Ciclo doloroso e le paturnie: come mangiare fuori casa

Per noi donne l’arrivo del ciclo mensile può diventare un vero incubo: ci fanno compagnia voglia di dolci, cioccolato e farinacei, gonfiore addominale e talvolta aumento di peso, nervosismo e insonnia. Poi ci si mette la vita frenetica e magari l’impossibilità di prepararci i cibi più adatti a contrastare la sindrome premestruale. “In quei giorni è fondamentale mangiare più sano riducendo drasticamente l’introito di zuccheri, aumentando il consumo di acqua e tisane che aiutino a ridurre il gonfiore addominale e gli eventuali crampi e soprattutto scegliere cibi in grado di apportare sostanze nutritive che ci aiutino a stare meglio” – è quanto consiglia Debora Cantarutti, creatrice del progetto ‘BON Cibo buono che fa bene’, esperta di dieta alcalina e nutrigenomica. “Questo è il primo progetto orientato alla sensibilizzazione sugli effetti non solo degli ingredienti utilizzati ma anche dei prodotti finiti sul consumatore. Nostro obiettivo è di fornire alternative sane per tutte quelle persone che per motivi di lavoro o di svago consumano i pasti fuori casa. Se per mancanza di tempo siamo costrette a mangiare al bar proprio in quei ‘giorni’, a colazione sarebbe opportuno scegliere uno yogurt magro a cui aggiungere un cucchiaio di semi di lino macinati portati da casa e uno di crusca di avena accompagnato da una spremuta di arance o un succo di mirtilli al naturale e per le più irriducibili una brioche senza zucchero con un cappuccino preparato con il caffè d’orzo e latte di soia, per la pausa pranzo l’ideale sarebbe un tramezzino di pane di segale o integrale (caratterizzati da basso indice glicemico) con salmone, avocado e zucchine alla griglia. In alternativa la versione veg potrebbe essere preparata con pane integrale, hummus di ceci (ricchi di vitamine del gruppo B e soprattutto di sali minerali come potassio e magnesio che aiutano a contrastare la ritenzione idrica), fettine di avocado (apportano omega 3 e glutatione, potente agente anti radicali liberi), spinacini novelli o soncino.”.

Ci sembra importante cogliere il ‘qui e adesso’ del nostro quotidiano e di personalizzare il cibo che mangiamo anche in funzione delle varie situazioni che viviamo. In questo caso si è trattato di ciclo mensile e, conseguentemente, di come mangiare al meglio fuori casa ma, naturalmente, la visione di Debora si adatta a moltissimi contesti.

Nella foto: Debora Cantarutti, founder di “Bon”

Potrebbe interessarti anche:


‘Na volta a Milan gh’era la barbajada

Risotto alla milanese, cotoletta e panettone. A Milano – si chiede con una punta di sfida chi viene da fuori – di tipico tipico c’è solo questo? In effetti no. Di piatti tradizionali, dai mondeghili ai rustin negàa, non ne mancano...purtroppo però è sempre più difficile trovarli nella ristorazione della città, ma spesso anche nelle case. Tra i quasi...‘Na volta a Milan gh’era la barbajada ultima modifica: 2017-09-14T21:07:08+02:00 da Alessandra Cioccarelli

Potrebbe interessarti anche:


“Aggiungi un borgo a tavola”: sulle tracce delle eccellenze enogastronomiche

Come farsi una cultura enogastronomica senza rinunciare alla scoperta di arte e natura? Semplice: trascorrere un week end in uno dei 100 borghi che aderiscono all'appuntamento annuale "Aggiungi un borgo a tavola" promosso da Touring Club Italiano e...“Aggiungi un borgo a tavola”: sulle tracce delle eccellenze enogastronomiche ultima modifica: 2017-08-31T00:04:44+02:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


“Colours&Feelings”: come trasformare un piatto in un’opera d’arte

Ci sono emozioni, sensazioni, giochi che possono trasformare l’enogastronomia in arte. Non è facile, la cucina ha le sue regole, l’arte non ama le imposizioni. Dall’estro di uno chef possono nascere piatti meravigliosi, ma anche proposte deludenti. Occorre sapere scegliere gli ingredienti, ricercare le sfumature di sapori, mixare tradizione e creatività, stupire il palato e la vista. Vi sembra facile? Stefano...“Colours&Feelings”: come trasformare un piatto in un’opera d’arte ultima modifica: 2017-03-13T08:43:14+01:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


“Food Restart”: Famelici in prima linea con idee ed inizitive del dopo-Covid

"Food Restart": idee ed inizitive del dopo-Virus Quando giungono restrizioni improvvise (sia che provengano da nuove leggi, da mode, sia da eventi choc come il Covid) chi sa rispondere prima alle nuove esigenze degli utenti, prima acquisterà un vantaggio competitivo determinante. Non c'è tempo da perdere! Noi di Famelici Culture abbiamo lanciato la campagna "Food Restart"  unitamente anche ad una news letter...“Food Restart”: Famelici in prima linea con idee ed inizitive del dopo-Covid ultima modifica: 2020-04-16T08:08:12+02:00 da Fabrizio Bellavista

Potrebbe interessarti anche:


“In cucina con lo chef”: Riccardo Agostini

Riccardo Agostini ha sempre avuto le idee chiare: fin da piccolo voleva fare lo chef. Nasce e cresce a Pennabilli, bel borgo tra la Romagna e le Marche. Ama la sua terra, ma sa che, conclusi gli studi, deve “farsi le ossa” in altri luoghi. Matura esperienze in Riviera, affianca Luigi Sartini alla Taverna Righi di San Marino, poi...“In cucina con lo chef”: Riccardo Agostini ultima modifica: 2017-05-05T10:51:36+02:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


“L’amore ai tempi del colera”…mangiare per amore

Cibo e letteratura: un incontro culturale declinato utilizzando diversi ingredienti. Il cibo può essere protagonista di un romanzo fin dal titolo o solo evocarlo attraverso i sentori e i...“L’amore ai tempi del colera”…mangiare per amore ultima modifica: 2017-04-19T10:34:59+02:00 da Monica Viani

Cibo e letteratura: un incontro culturale declinato utilizzando diversi ingredienti. Il cibo può essere protagonista di un romanzo fin dal titolo o solo evocarlo attraverso i sentori e i profumi della cucina. Sapori, saperi e profumi ci aiutano a...“L’amore ai tempi del colera”…mangiare per amore ultima modifica: 2017-04-19T10:34:59+02:00 da Monica Viani

Cibo e letteratura: un incontro culturale declinato utilizzando diversi ingredienti. Il cibo può essere protagonista di un romanzo fin dal titolo o solo evocarlo attraverso i sentori e i profumi della cucina. Sapori, saperi e profumi ci aiutano a interpretare uno dei più grandi romanzi di Gabriel García Márquez: “L’amore ai tempi del colera”. In tutti i libri dell’autore...“L’amore ai tempi del colera”…mangiare per amore ultima modifica: 2017-04-19T10:34:59+02:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


“L’Italia dei borghi” perchè l’Italia è un borgo

Il libro “L’Italia dei borghi - Strategie di promozione e comunicazione” di Paolo Poponessi, Massimo Giordani e Cristina Clementi (Historica edizioni) mantiene le promesse: cosa significa? Che non è didascalico bensì è un contenuto "aumentato" a diversi gradi visuali. In particolare, il libro si divide in tre parti curate dai tre autori: Poponessi ha curato la parte di marketing...“L’Italia dei borghi” perchè l’Italia è un borgo ultima modifica: 2017-12-05T10:45:51+01:00 da Redazione Famelici

Potrebbe interessarti anche:


“L’industria alimentare italiana oltre il Covid-19”. Ricerca Nomisma

Un fine anno difficile attende l’industria alimentare italiana oltre il Covid-19 Non è roseo come pensa la maggior parte delle persone l’orizzonte di fine anno: l’industria alimentare lo guarda con forti preoccupazioni. Ecco la sintesi...“L’industria alimentare italiana oltre il Covid-19”. Ricerca Nomisma ultima modifica: 2020-09-28T21:39:14+02:00 da Redazione Famelici

Potrebbe interessarti anche:


“La Grande Bellezza”: se ne può fare a meno?

“La più sorprendente scoperta che ho fatto subito dopo aver compiuto sessantacinque anni è che non posso più perdere tempo a fare cose che non mi va di fare!” Jep Gambardella, uno scrittore incapace di scrivere, trasformatosi nel re della mondanità romana, vive una vita fatta di pigrizia, di solitudine. Trascorre il suo tempo in feste animate da intellettuali falliti, prelati...“La Grande Bellezza”: se ne può fare a meno? ultima modifica: 2017-03-01T07:43:55+01:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


“Otto e 1/2”: allegoria della vita. E Marco Sacco cosa c’entra?

Se non si può avere tutto, il nulla è la vera perfezione Guido è un regista, un uomo stanco. Nulla sembra più appassionarlo, neppure l'amante. Nessuno sa rispondere alle sue domande, nessuno sembra più capirlo. Cerca disperatamente  qualche idea nuova, ma sa che nessuna sarà vincente. Si salva ricordando la sua adolescenza, fatta di sogni e innocenti trasgressioni. Il girotondo finale...“Otto e 1/2”: allegoria della vita. E Marco Sacco cosa c’entra? ultima modifica: 2017-01-20T00:04:33+01:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


“Vi insegno a fare calamari, cozze, olive taggiasche a casa”

Ronald Bukri, chef di Osticcio, ristorante a Montalcino, presenta un piatto semplice e gustoso che esalta la materia prima del mare, lavorando sulla consistenza del calamaro, esaltata dalla sapidità delle cozze e delle olive...“Vi insegno a fare calamari, cozze, olive taggiasche a casa” ultima modifica: 2020-03-30T11:41:54+02:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


“Vi racconto come si crea una torta delle rose con zabaione” (e tanto altro!)

In occasione dell'8 marzo Famelici vi presenta storie di donne che hanno una storia da raccontare. Nel recente press tour organizzato da Experiencemilia alla scoperta delle eccellenze del mangiare piacentino, ho conosciuto Luciana Tiramani, una rossa che ha lasciato una carriera nell'organizzazione eventi in importanti catene alberghiere per inseguire un sogno: aprire un ristorante a Morfasso, un piccolo borgo...“Vi racconto come si crea una torta delle rose con zabaione” (e tanto altro!) ultima modifica: 2020-03-08T10:51:46+01:00 da Doppiamente Famelici

Potrebbe interessarti anche:


“Gocce di Stilla”: la grande occasione per la grappa

La grappa. Di tutti gli spiriti, il meno romantico. O No? Riuscirà un evento di due giorni a ribaltare i luoghi comuni che vogliono la grappa come un distillato gratuito, secondario, per vecchi? Noi scommettiamo che con "Gocce di Stilla" qualcosa cambierà. Complice, tra l’altro, una nuvola d’azoto. Seducenti abbinamenti Intanto, save the date per “Gocce di Stilla” il 5-6 maggio,...“Gocce di Stilla”: la grande occasione per la grappa ultima modifica: 2018-04-21T19:46:24+02:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Potrebbe interessarti anche:


“Next Generation Chef”, un modo nuovo di parlare di cibo

Famelici vi segnala un interessante appuntamento all'interno di "Gola Gola Festival" a Parma: "Next Generation Chef", un progetto il cui scopo è quello di definire un nuovo paradigma della didattica, finalizzato alla formazione di...“Next Generation Chef”, un modo nuovo di parlare di cibo ultima modifica: 2017-05-23T15:19:15+02:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


(Dis)informazione, fake news e necessità di riscoprire una parola: etica

Fake news, inesattezza delle notizie, intenzionalità nella costruzione di pregiudizi. L’obiettivo? Destabilizzare l'opinione pubblica se non manipolarla, costruendo fazioni contrapposte incapaci di dialogare in modo pacato e costruttivo. Questi...(Dis)informazione, fake news e necessità di riscoprire una parola: etica ultima modifica: 2018-12-11T18:36:48+01:00 da Monica Viani

Fake news, inesattezza delle notizie, intenzionalità nella costruzione di pregiudizi. L’obiettivo? Destabilizzare l'opinione pubblica se non manipolarla, costruendo fazioni contrapposte incapaci di dialogare in modo pacato e costruttivo. Questi i punti trattati dal Tavolo Tematico “Contenuti della rete: vero,...(Dis)informazione, fake news e necessità di riscoprire una parola: etica ultima modifica: 2018-12-11T18:36:48+01:00 da Monica Viani

Fake news, inesattezza delle notizie, intenzionalità nella costruzione di pregiudizi. L’obiettivo? Destabilizzare l'opinione pubblica se non manipolarla, costruendo fazioni contrapposte incapaci di dialogare in modo pacato e costruttivo. Questi i punti trattati dal Tavolo Tematico “Contenuti della rete: vero, verosimile e falso” in occasione dell’Ethical Digital Award, tenutosi a Milano pochi giorni fa al 24° piano della sede di Qwant...(Dis)informazione, fake news e necessità di riscoprire una parola: etica ultima modifica: 2018-12-11T18:36:48+01:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Il segreto della longevità della regina Elisabetta: la dieta

"Business Insider" non ha dubbi: il segreto della longevità della regina Elisabetta, il più longevo sovrano del Regno Unito, sta nella dieta. La regina beve ogni mattina tè Earl Grey (senza zucchero o latte) con...Il segreto della longevità della regina Elisabetta: la dieta ultima modifica: 2017-03-01T22:57:20+01:00 da Monica Viani

 

Ciclo doloroso e le paturnie: come mangiare fuori casa ultima modifica: 2017-09-14T09:28:44+02:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *