Il riscatto della carne rossa: non farebbe più male. Sarà vero?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

La carne rossa fa male? Oibò stiamo assistendo a un rivolgimento inaspettato. Il riscatto della carne rossa: non farebbe più male. Come sempre forse è meglio rifuggire dalle posizioni radicali.

Il riscatto della carne rossa: non farebbe più male

Uno studio pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine, pubblicata dall’American College of Physicians sostiene che la carne rossa è stata ingiustamente demonizzata ed esclusa dalle nostre diete. Non ci sarebbero prove della relazione tra carne rossa, tumori e malattie cardiovascolari. La ricerca è stata portata avanti da un team di 14 ricercatori di 7 paesi. L’analisi è stata svolta in maniera indipendente, ovvero senza finanziamenti esterni, senza conflitti di interesse.

Consumare poca carne rossa e affettati come  prescritto dalle linee guida dell’International Agency for Research on Cancer (IARC) di Lione, agenzia dell’Oms, è un consiglio da seguire senza arrivare all’eliminazione.

3 porzioni a settimana di carne rossa, circa 500 grammi complessivi per un adulto, non farebbero male, anzi contribuirebbero a fornire il giusto apporto proteico. Sugli affettati ci sarebbero meno studi e dunque minori consigli. Vale la regola della moderazione.

Naturalmente la rivendicazione della salubrità della carne rossa ha sollevato numerose proteste. Si è contestata la ricerca basata su dati raccolti da racconti di persone che, con un elevato margine di rischio, descrivono la loro dieta quotidiana. Si preferisce in genere osservare per eliminare errori. Mancherebbe poi una valutazione sull’impatto ambientale degli allevamenti di carne rossa. Effetti indesiderati da non sottovalutare! Ridurre il consumo di carne rossa, inserendo nella nostra dieta più legumi, aiuta a ridurre i gas serra, responsabili dei cambiamenti climatici. Ultima accusa: si prende in esame un solo ingrediente, scorporandolo da un contesto complessivo.

Che dire? Il dibattito è aperto, ma intanto il consumatore è disorientato.

Un altro mito da sfatare: non serve scongelare la carne prima di cuocerla

Anzi se non la scongeliamo è ancora più buona. Non lo diciamo noi, ma diversi chef ed esperti di cucina. Perchè non anfrebbe scongelata? Per non farle perdere troppi liquidi e per non farla rinsecchire. Si prende la bistecca e la si mette in padella, badando a tenere il fuoco molto alto. Per una bistecca al sangue gli chef consigliano una temperatura di 250°C. La parte esterna, sottoposta ad alta temperatura, proteggerà quella interna.

Potrebbe interessarti anche:


La wagyu, la carne più pregiata del mondo

Il Giappone è una terra che da sempre ci affascina a partire dalla sua cultura enogastronomica. La carne wagyu, letteralmente manzo giapponese, è ritenuta la migliore carne del mondo. La wagyu, la carne più pregiata...La wagyu, la carne più pregiata del mondo ultima modifica: 2019-05-12T23:20:53+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


I segreti per grigliare le verdure

Per i vegani e i vegetariani c'è una certezza: si possono grigliare anche le verdure. E non si può dire che siano un piatto triste. Cavolfiore, patata, zucchine, melanzane, pomodori, peperoni ..tutto ciò che vi...I segreti per grigliare le verdure ultima modifica: 2019-07-01T21:05:53+00:00 da Monica Viani

Il riscatto della carne rossa: non farebbe più male. Sarà vero? ultima modifica: 2019-10-04T11:09:59+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *