Milano Golosa: le nuove tendenze nel mondo dell’enogastronomia

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Cibo e cultura: Milano si riconferma la capitale del food. Per scoprire le nuove tendenze, tra ingredienti di qualità, ricerca di novità legate al territorio, un appuntamento da non perdere: Milano Golosa. Ebbene l’autunno è dietro l’angolo e noi ci interroghiamo sulle nuove tendenze dell’enogastronomia.Milano Golosa: le nuove tendenze dell'enogastronomia Dal 14 al 16 ottobre al Palazzo del Ghiaccio torna Milano Golosa con più di 200 espositori artigiani già confermati. La sesta edizione è dedicato alle trattorie e al panino italiano. Una cucina concreta, sobria, popolare. Per la sesta edizione di Milano Golosa Davide Paolini sceglie di partire dalla materia prima e dal territorio per arrivare ai piatti regionali, al panino italiano, alla cucina della trattoria. Saranno infatti due le principali novità. Un’area con 9 cuochi delle Premiate Trattorie Italiane che realizzeranno i piatti più significativi e identitari della loro regione, e PaniniAmo, un omaggio al pane imbottito in collaborazione con la Fondazione Accademia del Panino Italiano. L’evento è in programma dal 14 al 16 ottobre 2017, ancora una volta al Palazzo del Ghiaccio di Milano, con più di 200 artigiani del gusto – panettieri, casari, pasticceri – selezionati in tutta Italia. “Per il sesto compleanno di Milano Golosa – racconta Davide Paolini – abbiamo voluto rendere omaggio a due grandi amori italiani: le trattorie e il panino. Sono da sempre innamorato di quella che io considero una cucina concreta e vera, quella dei luoghi conviviali e delle ricette semplici, ma fatte bene. Che sia un piatto o un panino, io tifo sempre e comunque per i prodotti locali che inneggiano alla materia prima e al territorio”.  200 circa gli espositori artigiani già confermati e presenti per proporre un tour enogastronomico della penisola alla ricerca di materie prime di qualità. Il pubblico sarà accompagnato in una ricerca gastronomica attraverso gli stand di panettieri, casari, pasticceri e attraverso la proposta di due nuove aeree. La prima ospiterà 9 cuochi delle Premiate Trattorie Italiane che accompagneranno i visitatori in un viaggio attraverso l’Italia alla scoperta delle migliori tradizioni culinarie locali. Dai marubini del Caffè La Crepa alla cassoeula dell’Antica Trattoria del Gallo, dagli gnocchetti di castagna al pesto al mortaio de La Brinca alle sagn ca’ m’ddic” de La Locandiera. Milano Golosa: PaniniAmo, un omaggio al pane imbottito in collaborazione con la Fondazione Accademia del Panino ItalianoL’altra nuova area è PaniniAmo, dedicata al panino italiano. Qui, con la collaborazione della Fondazione Accademia del Panino Italiano, si propone di presentare il prodotto in tutte le sue declinazioni. Dal panino classico a quello regionale a quello gourmet: le migliori paninoteche d’Italia presenteranno le loro specialità realizzate con materie prime Made in Italy e tanta fantasia.

Come partecipare

L’evento sarà aperto al pubblico sabato 14 ottobre (dalle 12 alle 20:30), domenica 15 ottobre (dalle 10 alle 20:30) e lunedì 16 ottobre (dalle 9 alle 17). Tanti gli eventi che coinvolgeranno anche altri luoghi – ristoranti ed enoteche del centro – con il programma di Fuori Milano Golosa. Il biglietto d’ingresso, come nelle passate edizioni sarà di 10 euro a persona, 5 euro per i bambini dai 6 ai 12, bambini minori di 6 anni gratuito. Il programma sarà presto disponibile sul sito della manifestazione (www.milanogolosa.it).

Potrebbe interessarti anche:


Zurigo, la città dove cibo e cultura sono internazionali

É arrivato l'autunno. Come ci si sente? C'è chi cade in letargo, cedendo alla pigrizia, e chi, invece, pur rassegnandosi agli abiti più pesanti, non rinuncia a viaggiare. Io faccio parte di chi ama curiosare, andando in giro per il mondo. E così non cedo alle tentazioni del piumone o alle domeniche passate a oziare in casa. Vi suggerisco un week...Zurigo, la città dove cibo e cultura sono internazionali ultima modifica: 2017-09-24T23:59:52+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Turismo mordi e fuggi? No grazie. Costruiamo il turismo 4.0 in nome di cibo e cultura

Lo scriviamo da tempo: il turismo da incentivare è quello culturale. Serve una strategia per un turismo 4.0. Per la ricchezza del nostro patrimonio artistico, per quello che rappresentano cibo e cultura abbiamo bisogno...Turismo mordi e fuggi? No grazie. Costruiamo il turismo 4.0 in nome di cibo e cultura ultima modifica: 2017-07-13T21:44:27+00:00 da Monica Viani

Lo scriviamo da tempo: il turismo da incentivare è quello culturale. Serve una strategia per un turismo 4.0. Per la ricchezza del nostro patrimonio artistico, per quello che rappresentano cibo e cultura abbiamo bisogno di progetti condivisi costruiti per migliorare il nostro turismo culturale,...Turismo mordi e fuggi? No grazie. Costruiamo il turismo 4.0 in nome di cibo e cultura ultima modifica: 2017-07-13T21:44:27+00:00 da Monica Viani

Lo scriviamo da tempo: il turismo da incentivare è quello culturale. Serve una strategia per un turismo 4.0. Per la ricchezza del nostro patrimonio artistico, per quello che rappresentano cibo e cultura abbiamo bisogno di progetti condivisi costruiti per migliorare il nostro turismo culturale, con particolare attenzione all'enogastronomia. Se ciò non accadrà, si correrà un grosso rischio: la nostra storia sarà trasformata in oggetto di...Turismo mordi e fuggi? No grazie. Costruiamo il turismo 4.0 in nome di cibo e cultura ultima modifica: 2017-07-13T21:44:27+00:00 da Monica Viani

Milano Golosa: le nuove tendenze nel mondo dell’enogastronomia ultima modifica: 2017-09-29T14:19:41+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *