Teatro Menotti: Concerto Napolide

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Tra le cose belle che chiudono una settimana difficile per la politica italiana e per l’Italia c’è uno spettacolo teatrale, bello già dal titolo: Concerto Napolide, in scena al Teatro Menotti di Milano. Concerto Napolide è un viaggio, musicale e in prosa, nel passato e nel presente di Napoli.

È un racconto in musica che prende spunto da Napolide, scritto da Erri de Luca e interpretato da Moni Ovadia, accompagnato da quattro musicisti Marcello Corvino (violino), Massimo De Stephanis (contrabbasso), Fabio Tricomi (oud, mandolino, tamorra, tombak, darabuka) e Biagio Labanca (chitarra) ci raccontano cosa vuol dire essere “Napolidi”. É una serie di brani, intervallati dalla musica, che racchiude, in 90 minuti, una galassia di sensazioni, emozioni, passioni, frammenti di vita, che ruotano sull’essere “Napolidi”.

“E se non ho il diritto di definirmi apolide, posso definirmi napolide, uno che si è raschiato dal corpo l’origine, per consegnarsi al mondo”.

Una scelta che consente a Erri De Luca/Moni Ovadia di parlare di una città come Napoli. É il racconto di che cosa si prova a sentirsi sradicati essendo nati in una città dove si è vissuti con un senso di estraneità. Napoli è amata solo il tempo di un amore per una ragazza.

“Perché le città coincidono con un amore, si è cittadini per virtù di abbracci e io lo sono stato per un anno. E dopo, nient’altro da toccare”.

Parlare di Napoli è un modo per parlare di sé, di una generazione, del tentativo di costruirsi un’identità e di non subirla, di vivere in una città come Napoli. É il tentativo di dare una risposta alla propria esistenza. Uno spettacolo, fatto di parole “vive”, sincere, spontanee, talvolta dure, pungenti, reali, attente a descrivere i particolari, anche quelli più scomodi. Quanto è difficile fare sì che i luoghi siano quello che vogliono le persone!

Teatro Menotti

25 | 26 maggio
Anema & Moni Ovadia
in
CONCERTO NAPOLIDE
con Moni Ovadia,
Marcello Corvino (violino), Biagio Labanca (chitarra), Massimo De Stephanis (contrabbasso), Fabio Tricomi (oud, tamorre e mandolino)

Potrebbe interessarti anche:


Teatro Menotti: Casa di bambola. Da Ibsen a #Me too

Si può riscoprire Henrik Ibsen nel 2018? Quando nel 1879 Casa di bambola fu rappresentato per la prima volta, suscitò scandalo e polemica. E oggi? Casa di bambola, ancora attuale? Come riproporlo oggi in modo che la narrazione non perda la sua vis polemica? Riportandolo all'essenzialità, alla descrizione di una metamorfosi dolorosa, incerta, desiderata ma temuta. Il cambiamento, quando è radicale,...Teatro Menotti: Casa di bambola. Da Ibsen a #Me too ultima modifica: 2018-03-02T15:37:22+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Teatro Menotti: Stria, ovvero il coraggio di rivendicare giustizia

"Un patto con il diavolo? Ma io non so neanche scrivere il mio nome”. Stria inizia con le parole sofferenti di Rusina, una contadina del varesotto, condannata al rogo dalla...Teatro Menotti: Stria, ovvero il coraggio di rivendicare giustizia ultima modifica: 2018-04-28T11:00:15+00:00 da Monica Viani

"Un patto con il diavolo? Ma io non so neanche scrivere il mio nome”. Stria inizia con le parole sofferenti di Rusina, una contadina del varesotto, condannata al rogo dalla Santa Inquisizione. L’opera di Claudia Donadoni, in scena al Teatro...Teatro Menotti: Stria, ovvero il coraggio di rivendicare giustizia ultima modifica: 2018-04-28T11:00:15+00:00 da Monica Viani

"Un patto con il diavolo? Ma io non so neanche scrivere il mio nome”. Stria inizia con le parole sofferenti di Rusina, una contadina del varesotto, condannata al rogo dalla Santa Inquisizione. L’opera di Claudia Donadoni, in scena al Teatro Menotti di Milano, racconta un fatto realmente accaduto. Stria tra ricerca di giustizia e coraggio Rusina, porta con sé i segni di...Teatro Menotti: Stria, ovvero il coraggio di rivendicare giustizia ultima modifica: 2018-04-28T11:00:15+00:00 da Monica Viani

Teatro Menotti: Concerto Napolide ultima modifica: 2018-05-26T01:00:00+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *