8 marzo: cioccolatini o scarpe? Due in uno

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Uno degli oggetti più carichi di allusioni – sensoriali, sensuali, erotiche, antropologiche, oniriche, storiche, letterarie, favolistiche – sono le scarpe. Uno dei cibi più carichi di significati – sensoriali, sensuali, erotici, antropologici, onirici, storici, letterari, favolistici – è il cioccolato.

Figuriamoci quindi delle scarpe di cioccolato. Come quelle di Nicolò Moschella, pastry chef. Scarpe di vernice, rosse e sexy ed extralucide non da indossare, no no. Ma da divorare. O da centellinare, fate voi: anche se la degustazione seria del cioccolato presupporrebbe un assaggio grande come un quadratino da 1) osservare 2) annusare 3) ascoltare (sì, il cioccolato che si spezza ha un suono!) 4) lasciar sciogliere in bocca con lentezza esasperante, per cogliere ogni nota aromatica.

Il cioccolato non si dovrebbe proprio mordere e masticare, dicono gli specialisti di analisi sensoriale! Siete capaci di provarci?

L’8 marzo di questo giovane pasticciere, scuola Iginio Massari, è dunque un cioccolato-scultura. Contrariamente a tante sculture (come quelle che vedete nei grandi concorsi di pasticceria) è commestibile per intero – la base di cioccolato fondente, la scarpa dal tacco alla punta, di cioccolato bianco verniciata con colorante alimentare rosso.

Scarpe rosse, simbolo forte di energia e di affermazione femminile. Si possono ordinare – anche per un compleanno o un’altra occasione diversa dalla festa della donna, per esempio in versione bianca per una sposa – sul sito www.nicolomoschella.it.

Visto che stiamo parlando di scarpe, seppure molto particolari, vorrete sapere modelli, taglie e prezzi: per il modello con zeppa, 410g, 50 euro l’una; per il modello décolleté, 340g, 40 euro l’una.

[foto Monica Balzan Communication]

Potrebbe interessarti anche:


Dolci autunnali: il trionfo del cioccolato e della castagna

Dolci autunnali: dai dolci al cioccolato a quelli con la castagna. Da sempre amati, da sempre ricercati per affrontare con allegria i primi freddi e per assaporare i sapori dell'autunno. Famelici ha assaggiato per...Dolci autunnali: il trionfo del cioccolato e della castagna ultima modifica: 2017-10-30T21:29:04+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Un consiglio “famelico” per dolci da urlo? Pasticceria (ma non solo) Just Love

Non lo facciamo mai, ma questa volta facciamo uno strappo alla regola e vi consigliamo una pasticceria che in realtà è un bistrot. Si chiama Just Love ed è un locale...Un consiglio “famelico” per dolci da urlo? Pasticceria (ma non solo) Just Love ultima modifica: 2017-11-07T09:51:43+00:00 da Monica Viani

Non lo facciamo mai, ma questa volta facciamo uno strappo alla regola e vi consigliamo una pasticceria che in realtà è un bistrot. Si chiama Just Love ed è un locale giovane aperto da novembre 2016 in corso di Porta Ticinese,...Un consiglio “famelico” per dolci da urlo? Pasticceria (ma non solo) Just Love ultima modifica: 2017-11-07T09:51:43+00:00 da Monica Viani

Non lo facciamo mai, ma questa volta facciamo uno strappo alla regola e vi consigliamo una pasticceria che in realtà è un bistrot. Si chiama Just Love ed è un locale giovane aperto da novembre 2016 in corso di Porta Ticinese, a Milano. Vi parliamo del regno delle monoporzioni, dove se ne trovano per tutti i gusti. Ma non solo. Ci...Un consiglio “famelico” per dolci da urlo? Pasticceria (ma non solo) Just Love ultima modifica: 2017-11-07T09:51:43+00:00 da Monica Viani

8 marzo: cioccolatini o scarpe? Due in uno ultima modifica: 2018-03-07T11:33:07+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *