Arte partecipata e aumentata. Dalla periferia nasce MAUA

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Milano ha i suoi difetti, ma due grandi pregi: la vitalità e l’immaginazione. Non mancano mai le idee (certo alcune più realizzabili, altre più utopistiche) e la volontà di (r)innovare, ideare nuovi spazi e possibilità. È il caso di MAUA, il neonato museo aperto in città. Un museo decisamente originale, ben lontano dall’immaginario statico e rigido a cui forse siamo ancora abituati.

Per prima cosa MAUA è un museo a cielo aperto ed è piuttosto esteso: 5 sono i quartieri coinvolti e non si tratta dei soliti grandi noti. La fantasiosa creatura si espande nei quartieri più periferici della città – Giambellino/Lorenteggio, Adriano/via Padova, Corvetto/Porto di Mare, Niguarda/Bovisa, Qt8/Gallaratese sono al momento le zone coinvolte – e piuttosto curiosa è la genesi del tutto. MAUA, un esperimento di curatela diffusa, è nato grazie a un bando sulle periferie promosso dal Comune di Milano e vinto da una cordata di realtà meneghine: Bepart (capofila del progetto), Base Milano, Terre di Mezzo, Fondazione Arrigo e Pia Pini hanno chiesto, in una prima fase di selezione, ai cittadini di selezionare le opere di street arte più meritevoli presenti nei loro quartieri. Dei 218 iniziali individuati sono stati quindi scelti per ognuna delle zone periferiche coinvolte 10 murales, tessere comunicanti del nuovo grande museo en plein air.

Riqualificazione delle periferie, valorizzazione della street art, creazione di un museo diffuso, partecipazione degli abitanti (autori della selezione, curatori della mappatura della street art e innovatori della comunicazione sui social network)…gli ingredienti interessanti ci sono tutti, ma non è finita qui. MAUA, grazie alla startup Bepart, è anche un museo di realtà aumentata. Come funziona? Passate con il vostro smartphone davanti alle opere, le inquadrate e…queste prendono vita generando un’altra opera ancora e trasformandosi in un lavoro di digital art da condividere sui social network per aumentare il numero di fruitori dell’opera artistica.

Insomma…di carne sul fuoco non manca. Le vacanze di Natale sono in arrivo, se avete un po’ di tempo libero per girare la città, MAUA potrebbe essere un’esperienza sorprendente.

Informazioni utili: da BASE Milano e all’Infopoint del Comune si trova in distribuzione gratuita il catalogo di MAUA. Per tutte le altre informazioni, c’è il sito dedicato mauamuseum.com

Potrebbe interessarti anche:


Milano e Alda Merini. In viaggio con la poetessa dei Navigli

Sono nata il ventuno a primavera ma non sapevo che nascere folle, aprire le zolle potesse scatenar tempesta. Così Proserpina lieve vede piovere sulle erbe, sui grossi frumenti gentili e piange sempre la sera. Forse è la sua preghiera. (da Vuoto d'amore, Einaudi 1991) Così Alda Merini evocava la sua data di nascita in un giorno di primavera del 1931: il 21 marzo. Una data eletta dall’Unesco a World...Milano e Alda Merini. In viaggio con la poetessa dei Navigli ultima modifica: 2017-03-20T10:18:59+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Potrebbe interessarti anche:


Itinerari Famelici. Guida alla Milano futurista

Ci sono tanti modi per conoscere una città, tanti punti di vista diversi. Alcune vie sono più esplorate, altre, magari meno celebrate dalle guide, rimangono nascoste ai più. La città di Milano, oltre a essere la capitale della moda, del design e di tanto altro, è stata la culla di una grande avanguardia artistica: il Futurismo. Dinamico, irriverente, chiassoso...Itinerari Famelici. Guida alla Milano futurista ultima modifica: 2017-05-29T08:44:30+00:00 da Alessandra Cioccarelli

 

 

Arte partecipata e aumentata. Dalla periferia nasce MAUA ultima modifica: 2017-12-24T10:56:43+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *