Il migliore ristorante calabrese dove cenare a Milano: Le Saie

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Eccovi il nome del ristorante e dello chef consigliato questa settimana da Famelici: Le Saie e Rocco Iannì. Aperto da poche settimane, nel cuore della movida milanese, sui Navigli, può diventare un apripista della cucina calabrese, una cucina ingiustamente ancora poco conosciuta a Milano.

ristorante _calabrese _dove _cenare _a_ milano _le saie

Ristorante calabrese dove cenare a Milano: Le Saie

Pochi a Milano i ristoranti calabresi, forse perchè, ingiustamente, si pensa che sia una cucina che non fa chic. Errore gravissimo, perchè più che il gusto vince il pregiudizio che sia una proposta “pesante”.

La sfida di Rocco Iannì, lo chef che ama e rispetta la sua terra

Lo chef, Rocco Iannì, allievo di Gualtiero Marchesi, assistente presso la scuola di cucina di Colorno Alma di Ernst Knam, Marco Soldati, Fabrizio Molteni, Paolo Lopriore e Michel Magadà, ha deciso di raddoppiare. Infatti, oltre a gestire il ristorante La Saie a Bagnara Calabra, si è convinto di aprire un locale anche nel capoluogo lombardo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La cucina di Rocco è rispettosa della tradizione calabrese, senza rinunciare ad una rivisitazione attenta all’esaltazione della bellezza e dell’eccellenza della materia prima.

La sua proposta incontra i palati di chi è curioso di conoscere una cucina regionale considerata ingiustamente poco gourmet. Inutile dirvi che il protagonista è il pesce di altissima qualità. Qui, infatti, si trova pesce fresco, anzi freschissimo.

Il mio piatto preferito

ristorante calabrese dove cenare a Milano Le Saie: parmigiana pesce spada

Se dovessi assegnare un premio, non avrei alcuna esitazione a consegnarlo alla parmigiana di pescespada. E lo chef ci regala anche la ricetta, facile da riproporre a casa, dopo aver assaggiato l’originale.

Parmigiana di pescespada

Ingredienti pe 4 persone

600 gr di pescespada tagliato a fette

200 gr di mollica di pane di Pellegrina raffermo

100 gr di parmigiano reggiano 18 mesi di stagionatura

500 gr di pomodorini freschi

olio evo di Calabria IGP q.b.

basilico q.b.

sale q.b.

origano della Costa Viola q.b.

Preparazione
Disporre in una teglia da forno ben unta con l’olio Extra Vergine d’Oliva un primo strato di pesce spada tagliato a fettine sottili. Disporre quindi uno strato di pomodorini tagliati a cubetti e conditi con olio EVO, sale, origano e basilico fino a coprire lo strato sottostante di pesce spada.

A seguire disporre uno strato di pangrattato e Parmigiano Reggiano grattugiato e completare il tutto con un filo di olio EVO. Ripetere il procedimento per almeno tre volte formando almeno tre strati di pesce spada.

Cuocere in forno per 15 minuti a 180 °C fino ad ottenere una doratura della parte superiore e una buona cottura del pesce all’interno.

Per l’impiattamento disporre al centro del piatto una porzione di parmigiana di pescespada tagliata a rettangolo e decorare con delle foglie di basilico fresco.

La storia di un nome: le saie

“Le Saie” è un ristorante che racconta la storia della Calabria. Una storia narrata, oltre che dal nome, dalle pareti del locale.

Il nome “le saie” ricorda le ampie gonne con cui vestivano le bagnarote, mogli e madri dei pescatori di Bagnara Calabra, le infaticabili camminatrici che percorrevano i paesi della provincia per vendere il pesce fresco.

Nella memoria popolare vengono ricordate come donne forti, audaci, spesso ritratte con pesanti gerle sulla testa. In  tempi di fame e carestia, contrabbandavano il sale sapientemente nascosto laddove nessuno avrebbe osato perquisirle: sotto le ampie sottane. Tutto per non pagare il dazio considerato un sopruso.

Sulle pareti de “Le Saie” si ricorda proprio la forza delle bagnarote, rappresentate mentre con energia tirano le reti al rientro delle palamatare dalla pesca. Un’immagine “raccontata” anche da una poesia che in dialetto riporta in vita una figura popolare assai amata nel reggino.

Perchè e a chi è famelicamente consigliato

  • L’inaugurazione di questo ristorante dimostra che la cucina regionale italiana piace.
  • Famelicamente consigliato ai neofiti curiosi di una cucina calabrese ricca di golose sorprese.
  • Un locale dove l’ ambiente aiuta e rende piacevole la conversazione.
  • Seduce con la sua eleganza e la sua capacità di raccontare una storia attraverso i suoi piatti.
  • Un segnale importante di quanta cultura gastronomica (e non solo!) ci sia in Calabria.
  • Un ristorante dove trovare pesce fresco, freschissimo
  • Per chi cerca nuove emozioni da regalare alle proprie papille gustative.

Le Saie

Via Gabriele D’annunzio 7/9

Milano

Telefono +39 02 89420136

Mobile +39 324 6894363

Potrebbe interessarti anche:


I 5 ristoranti preferiti da Famelici a Milano

Che Famelici vi sveli i suoi segreti, ormai lo sapete! E allora è arrivato il momento di rivelarvi i 5 ristoranti preferiti da Famelici a Milano. Da provare assolutamente nel 2020 e dove probabilmente ci ritroverete su suggerimento delle nostre fameliche papille gustative! Magari ci incontreremo ♥ I 5 ristoranti preferiti da Famelici a Milano Bon Wei Il miglior ristorante cinese dove andare...I 5 ristoranti preferiti da Famelici a Milano ultima modifica: 2020-01-14T10:50:03+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


I migliori Lamian, noodle tirati a mano, li mangi solo da Bon Wei a Milano

Lamian, semplicemente noodle o tagliolini di farina di grano e acqua “tirati a mano”. Impossibile non assaggiarli e se non lo hai ancora fatto devi per forza andare da Bon Wei a Milano. Tanta manualità e grandi sughi per un piatto indimenticabile. Due ingredienti, tanta esperienza e il gioco è fatto! Conoscere la Cina attraverso la cucina cinese.  I migliori Lamian...I migliori Lamian, noodle tirati a mano, li mangi solo da Bon Wei a Milano ultima modifica: 2020-01-20T19:46:30+00:00 da Monica Viani

Il migliore ristorante calabrese dove cenare a Milano: Le Saie ultima modifica: 2020-02-05T00:33:59+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *