Ricette regionali: il pancotto da fare a casa (anti spreco)

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Un primo piatto povero, da riciclo che si realizza con due ingredienti fondamentali: pane raffermo e acqua, a cui si aggiungono altri ingredienti a seconda dalle regioni in cui si prepara.

É un piatto che appartiene alla cultura contadina, quando il pane veniva impastato e infornato ogni due settimane in forni comuni. Prima che si potesse avere del pane fresco, si doveva utilizzare quello raffermo. Da qui la nascita di molte ricette povere con il pane ormai diventato duro.

Probabilmente discende dalla puls tractogalata, una ricetta di cui scrive nel suo trattato De re coquinaria il gastronomo romano Apicio . Era preparato dalle madri  per lo svezzamento dei bambini quando i viveri mancavano.

É conosciuto un po’ in tutta Italia con varianti a seconda di ciò che offriva il territorio. In Piemonte, lombardia e Veneto è conosciuto con il nome panada ed è una zuppa. In Liguria è chiamato pancheuto, in Toscana panzanella o pappa di pomodoro.

Il pancotto

Ingredienti 

Per 4 persone

300 g Pane raffermo

80 g Formaggio pecorino

1 spicchio aglio

Olio extra vergine d’oliva

8 g sale

Procedimento

Tagliare a pezzi o a fettine il pane raffermo. Farlo bollire a fuoco lento in acqua calda con l’aggiunta di 1 (o se si vuole 2) spicchi di aglio sbucciato. Deve cuocere per circa 1/2 ora. Servire il pancotto caldo in un piatto, aggiungendo dell’olio extra vergine d’oliva e del formaggio pecorino grattugiato.

Varianti

Un piatto così semplice conosce numerose varianti. Lo si può arricchire con un uovo battuto poco prima di essere servito. In alcune famiglie si preparava il pancotto al pomodoro. A parte si preparava un sugo fritto con pomodoro, cipolla e aglio, che veniva aggiunto al pancotto ancora nella pentola di cottura poco prima di servirlo a tavola. Oggi molti sostituiscono al pecorino il parmigiano.

Ogni regione aggiunge ingredienti a seconda di ciò che il territorio offre.

Potrebbe interessarti anche:


“Vi racconto come si crea una torta delle rose con zabaione” (e tanto altro!)

In occasione dell'8 marzo Famelici vi presenta storie di donne che hanno una storia da raccontare. Nel recente press tour organizzato da Experiencemilia alla scoperta delle eccellenze del mangiare piacentino, ho conosciuto Luciana Tiramani, una rossa che ha lasciato una carriera nell'organizzazione eventi in importanti catene alberghiere per inseguire un sogno: aprire un ristorante a Morfasso, un piccolo borgo...“Vi racconto come si crea una torta delle rose con zabaione” (e tanto altro!) ultima modifica: 2020-03-08T10:51:46+00:00 da Doppiamente Famelici


Potrebbe interessarti anche:


Ricette emiliane: torta di mandorle alla bobbiese

La torta di mandorle alla bobbiese è una torta della tradizione certificata De.Co. Noi l’abbiamo degustato durante un recente press tour fatto per conoscere i colli piacentini. La torta di mandorle alla bobbiese Ingredienti per 6 Persone La pasta frolla 300...Ricette emiliane: torta di mandorle alla bobbiese ultima modifica: 2019-07-21T16:21:03+00:00 da Monica Viani

 

Ricette regionali: il pancotto da fare a casa (anti spreco) ultima modifica: 2020-03-19T08:27:38+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *