pregiudizi quella tradizione che talvolta non ha mai avuto l’occasione di conoscere“.

Il futuro dell’agriturismo: cambiare per crescere

Nonostante la giovane età Elia ha le idee chiare su come dovrebbe trasformarsi l’agriturismo per crescere: “noi siamo i difensori, l’ultimo baluardo, della cucina italiana. Proponiamo piatti che recuperano ingredienti della nostra tradizione. Dobbiamo relazionarci con la rinascita delle botteghe, lavorare insieme nel nome dell’eccellenza. L’agriturismo, in particolare, deve riportare in menù quale prodotto è stato usato e dove è stato acquistato. Si tratta di costruire un circuito per valorizzare il territorio“.

Il mood di Corte del Gallo

Non si tratta solo di cucina. Corte del Gallo è un luogo dove si respira felicità, spirito famigliare in un ambiente informale. L’atmosfera può essere riassunta con un solo termine, forse un po’ troppo utilizzato: pop.

“Mangiare in un agriturismo – conclude Elia– è un’esperienza che ti fa vivere un territorio. Esprime un valore culturale, la possibilità di rendere attuale la tradizione“.

Un agriturismo con una buona scelta di vini. Consigliato bere il Gutturnio nella tradizionale scudela. Un posto divertente, caldo, animato. Insomma un vero agriturismo. Uno dei migliori che ho ma i provato.

Corte del Gallo: quando la cucina di un agriturismo

Corte del Gallo

Località Bassano Sotto, 12

29029 Rivergaro (PC)

tel. 0523 958630

info@cortedelgallo.it

Come arrivare

Si segue la SS 45 fino a Rivergaro (frazione Bassano). Da qui, basta seguire il cartello che si trova al bivio sulla sinistra, attraverso una piccola strada si arriva fino a destinazione.

Photo credit: Giorgio Bertuzzi

Potrebbe interessarti anche:


Gutturnio, il rosso dei colli piacentini. Tutto quello che c’è da sapere

Il Gutturnio, il rosso dei colli piacentini, è un vino conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Dal colore ammaliante, con sfumature che vanno dal rubino brillante alla porpora, ricorda...Gutturnio, il rosso dei colli piacentini. Tutto quello che c’è da sapere ultima modifica: 2019-05-28T20:57:56+00:00 da Monica Viani

Il Gutturnio, il rosso dei colli piacentini, è un vino conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Dal colore ammaliante, con sfumature che vanno dal rubino brillante alla porpora, ricorda i colori della viola e del ciclamino. La sua storia,...Gutturnio, il rosso dei colli piacentini. Tutto quello che c’è da sapere ultima modifica: 2019-05-28T20:57:56+00:00 da Monica Viani

Il Gutturnio, il rosso dei colli piacentini, è un vino conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Dal colore ammaliante, con sfumature che vanno dal rubino brillante alla porpora, ricorda i colori della viola e del ciclamino. La sua storia, tutta da scoprire, affonda le radici in un lontano passato; la sua produzione risponde ad un disciplinare e la sua...Gutturnio, il rosso dei colli piacentini. Tutto quello che c’è da sapere ultima modifica: 2019-05-28T20:57:56+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Oasi di Galbusera Bianca: l’Agriturismo Bio di Charme, in Brianza, dove puoi dormire in una stanza colorata che ti racconta una storia

Chi non ama i colori? Pochi. Alcuni poi si lasciano affascinare da quelli forti e decisi. Ebbene esiste un Agriturismo Bio di Charme, l' Oasi di Galbusera Bianca, con 12 stanze e un appartamento arredati a tema, dove  tutte le camere si differenziano per i colori e per la storia che sanno raccontare. Visitarle per me è stato come sfogliare...Oasi di Galbusera Bianca: l’Agriturismo Bio di Charme, in Brianza, dove puoi dormire in una stanza colorata che ti racconta una storia ultima modifica: 2017-10-17T16:04:56+00:00 da Monica Viani

 

Corte del Gallo: quando la cucina di un agriturismo diventa experience ultima modifica: 2019-06-06T10:08:48+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *