Social eating: la nuova frontiera degli chef

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Social eating, home restaurant e chef a domicilio. Ecco il nuovo fenomeno che coinvolge gli appassionati del buon cibo, quelli che amano cucinare ma anche condividere. D’altra parte siamo nell’epoca della sharing economy. Sempre più persone mettono in comune, spazi, esperienze, conoscenze e passioni. Chi non ha provato a vivere una vacanza in una casa di estranei preferendola a una camera di albergo o più banalmente non ha noleggiato una bicicletta o un’auto? Allo stesso modo chi ama la cucina può decidere di “viverla” con amici o sconosciuti. Spesso ci si rivolge a una nuova figura professionale: il Professional Personal Chef. Per saperne di più, abbiamo intervistato Antonio Cancedda.Social eating: nuove frontiere per gli chef. Ne abbiamo parlato con Paolo Cancedda

Ci spieghi chi è un Professional Personal Chef?

“Un Professional Personal Chef è una via di mezzo tra un cuoco stellato e un servizio catering. Solo che, a differenza di quest’ultimo, prepara la  cena, colazione di lavoro o evento -che può essere di varia portata per genere e numero di invitati- direttamente a casa del cliente, preoccupandosi, oltre che della spesa, anche della mise en place. Il menù è concordato direttamente con il committente che, se vorrà, potrà assistere alla preparazione dei piatti arricchendo così anche le sue conoscenze in materia di cucina. Proprio come se si trattasse di un  vero e proprio mini corso”. 

Perché hai scelto questa professione?

“Perché è una professione che, se svolta con la giusta coscienza imprenditoriale, ti porta a girare spesso e ti offre parecchie soddisfazioni. Oggi puoi essere a Milano, alla sera a Torino, la settimana prossima in Sicilia”.

Ci racconti la tua prima esperienza?

“Me la sono inventata. Durante il Giro d’Italia di  qualche anno fa,  ho proposto di creare un “Piatto/Menù in rosa” in occasione di una delle tappe. Un cliente ha sposato l’idea, ci siamo messi d’accordo su quante persone potessero partecipare e cosa proporre. Ho cucinato con l’ansia addosso e la paura di non farcela. In verità è stata una splendida serata che ha portato ottimi frutti. Da allora non mi sono più fermato”.

Quali regole segui?

“Innanzitutto curo la preparazione, non si può improvvisare e la Fippc ti prepara ad essere un professionista. Ovviamente poi ci devi mettere del tuo. Le mie regole sono semplici: tutto deve essere trasparente e chiaro. Normalmente mi occupo io di spesa e vini. Parto sempre dalla creazione del menù interpretando i desideri del cliente, anche se spesso mi lasciano carta bianca. Stabilito il budget di spesa, compro sempre e solo materie di prima qualità, soprattutto fresche. Una regola da ricordare sempre? Cordialità e rispetto: sono un ospite, pagato per svolgere un lavoro. Le preparazioni sono fatte tutte davanti al cliente in modo che possa vedere come e cosa cucino. Naturalmente ricevuta fiscale per la prestazione professionale e rimborso spesa a fine evento”.

Porti tu la tua attrezzatura e ti incarichi personalmente della cena?

Porto tutto io, l’attrezzatura, laddove il cliente è sprovvisto di determinati utensili. Allo stesso modo mi occupo di fare la spesa da fornitori fidati per arrivare poi a preparare personalmente la cena o il pranzo“.

Quale tipo di cucina proponi?

social eating: un piatto proposto da Paolo Cancedda

Cucina sarda e piemontese, amo utilizzare fiori e piante eduli e proporre una cucina naturale. Prevedo sempre un menù anche per celiaci o clienti con intolleranze e/o allergie. Normalmente ripropongo la tradizione a tavola, anche se spesso amo presentare il tipico in modo del tutto atipico, senza  però stravolgere l’essenza della ricetta tradizionale. La mia è una cucina che prende spunto dal passato, anche molto remoto, ma sempre rivista per soddisfare il gusto del presente“.

Perché i personal chef sono diventati così popolari?

“Forse per moda, forse perché manca il tempo di cucinare dopo una lunga giornata di lavoro, forse perché ti permette di stare comodamente a casa tua come se fossi al ristorante”.

Hai mai pensato di aprire un ristorante?

“É un pensiero che mi frulla in testa già da tempo e non è detto che molto prima che poi non lo realizzi. Come si dice “stay tunned” -state in contatto- perché ne vedrete delle belle”.

Un piatto di cui sei particolarmente fiero?

cous cous di Paolo Cancedda. Social eating

“Il cous cous. La mia è una ricetta semplice, ma ricca di sapori. Un mix tra mare e montagna,  un contrasto di sapori che armonizza il gusto delicato del pesce spada con quello più deciso delle olive taggiasche. L’emulsione all’origano lega poi tutti gli aromi. Una particolarità? Ho scelto il couscous di farro per il suo colorito e la sua sapidità in modo da riproporlo come era in origine. L’amore per il couscous è un amore che arriva da lontano, in fondo non è tanto differente dalla fregola usata nella mia terra d’origine, la Sardegna”.

Per saperne di più sulla professione del Professional Personal Chef: www.fippc.com

Potrebbe interessarti anche:


Le emozioni in viaggio…andare per borghi – I°parte

Il 2017 è l'anno dei borghi. Andare per borghi significa coniugare cibo e cultura. L'Italia ne conosce ovunque: da Nord a Sud. Famelici ne ha selezionati 10. Ciascuno unico nelle sue proposte, tutti da raccontare, anche dal punto di vista enogastronomico. I primi quattro, scelti per voi, sono Bandiere Arancioni. Sant'Agata de' Goti Un borgo che sorge a picco su uno...Le emozioni in viaggio…andare per borghi – I°parte ultima modifica: 2017-06-26T09:18:48+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Le emozioni in viaggio…andar per borghi II° parte

Cibo e cultura, un binomio che riscopriamo spesso nei nostri viaggi. Nell'anno dei borghi, Famelici vi accompagna alla scoperta di alcuni piccoli centri, spesso più conosciuti dagli stranieri che da noi. Da Nord a Sud, se ne contano oltre 1.000. Noi abbiamo deciso di proporvene 10. Ecco la seconda puntata del nostro percorso: le emozioni in viaggio...andar per borghi. Santa Maria Maggiore...Le emozioni in viaggio…andar per borghi II° parte ultima modifica: 2017-07-09T19:33:01+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


R(e)volution dei nuovi modi di consumo. E le fiere?

Marie-Odile Fondeur, direttrice della Fiera Europain e Alessandra Cioccarelli del nostro BlogMag "Famelici" al workshop "L''impatto della rivoluzione digitale sulla filiera alimentare". É davvero un mistero...R(e)volution dei nuovi modi di consumo. E le fiere? ultima modifica: 2017-07-10T14:47:07+00:00 da Monica Viani

Marie-Odile Fondeur, direttrice della Fiera Europain e Alessandra Cioccarelli del nostro BlogMag "Famelici" al workshop "L''impatto della rivoluzione digitale sulla filiera alimentare". É davvero un mistero il significato dell'espressione "open innovation"? Tutti ne parlano, ma pochi...R(e)volution dei nuovi modi di consumo. E le fiere? ultima modifica: 2017-07-10T14:47:07+00:00 da Monica Viani

Marie-Odile Fondeur, direttrice della Fiera Europain e Alessandra Cioccarelli del nostro BlogMag "Famelici" al workshop "L''impatto della rivoluzione digitale sulla filiera alimentare". É davvero un mistero il significato dell'espressione "open innovation"? Tutti ne parlano, ma pochi la comprendono. Forse la difficoltà sta nel fatto che non possa essere pianificata? Eppure viviamo in un mondo fluido, veloce,...R(e)volution dei nuovi modi di consumo. E le fiere? ultima modifica: 2017-07-10T14:47:07+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


La panzanella vegetariana di Pietro Leemann

Non solo pane. Ecco la ricetta della nuova panzanella resa compatta e sferica con la variante della zucca e del wasabi proposta da Pietro Leemann. Panzanella con verdure croccanti e cuore di cannellini profumati al...La panzanella vegetariana di Pietro Leemann ultima modifica: 2017-05-28T18:40:27+00:00 da Monica Viani

 

Social eating: la nuova frontiera degli chef ultima modifica: 2017-07-11T11:11:46+00:00 da Monica Viani

Un commento per “Social eating: la nuova frontiera degli chef

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *