Al tempo del Coronavirus il rito milanese dell’aperitivo come si trasforma?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Milano è la capitale dell’aperitivo che non è più solo una moda ma un vero stile di vita, che ha generato la cocktail economy. Ora con il propagarsi del Coranavirus sono state imposte limitazioni d’orario all’apertura di bar e pub e così il milanese e chi viene nel capoluogo milanese si trova privato di un rito consolidato.

I bar sono chiusi per limitare il rischio di contagio da coronavirus dalle 18 alle 6 del mattino. Insieme ai teatri, ai cinema, ai musei sono rinviati a data da destinarsi tutti quegli «eventi» che hanno reso Milano una meta cool.

Quanto durerà il provvedimento restrittivo? Non è dato sapersi. Si spera una settimana, ma potrebbe prolungarsi per 10-15 giorni. Tutti disperati? Forse tornerà in voga la vecchia abitudine di trovarsi in casa, organizzando aperitivi o cene. Forse si tornerà alla vecchia socialità.

Le origini del rito dell’aperitivo: da Torino a Milano

Il rito dell’aperitivo in realtà nasce a Torino ai tempi di Cavour con il vermouth. La risposta meneghina non si fa attendere. Ausano Ramazzotti con il suo amaro alle erbe e successivamente Gaspare Campari con il suo bitter dal colore rosso fecero di Milano un luogo dove era piacevole bere un aperitivo prima di cena.

Al tempo del Coronavirus il rito milanese dell'aperitivo

A Milano piombano con i loro zang, tumb, tumb i futuristi. Si preferisce l’italiano ai termini stranieri, sulle vetrine dei bar compare il cartello “Qui si beve”. Si rivisitano le ricette, si scelgono bevande italiane. Si univano insieme cibo e polibibite (bandito il termine cocktail): datteri, pistacchi, banane, acciughe, cioccolato. Diventarono locali trendy Caffè Centro, Savini, Camparino, Cova e nel dopoguerra il Jamaica.

Negli anni 60/70 è il Bar Basso a diventare il locale dei cocktail. Qui nacque il Negroni Sbagliato, il Rossini, il Perseghetto, il Mangia e Bevi, serviti con patatine e olive.

Gli anno 80/90 sono gli anni della Milano da bere. I bar iconici? Gin Rosa, Bar Savini e Bar Cavour. E negli anni 90 nacque l’happy hour, che divenne in breve tempo l’ape-cena.

E nel 2000? Si ritorna alla ricerca della qualità. Tornano di moda l’amaro, il vermouth, i classici della miscelazione come Negroni, Americano, Martini. Diventano sempre più rari i buffet pantagruelici, saper scegliere il cocktail si trasforma in status symbol. Si diffonde il concetto di food pairing, si abbinano piccoli piatti gourmet e ricercati. Vince la sperimentazione, prendendo in prestito tecniche culinarie, approfondendo lo studio delle erbe e botaniche. L’egemonia del gin viene contrastato dalla proposta di antiche ricette recuperate e rivisitate.

E ora? Per qualche tempo dovremo forse abbandonare il rito nei locali, ma lo potremo riproporre in casa con amici, magari rivedendo un film. Famelici vi aiuta, proponendovi un film e un cocktail.

Bubbles Negroni

Ispirato a Odio l’estate di Massimo Venier, con Aldo Giovanni e Giacomo, 2020

Al tempo del Coronavirus il rito milanese dell'aperitivo

Barman: Andrea Pomo, bartender del The Jerry Thomas Speakeasy di Roma, classificato al numero 50 della classifica The World’s 50 Best Bars 2019

Ingredienti
45 ml Crocodile Gin
30 ml Vermouth Del Professore Classico
25 ml Bitter Del Professore
45 ml infuso Lemon Grey (tè nero a base di pompelmo e limone)
7.5 ml succo di melograno chiarificato
2 drops di soluzione salina
1 scorza di pompelmo

Bicchiere: Collins
Garnish: peel di pompelmo

Preparazione
Miscelare tutti gli ingredienti, tranne la scorza di pompelmo e raffreddare fin quasi al punto di congelamento. Applicare la carbonatazione a 2.9 bar di pressione. Versare in un bicchiere collins ghiacciato con ghiaccio chunk e spremere la scorza di pompelmo sopra il drink.

Ispirazione

Al tempo del Coronavirus il rito milanese dell'aperitivo: Andrea pomo

Un vero proprio twist on classic! Andrea Pomo ha voluto reinterpretare un grande classico intramontabile come il Negroni, IL Fenomeno Italiano. Lo ha scelto perchè tre sono gli ingredienti che hanno creato questo drink unico, come tre sono i comici che hanno creato a loro volta una comicità unica.

Il drink è una semplice rivisitazione del Negroni che si basa sul terroir e la stagione durante la quale è stato ambientato il film: l’estate. Quindi, un drink fresco e con prodotti freschi. Tutto nasce nel The Jerry Thomas Speakeasy, primo ‘secret bar’ italiano, nato a Roma una decina di anni fa con l’idea di riportare alla luce uno stile di miscelazione ormai dimenticato.

Foto barman photo credit: Alberto Blasetti.

Potrebbe interessarti anche:


Wine Tourism: alla scoperta della Valpolicella e dell’Amarone

Febbraio: il colpo di fulmine per la Valpolicella Se dici Valpolicella, l'area che si estende tra la fascia collinare ai piedi delle Prealpi veronesi, il fiume Adige a sud, Verona a est e il Lago di Garda a ovest, dici Amarone, Ripasso, Recioto, Valpolicella Classico e Valpolicella Classico Superiore. Vini profondi che non passano inosservati per la loro forte personalità. Il sapore...Wine Tourism: alla scoperta della Valpolicella e dell’Amarone ultima modifica: 2020-02-23T19:13:34+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Fellini, un regista famelicamente goloso. Lo ricordiamo con 3 cocktail felliniani

La Romagna, le donne, i sogni e il cibo. Ecco il mondo di Federico Fellini. Se talvolta il cibo si trasforma in nostalgia per quella Romagna che lo ha...Fellini, un regista famelicamente goloso. Lo ricordiamo con 3 cocktail felliniani ultima modifica: 2020-01-16T13:25:11+00:00 da Monica Viani

La Romagna, le donne, i sogni e il cibo. Ecco il mondo di Federico Fellini. Se talvolta il cibo si trasforma in nostalgia per quella Romagna che lo ha visto nascere e crescere, in altre richiama la tentazione, il...Fellini, un regista famelicamente goloso. Lo ricordiamo con 3 cocktail felliniani ultima modifica: 2020-01-16T13:25:11+00:00 da Monica Viani

La Romagna, le donne, i sogni e il cibo. Ecco il mondo di Federico Fellini. Se talvolta il cibo si trasforma in nostalgia per quella Romagna che lo ha visto nascere e crescere, in altre richiama la tentazione, il peccato, il proibito. In occasione delle celebrazione per i 100 anni dalla nascita del grande regista romagnolo, Famelici vi propone...Fellini, un regista famelicamente goloso. Lo ricordiamo con 3 cocktail felliniani ultima modifica: 2020-01-16T13:25:11+00:00 da Monica Viani

Al tempo del Coronavirus il rito milanese dell’aperitivo come si trasforma? ultima modifica: 2020-02-25T11:17:56+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *