Perché Donald Trump non è gourmet

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Donald Trump è il nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America. Comunque la pensiate, io posso dirvi, senza pericolo di smentita: Donald Trump non è  gourmet e non lo sarà mai! Non so se costruirà un muro al confine con il Messico, lungo 3.200 chilometri, ma sicuramente costruirà “muri” nella mente degli uomini. Il cibo da sempre è veicolo di conservazione, ma anche di quella contaminazione che permette l’innovazione che poco alla volta si trasformerà in tradizione. Laddove c’è contaminazione, c’è incontro, non scontro, ma soprattutto c’è cultura. La cucina è il simbolo della cultura e il cibo contribuisce a costruire l’identità umana e ad essere uno strumento di comunicazione. Tutte le culture, come tutte le religioni, indicano condotte alimentari che sottintendono valori simbolici, metafisici e sociali.

Il Melting Pot alimentare unisce, non divide

Il Medioevo europeo ha visto la formazione di un’identità alimentare innovativa grazie alla contaminazione di differenti culture: quella della tradizione romana e quella “barbarica”. Lo stesso gelato, protagonista in questi giorni al Sigep di Rimini, è nato dalla contaminazione della cultura siciliana con quella araba. La cucina può avere un significato culturale ma anche gustativo solo a patto che ci siano incontri vivaci e frequenti. La cucina è pluralismo. Presidente Trump è ancora sicuro di volere costruire quel muro tanto inutile quanto dannoso? Meglio alimentare il populismo o le menti e gli stomaci di persone affamate di cultura?

Perché Donald Trump non è gourmet ultima modifica: 2017-01-20T10:30:30+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *