A Crema una mostra su Francesco Arata per immergersi nella cultura lombarda

Francesco Arata torna a Crema presso Palazzo Zurla De Poli con la mostra Nature Morte. Qui sono esposte una ricca selezione di opere del noto artista castelleonese.

Attrazioni culturali come mostre e musei hanno un grande successo durante la pandemia. Per coloro che sono interessati alla cultura lombarda vi segnaliamo un’interessante mostra a Crema dedicata a Francesco Arata presso Palazzo Zurla De Poli: Nature Morte.

Il fascino delle nature morte

La tendenza alla raffigurazione della Natura Morta approda in Lombardia nel Cinquecento con Lorenzo Lotto, Vincenzo Campi, Giuseppe Arcimboldo e il Caravaggio. Dalla pura rappresentazione di oggetti che assumono la dignità di soggetti, questo tema diviene una manifestazione dello stato d’animo, un soggetto intimo che racconta il piacere della vita al riparo del passare delle stagioni ed anche il senso della sua caducità, un memento mori.

Nel tempo questa pittura si arricchisce di allegorie, tramite le quali passano messaggi educativi e riferimenti morali: ogni elemento ha un preciso e profondo significato.

Nel ‘900 i pittori frequentano assiduamente la natura morta, basti pensare a Giorgio Morandi, e anche un pittore sensibile, colto e schiettamente padano come Francesco Arata la interpreta intensamente, per tutto l’arco della produzione artistica.

Arata controlla la natura morta in tutte le sue variazioni, verificando con profonda sensibilità ogni mutazione e pulsazione, rivisitando i soggetti quali la cacciagione, i frutti, le tovaglie, le ciotole, le brocche.

Arata trasforma la composizione in ogni epoca del suo lavoro, in un primo tempo volutamente realista, poi, con l’avanzare degli anni Trenta, più ispirato da sensazioni legate al variare delle situazioni, degli stati d’animo, del clima artistico, di nuove ricerche, dell’età che avanza e che lo conduce a soluzioni prudenti.

Palazzo Zurla De Poli e il pittore Arata

Palazzo Zurla De Poli, un palazzo del Cinquecento riportato “a nuova vita” attraverso il recente restauro conservativo, è il luogo ideale per accogliere un genere di pittura che nasce nel pieno del Rinascimento e che viene ampiamente manifestato nel Novecento.

Una “mostra nella mostra” dunque: un dialogo costante tra i cicli di affreschi delle sale, datati dal 1540 al 1586, la lunga storia del tema della natura morta e le tele firmate dall’inconfondibile tratto netto e color porpora di Arata.

E si svela il legame tra il Pittore e la famiglia De Poli, originaria di Castelleone, in seguito trasferitasi a Crema, e collezionista di Arata.

Le opere in mostra sono 19 tele di proprietà della Fondazione Arata e prestiti da altre collezioni private e 5 tele della famiglia De Poli.

Ho fortemente desiderato ospitare una mostra di Arata, in omaggio al legame che intercorse tra la mia famiglia e il Maestro e rendendo concreta la profonda stima che nutriamo per le sue opere, che ho ammirato fin da bambina e tra le quali sono cresciuta” – afferma Matilde De Poli, responsabile degli eventi culturali di Palazzo Zurla De Poli. 

“Ciò che mi affascina di questa mostra – afferma Gian Maria Arata, figlio del Pittore e Presidente della Fondazione Francesco Arata – è il poter avvicinare i visitatori, meglio e giovani, all’amore per l’arte, la storia, la cultura. Di come si possa godere, in una visita ad un antico e nobile palazzo, dell’arte degli affreschi e degli arredi e quant’altro attiene al suo raffinato décor”.

LE ESPERIENZE DELLA MOSTRA NATURE MORTE

APERTURA MOSTRA

La mostra è aperta al pubblico da venerdì 7 maggio a sabato 5 giugno

Dal martedì al venerdì con orario: 14:30-18:30

Sabato, domenica e festivi con orario: 10:30-12:30 / e / 14:30 -18:30

Chiusura il lunedì

Ingresso alla mostra: 5 euro

Ingresso gratuito: ragazzi under 14, personale medico-sanitario con tesserino, diversamente abili, giornalisti con tesserino, laureandi in Storia dell’Arte

Prenotazione obbligatoria per il fine settimana scrivendo a: info@palazzozurla-depoli.it

VISITE GUIDATE AL PALAZZO ZURLA DE POLI

Il sabato e la domenica sono previsti 3 turni di visita guidata alla mostra e al Palazzo in piccoli gruppi di massimo 10 persone, della durata di 1 ora, con partenza alle ore: 11:00 / 16:00 / 17:00

Visita guidata di gruppo al Palazzo Zurla De Poli: 10 euro a persona

Prenotazione obbligatoria scrivendo a:  info@palazzozurla-depoli.it

VISITE GUIDATE ALLA MOSTRA CON LAB PER RAGAZZI

Per invitare i ragazzi a scoprire i segreti delle composizioni d’arte, si effettuerà una visita interattiva alla mostra della durata di 1 ora e 30 minuti, dove i bambini dai 5 agli 8 anni e i ragazzi dagli 8 ai 12 anni saranno guidati da Ester Tessadori alla ricerca dei dettagli dei quadri e alla conoscenza delle nature morte di Arata.

Successivamente, sarà loro proposto un laboratorio in cui si trasformeranno in giovani artisti e sperimenteranno la creazione “open-air” di una natura morta nella suggestiva cornice del giardino del palazzo.

domenica 9 maggio ore 15:00 / ragazzi 8-12 anni

martedì 11 maggio ore 16.30 / bambini 5-8 anni 

domenica 30 maggio ore 15:00 / bambini 5-8 anni

Visita interattiva di gruppo a cura di Ester Tessadori: 15 euro a partecipante

previa prenotazione obbligatoria scrivendo a:  ester.tessadori@gmail.com

Potrebbe interessarti anche:


Tutti mangiamo, ma Picasso amava famelicamente cibo e cultura

Per ogni uomo c’è una relazione con il cibo. Per Picasso ce ne sono parecchie. Destinate tutte a non accontentarlo mai: Picasso è insaziabile, famelicamente alla ricerca del cibo....Tutti mangiamo, ma Picasso amava famelicamente cibo e cultura ultima modifica: 2019-01-18T00:00:41+01:00 da Monica Viani

Per ogni uomo c’è una relazione con il cibo. Per Picasso ce ne sono parecchie. Destinate tutte a non accontentarlo mai: Picasso è insaziabile, famelicamente alla ricerca del cibo. Di certo hanno influenzato la sua pittura. Dopotutto per un...Tutti mangiamo, ma Picasso amava famelicamente cibo e cultura ultima modifica: 2019-01-18T00:00:41+01:00 da Monica Viani

Per ogni uomo c’è una relazione con il cibo. Per Picasso ce ne sono parecchie. Destinate tutte a non accontentarlo mai: Picasso è insaziabile, famelicamente alla ricerca del cibo. Di certo hanno influenzato la sua pittura. Dopotutto per un artista l’atto di mangiare e digerire è già una metafora. E Picasso amava famelicamente cibo e cultura. L'arte del cibo: Picasso amava famelicamente...Tutti mangiamo, ma Picasso amava famelicamente cibo e cultura ultima modifica: 2019-01-18T00:00:41+01:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


La colazione di Manet e Picasso: due quadri, lo stesso soggetto

Picasso era ossessionato dal cibo. Tutti conoscevano la sua passione per i patti di pesce, in particolare i ricci di mare, tanto che li troviamo spesso rappresentati nei suoi quadri. Ma il pittore spagnolo era turbato anche da un quadro che segnò un'intera generazione di pittori: Le déjeuner sur l’herbe (Colazione sull’erba) di Édouard Manet, esposto per la prima...La colazione di Manet e Picasso: due quadri, lo stesso soggetto ultima modifica: 2018-10-14T15:29:14+02:00 da Monica Viani

A Crema una mostra su Francesco Arata per immergersi nella cultura lombarda ultima modifica: 2021-05-17T11:21:18+02:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *