Cenare da Sadler in un cortile di una casa di ringhiera della vecchia Milano

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Quando spunta il primo sole estivo a Milano, tutti, milanesi e turisti, vogliono cenare all’aperto. Ora, dopo il lockdown, non è più un desiderio, è un’esigenza! Molti, anche  i grandi chef della Milano gourmet, hanno curato l’apertura di nuovi spazi al di là delle pareti del ristorante.

Per chi ama cenare sotto le stelle, all’aperto, in un cortile circondato da case di ringhiera della vecchia Milano, un posto imperdibile è il Ristorante Sadler. Qui in uno spazio allestito elegantemente, la cui cornice sono case risalenti al 1800, hai una certezza: gustare il piacere dei piatti proposti da un grande chef.

Per me la sua cucina è uno spettacolo teatrale recitato da grandi protagonisti e diretto da un abile regista. Uno spettacolo che tocca le corde dei 5 sensi.

Il prologo: uno scrigno di amuse-bouche

Le sorprese per essere tali, devono essere inaspettate e devono essere preparate predisponendo il palato a riceverle. Ed ecco allora una prima chicca gourmet: una rivisitazione del classico prosciutto e melone, a cui è stata aggiunto carattere grazie al pepe di Sichuan. Si tratta di una zuppa di melone con maionese di melone e prosciutto croccante. Il segreto di un piatto semplice ma di sicuro effetto? L’utilizzo dei semi di melone. Eh sì, perché in cucina non si butta via niente! Una cucina green è la miglior entrée per il restart!!!

cenare da sadler in un cortile. Il prologo: uno scrigno di amuse-bouche

É giunto il tempo del coup de théâtre: 5 amouse-bouche che in un attimo, o meglio in un sol boccone, ti raccontano la cucina di Claudio Sadler. Come narrarla? I piatti indossano costumi eleganti e invitanti. Se il riso da passeggio sceglie una mise più sobria, l’uovo di quaglia, ricotta, olive nere e spirulina non esita a giocare con i colori.

Cenare da Sadler in un cortile. uno scrigno di amuse-bouche

Un tesoro raccontato simpaticamente e in modo originale da disegni colorati che ci suggeriscono gli ingredienti di queste piccole prelibatezze.

cenare da sadler in un cortile. L'antipasto servito in uno scrigno e raccontato con disegni

Primo atto: carpaccio di tonno rosso “dry age” alle erbe con bottarga, salsa di uva e insalatina di germogli

cenare da sadler in un cortile

É un piatto dove gli ingredienti amoreggiano e tu lo assapori quasi in trance. Vorresti essere al loro posto, provare la stessa capacità di creare quella armonia magica. Un piatto, che come nel primo atto di un’opera teatrale ti colpisce per la sorpresa che va al di là delle nostre attese. I ritmi cambiano susseguendosi con improvviso cambi di scena che ti lasciano estasiato.

Secondo atto: cevice con astice e nervetti

sadler

Il secondo atto è il trionfo dell’eleganza del gusto. É puro piacere voluttuoso. É il piatto che prepara al gran finale. Un piatto estremamente moderno, una modernità in costante evoluzione, capace di rispettare la tradizione. Sapori che si fondono unendo culture diverse. Un dialogo tra due ingredienti/attori che necessitano di un’abile regia.

Il gran finale: il tocco del Maestro

Cenare da Sadler in un cortile

I Tortelli di Provolone Sigillo Rosso con susine di Valpolicella e grue di cacao sono l’ultimo atto. Il colpo di scena che non ti aspetti. La sensazione che provi? É come volare senza le ali. Ti libri nell’aria, pur stando comodamente seduto al tavolo. Gustare questo piatto è come entrare in possesso di una chiave che ti dà l’accesso a ricordi nascosti chissà dove. Un piatto dal forte potere evocativo!

E che fine hanno fatto le parole a fine serata? Si sono ammutolite per farci scoprire quel luogo dell’anima dove si crea un concerto di emozioni che sa eseguire solo un grande regista. Una cena che colpisce il cuore!

Potrebbe interessarti anche:


La bresaola d’autore interpretata da Claudio Sadler

"Abbracciare il presente e continuare a inventare il futuro", diceva Karl Lagerfield, grande artista della moda, scomparso in questi giorni. Ebbene è il pensiero dell'azienda Panzeri, un’azienda che da 76 anni opera nella produzione...La bresaola d’autore interpretata da Claudio Sadler ultima modifica: 2019-02-20T15:29:27+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Claudio Sadler presenta il suo nuovo progetto editoriale: “I miei nuovi menu”

Presentato a Milano, presso lo spazio Experience Pommery,  il nuovo progetto editoriale di Claudio Sadler: "I miei nuovi menu", edito da Giunti Editore, vera dimostrazione che cibo e cultura sono due "elementi" che sanno sempre dare vita a...Claudio Sadler presenta il suo nuovo progetto editoriale: “I miei nuovi menu” ultima modifica: 2017-10-29T21:30:02+00:00 da Monica Viani

 

Cenare da Sadler in un cortile di una casa di ringhiera della vecchia Milano ultima modifica: 2020-07-20T16:20:06+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *