Sicuri di conoscere il burro? Come lo conservi?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Prima di tutto occorre accertarsi di consumare un burro di qualità. Taluni preferiscono usare il burro anidro, un burro alleggerito per laminazione, con il 60% di materia grassa. Una tecnologia che consente di ottenere burro a basso contenuto di colesterolo.

Conoscere il burro: nozioni fondamentali

  • Il burro è una sorta di concentrato della frazione lipidica del latte;
  • la crema di latte o panna è la materia prima da cui si ottiene il burro;
  • dal punto di vista chimico come un’emulsione di goccioline di acqua disperse in grasso;
  • per prima cosa si estrae la crema dal latte:
  • successivamente si ottiene il burro attraverso il processo chiamato zangolatura, che permette l’aggregazione dei grassi e la separazione dalla parte acquosa, il latticello;
  • il burro deve contenere almeno l’82% di materia grassa, non più del 16% di acqua e un massimo del 2% di altri costituenti, comprendenti lattosio, proteine e sali minerali;
  • la frazione lipidica comprende trigliceridi (soprattutto grassi saturi), fosfolipidi (particolari grassi presenti nelle membrane cellulari) e una porzione insaponificabile, costituita da steroli, vitamine liposolubili e squalene, un composto utilizzato dall’organismo per costruire alcuni ormoni, come il colesterolo;
  • Durante la lavorazione è consentito aggiungere additivi antimicrobici (acido ascorbico e sorbati), antiossidanti, tocoferoli, coloranti naturali e sale.

Conoscere il burro:  si conserva in frigorifero?

Lo acquistiamo soprattutto al supermercato, dove lo troviamo in scaffali refrigerati. Arrivati a casa, per non interrompere la catena del freddo, lo riponiamo in frigorifero. Non manca chi lo ripone in freezer per assicurarsi una conservazione di 3/4 mesi. Eppure, secondo DairyGood, andrebbe conservato fuori dal frigo per conservarne la morbidezza. Si dovrebbe tenere in una stanza fresca per evitare che diventi rancido. Del resto vi avevamo già raccontato di come gli estimatori della mozzarella di bufala raccomandassero di tenerla fuori dal frigo. Il processo di degradazione inizia quando la temperatura è superiore ai 21°C. Come la mettiamo con la salute? Forse è meglio arrivare al compromesso: tirarlo fuori mezz’ora prima dell’utilizzo.

Conoscere il burro: il burro gourmet al vino rosso

Conosci il burro al vino rosso? Ottima proposta per grigliate e tagliate. É un burro aromatizzato molto apprezzato da chi cerca sempre nuove proposte gastronomiche. Gli ingredienti per farlo?

Vino rosso
Rosmarino
Alloro
Miele
Burro a temperatura ambiente
Aglio tritato finemente
Sale
Pepe nero
Erba cipollina

Potrebbe interessarti anche:


Sushi, sashimi, carpaccio, tartare e altre preparazioni a base di pesce

Quale preparazione a base di pesce scegliere? Vi proponiamo sushi, sashimi, tartare di pesce, ma anche ceviche e Gravad Lax. Preparazioni a base di pesce L'arte di fare il sushi Pesce fresco accompagnato da bocconcini di riso e anche da alghe, vegetali o uova. Se ne conoscono diverse varianti. Ecco le principali: • Mazkizushi: involtino con al centro un cubetto di pesce crudo •...Sushi, sashimi, carpaccio, tartare e altre preparazioni a base di pesce ultima modifica: 2019-09-01T18:03:15+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Ciclo doloroso e le paturnie: come mangiare fuori casa

Per noi donne l’arrivo del ciclo mensile può diventare un vero incubo: ci fanno compagnia voglia di dolci, cioccolato e farinacei, gonfiore addominale e talvolta aumento di peso, nervosismo...Ciclo doloroso e le paturnie: come mangiare fuori casa ultima modifica: 2017-09-14T09:28:44+00:00 da Monica Viani

Per noi donne l’arrivo del ciclo mensile può diventare un vero incubo: ci fanno compagnia voglia di dolci, cioccolato e farinacei, gonfiore addominale e talvolta aumento di peso, nervosismo e insonnia. Poi ci si mette la vita frenetica e...Ciclo doloroso e le paturnie: come mangiare fuori casa ultima modifica: 2017-09-14T09:28:44+00:00 da Monica Viani

Per noi donne l’arrivo del ciclo mensile può diventare un vero incubo: ci fanno compagnia voglia di dolci, cioccolato e farinacei, gonfiore addominale e talvolta aumento di peso, nervosismo e insonnia. Poi ci si mette la vita frenetica e magari l’impossibilità di prepararci i cibi più adatti a contrastare la sindrome premestruale. “In quei giorni è fondamentale mangiare più...Ciclo doloroso e le paturnie: come mangiare fuori casa ultima modifica: 2017-09-14T09:28:44+00:00 da Monica Viani

Sicuri di conoscere il burro? Come lo conservi? ultima modifica: 2019-09-03T12:48:07+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *