Bormio: come si crea un liquore alpino. La storia di Braulio

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Il drammaturgo irlandese Oliver Goldsmith scriveva: “Lascia che siano i professori a scervellarsi con la grammatica, le assurdità e lo studio; io sostengo fermamente che un buon liquore dona genialità e un miglior discernimento”. É il pensiero che ti folgora se assaggi un buon amaro fatto con una miscela di erbe, il più delle volte misterioso. Mentre lo assaggi, non puoi evitare di pensare che in quel bicchiere sia racchiuso un sapere alchemico perfezionato da monaci e farmacisti. Dunque? Grande rispetto per chi ci permette di concludere nel modo migliore un pranzo!

La storia di Braulio: l'amaro alpino

Gli amari sono il sapore di un territorio, il rispetto della tradizione e il simbolo dell’imperitura ricerca dell’elisir di lunga vita. L’amaro mette d’accordo generazioni lontane tra loro, spesso incapaci di comprendersi.
E allora un viaggio a Bormio per visitare la cantina dell’Amaro Braulio è imperdibile.

Prima di andare in cantina ho degustato al Panoramic Restaurant Heaven 3000 le specialità valtellinesi- dalla bresaola agli sciatt fino ai pizzoccheri. La cornice? Un’innevata Bormio 3000.

La storia di braulio e i prodotti enogastronomici della valtellina

La storia di Braulio

Nel 1875 a Bormio il farmacista Francesco Peloni, appassionato di montagna e di erbe officinali, creò un amaro miscelando erbe aromatiche, bacche e radici raccolte alle pendici del Monte Braulio, da cui l’amaro prende il nome. Le erbe utilizzate sono 13, ma quelli conosciuti sono solo 4: assenzio, achillea moscata, radici di genziana e bacche di ginepro. La lavorazione prevede una fase di essiccazione, una di macerazione nello zucchero e nell’alcool per un mese e due anni di invecchiamento in botti di rovere. La ricetta, segretissima, fu subito un successo. I medici la consigliavano, a fine pasto, come corroborante e come tonico.

la storia di Braulio: 4 erbe e le altre segretissime

Una cantina, nel centro storico di Bormio, tra via Roma e vicolo Vittorio Veneto, custodisce in botti di rovere veneto l’amaro alpino più conosciuto d’Italia. Mi accompagna nella visita Edoardo, l’erede del patron del Braulio Egidio Tarantola Peloni, recentemente scomparso.

La storia di Braulio: la cantina a Bormio

La cantina è stata da poco ampliata: si sono guadagnati 1.650 mq con l’aggiunta di 166 botti di rovere di Slavonia. Edoardo è il depositario della segretissima ricetta tramandata da padre in figlio. Le erbe, dopo essere state lasciate ad essiccare all’aria aperta di montagna e pressate in un mortaio, sono lasciate in infusione a freddo in acqua sorgente e alcol per 20-30 giorni, si aggiunge lo zucchero per dolcificare e il caramello bruciato per raggiungere quel colore che rende il Braulio riconoscibile a tutti. Si procede successivamente all’invecchiamento in botte: 15 mesi per la versione “classica”, 24 per quella Braulio Riserva. Poi l’amaro è trasferito in serbatoi refrigerati a -9 gradi, filtrato e imbottigliato negli stabilimenti piemontesi di Campari.

L’ultima tendenza? Oltre che berlo come digestivo, assaporarlo come aperitivo con un cubetto di ghiaccio.

la storia di Braulio: un amaro invecchiato

Cantina Braulio

Via Roma, 27

23032 Bormio SO

www.braulio.it

Potrebbe interessarti anche:


Lo chef, la bresaola della Valtellina, i piatti gourmet: Panzeri e la Bresaola d’Autore

Oltre ad essere uno dei salumi più apprezzati e mangiati nel Nord Italia, la bresaola è anche un prodotto sempre più venduto sul mercato internazionale. Nell’export ha fatto registrare una crescita del 24%. Nella classifica  del cibo a marchio di qualità Dop e Igp, il salume tipico della Valtellina compare nei primi dieci posti, conquistando il nono posto dietro a: Parmigiano...Lo chef, la bresaola della Valtellina, i piatti gourmet: Panzeri e la Bresaola d’Autore ultima modifica: 2019-03-05T23:35:08+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


La bresaola d’autore interpretata da Claudio Sadler

"Abbracciare il presente e continuare a inventare il futuro", diceva Karl Lagerfield, grande artista della moda, scomparso in questi giorni. Ebbene è il pensiero dell'azienda Panzeri, un’azienda che da 76 anni opera nella produzione...La bresaola d’autore interpretata da Claudio Sadler ultima modifica: 2019-02-20T15:29:27+00:00 da Monica Viani

Bormio: come si crea un liquore alpino. La storia di Braulio ultima modifica: 2019-04-24T12:12:07+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *