Scoprire Fidenza in attesa di BorgoFood

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Estate 2018. A Fidenza, città nella Pianura Padana, circondata da verdi colline, a pochi chilometri da Parma, si prepara la nuova edizione di BorgoFood. Famelici segue l’iniziativa perchè sa di poter trovare e degustare le eccellenze del Made in Italy. Siamo andati a vedere come la città si prepara alla attesa manifestazione autunnale. E naturalmente vogliamo condividere con voi alcune curiosità.

Scoprire Fidenza: la Cattedrale, la via Franchigena
Fidenza-Aspettando Borgofood

Fidenza, sulla via Franchigena che da Canterbury porta a Roma, è il vero accesso per conoscere il legame tra cibo, cultura e territorio in Emilia. Una tappa imperdibile? Il fascino della Cattedrale.

Partecipando ad #AspettandoBorgoFood mi sono trovata catapultata nel mondo dei viaggi alla ricerca della salvezza dell’anima. A Fidenza è vissuto e morto San Donnino. Chi era costui? “Cubiculario” dell’Imperatore Massimiano Erculeo era una sorta di maggiordomo tuttofare, occupandosi di abiti, mobili e carrozze per la corona. Tutto andò bene finché Donnino non si convertì al Cristianesimo contro il volere dell’Imperatore che non solo lo licenziò, ma lo inseguì fino al fiume Stirane per decapitarlo.

Sul portale della Cattedrale sono rappresentate le ultime ore della sua vita: la decapitazione che avvenne nel 293 d.C. sulla riva sinistra del torrente Stirone. I bassorilievi della facciata ricordano il miracolo: improvvisamente il corpo, con la propria testa in mano, si alzò, attraversò il fiume e l’anima, abbandonato il corpo, salì in cielo guidata dagli Angeli. Oggi il corpo riposa in un’arca all’interno della cripta del Duomo.

Chi è il pellegrino? Colui che, gettato nel mondo, cerca instancabilmente la risposta alle domande:

  • Chi sono?
  • Da dove vengo?
  • Dove vado?
  • Ha senso la mia vita?

Domande che forse hanno perso valore: abitiamo nel tempo degli alibi costruiti e disintegrati nello spazio di pochi secondi. Oggi l’uomo, senza passato e senza futuro, senza memoria e senza progetto, è costretto al presente, avendo perduto le ali del tempo e vivendo l’epoca di un tempo che conosce solo il vuoto.

Come recuperare la dimensione temporale, e dunque quella umana? Un modo potrebbe essere intraprendere, in modo laico, i cammini dei pellegrini. Silenzio, ricerca di un percorso, dialogo con se stessi, recupero della dimensione del tempo. Essere e non apparire.

Scoprire Fidenza, ricordando Luigi Veronelli

Scoprire Fidenza: Luigi veronelli, la Cattedrale

Fidenza- “Camminare la terra”, la mostra dedicata a Luigi Veronelli

Una visita a Fidenza ci può aiutare a ricordare la figura di Luigi Veronelli. Infatti fino al 4 agosto si può visitare la mostra “Camminare la terra” dedicata a un vero filosofo del gusto.

Nel 2018 visitare la mostra dedicata a Luigi Veronelli fa bene al cuore e allo spirito. Significa ricordarsi quanto sia importante nelle epoche di profonda trasformazione avere la fortuna di avere come punto di riferimento personalità complesse, con caratteristiche rinascimentali. Veronelli ha creato i linguaggi del gusto, ha esercitato la critica in modo talvolta feroce, ha creato nuovi paradigmi concettuali per degustare con cura i prodotti della terra. Tutto in nome della consapevolezza e della difesa di valori universali.

Fatevi un regalo organizzate un week end per scoprire Fidenza!

Credits Photo: Susy Mezzanotte

Potrebbe interessarti anche:


2018: l’anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo?

2018: l'anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? In realtà è un grande patrimonio: cibo è cultura. Il 2018 celebra il Made in Italy, quello alimentare, quello...2018: l’anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? ultima modifica: 2018-07-16T10:14:07+00:00 da Monica Viani

2018: l'anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? In realtà è un grande patrimonio: cibo è cultura. Il 2018 celebra il Made in Italy, quello alimentare, quello di cui andiamo fieri. Si celebra la nostra capacità di...2018: l’anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? ultima modifica: 2018-07-16T10:14:07+00:00 da Monica Viani

2018: l'anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? In realtà è un grande patrimonio: cibo è cultura. Il 2018 celebra il Made in Italy, quello alimentare, quello di cui andiamo fieri. Si celebra la nostra capacità di lavorare la terra, di trasformare i prodotti e di presentarli al mondo intero. Un patrimonio immenso!  Famelici ci presenta alcuni...2018: l’anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? ultima modifica: 2018-07-16T10:14:07+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Sulla Via Franchigena, che da Canterbury porta i pellegrini a Roma

Sulla Via Franchigena, che da Canterbury porta i pellegrini a Roma

Sulla Via Franchigena, che da Canterbury porta i pellegrini a Roma

Scoprire Fidenza in attesa di BorgoFood ultima modifica: 2018-07-18T23:12:28+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *