Euriclea. La vice-madre, colei che nutre

Share on FacebookTweet about this on Twitter

A tutte le vice-madri. Alle madri supplenti. Alle zie qual io sono.
Per tutte le volte che vi siete sentite quasi-madri o più-che-madri, senza di fatto esserlo. Verso un nipote, un allievo, un reduce, un ospite.
Per voi, i versi eterni di Omero (o chi per lui, non è questo il momento di affrontare la questione) che dicono l’angoscia il sollievo il silenzio e l’amore di Euriclea, nutrice di Ulisse, nell’esatto momento in cui, con un tuffo al cuore, lo riconosce.
Potete leggere l’intero brano o soltanto i corsivi. Gaudete.

Buona Festa della Mamma, leggendo di Euriclea

E a lui di nuovo disse la saggia Penelope:
350
– Ospite caro, mai uomo altrettanto prudente,
fra gli stranieri lontani, o più caro entrò in casa mia,
come tu con sapienza dici parole tutte prudenti;
ce l’ho, sì, una vecchia ricca in cuore di senno,
che quel misero curò e nutrì con amore,
355
tra le sue mani l’accolse, appena lo partorì la madre;
questa i piedi ti laverà, benché ormai malridotta.
Alzati dunque, prudente Euriclea, un coetaneo
del tuo signore lava, e certo Odisseo,
ormai è così nelle gambe, così nelle braccia;
360
in fretta nella sventura i mortali s’invecchiano.
Così parlava; e la vecchia nascose tra le mani la faccia,
lacrime calde versò. Parlò parola gemente:
– Ah che per te sono impotente, creatura! Ahi troppo Zeus
t’ha odiato fra gli uomini, benché pio di cuore.
365
Certo nessun mortale a Zeus che scaglia la folgore
tante fiorenti cosce bruciò, tante scelte ecatombi,
quante tu gliene offrivi e pregavi di giungere
a dolce vecchiezza e crescere il figlio glorioso.
A te solo, invece, fu interamente distrutto il ritorno. […]
Ti laverò i piedi, sì, per Penelope
e anche per te, perché batte, dentro, il mio cuore
d’angoscia. Ah! Comprendi la parola che dico:
molti stranieri infelici e tapini qui giunsero,

380
ma nessuno, ti dico, così somigliante a vedersi,
che tu, corpo, voce, piedi, somigli a Odisseo.

E rispondendole disse l’accorto Odisseo:
– O vecchia, così dicono quanti ci han visti con gli occhi
entrambi, che molto simili siamo fra noi,
385
come tu appunto, che sei molto saggia, dichiari.
Così parlava; intanto la vecchia aveva preso il lebete lucente,
per lavare i suoi piedi, e in abbondanza versava
acqua fredda, poi aggiunse la calda; Odisseo
al focolare sedeva, ma verso il buio si volse di scatto;

390
d’un tratto in cuore gli venne paura che ella toccandolo
la cicatrice riconoscesse; e tutto fosse scoperto.
Lei, dunque, lavava il suo re, standogli accanto: e davvero
la cicatrice conobbe, che gli fece un cinghiale con la candida zanna
quando al Parnaso salì, con Autòlico e i figli. […]

Ora la vecchia, toccando la cicatrice con le due mani aperte,
la riconobbe palpandola, e lasciò andare il piede.
Dentro il lebete cadde la gamba, risonò il bronzo
470
e s’inclinò da una parte: in terra si sparse l’acqua.
A lei gioia e angoscia insieme presero il cuore, i suoi occhi
s’empiron di lacrime, la florida voce era stretta.
Carezzandogli il mento, disse a Odisseo:
– Oh sì, Odisseo tu sei, cara creatura! E non ti ho conosciuto

475
prima d’averlo tutto palpato il mio re! …
Disse e a guardar Penelope si rivolse con gli occhi,
volendo dirle ch’era tornato il suo sposo.
Ma lei non poté vederla in viso né accorgersi,
perché Atena le distrasse la mente; e Odisseo
480
la mano afferrò della vecchia, la strinse con la destra alla gola,
con l’altra la tirò a sé, le disse:
– Balia, perché mi vuoi perdere? Eppure tu m’hai nutrito
al tuo petto; e ora, dopo aver sopportato gran pene,
arrivo dopo vent’anni alla terra dei padri.

485
Ma, giacché l’hai capito un dio te l’ha messo nel cuore,
taci, che nessun altro nel palazzo lo sappia.

Odissea, libro XIX, versione italiana di Rosa Calzecchi Onesti.

Potrebbe interessarti anche:


Mangia, fallo per mamma

Mangia, fallo per mamma. Pochi sono sfuggiti a questo tormentone. Una frase semplice, apparentemente amorevole, ma che in realtà nasconde sentimenti che preparano il terreno alla frustrazione. Famelici, in occasione del Giorno della Mamma, evitando le celebrazioni stucchevoli, lancia degli spunti per una riflessione sul rapporto dei figli con le madri. La madre talvolta si trasforma da chi offre protezione...Mangia, fallo per mamma ultima modifica: 2018-05-11T10:46:02+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Di cosa abbiamo paura quando parliamo di Cibo e Paura?

“Cibo è Cultura”, ripetiamo noi Famelici come un mantra. Ma in qualche modo anche “Cibo è Paura”. “Può la paura fare rima con il cibo?” con questa domanda Annalisa Andreini, foodblogger e scrittrice enogastronomica, approccia il tema in un breve saggio contenuto del volume “Le vie della paura” realizzato a più voci dal Gruppo Antropologico Cremasco, un excursus tra varie forme...Di cosa abbiamo paura quando parliamo di Cibo e Paura? ultima modifica: 2018-01-15T18:36:02+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Euriclea. La vice-madre, colei che nutre ultima modifica: 2018-05-12T00:05:58+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *