Perchè la lenticchia di Onano è davvero speciale (+ricetta)

Share on FacebookTweet about this on Twitter

La lenticchia può essere davvero buona. Basta saperla scegliere. É uno di quei cibi voluttuosi che, oltre ad essere golosi, fanno bene anche alla salute. La lenticchia di Onano, la lenticchia dei Papi, non ha rivali in quanto a goduria.

 

La lenticchia di Onano, che non ha rivali nella categoria dei cibi buoni e sani, è prodotta in un piccolo centro del viterbese, in quel Lazio, lontano dal mare, ma che merita una visita se ami l’autentico entroterra Made in Italy. Riconosciuta come uno dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani da Slow Food, è diventata famosa in tutto il mondo. Giulio Andreotti, nel libro La sciarada di Papa Mastai, sostiene addirittura che papa Pio IX, dopo la perdita del potere temporale, si sia consolato con un piatto di lenticchie di Onano donate dal cardinale Prospero Caterini.

La lenticchia di Onano: perchè sceglierla e come cucinarla

Coltivata in piccoli appezzamenti di terreno, si distingue dalle altre specie per il suo sapore particolare che la rende piacevole al palato. Ma anche per forma e colore. In particolare il colore è simile a quello del piombo. La forma è rotondeggiante, un poco più grande della lenticchia di Castelluccio e più piccola della turca. Nasceva come piatto povero, destinato agli uomini che lavoravano nei campi per garantire l’energia sufficiente per sopportare un lavoro duro. Oggi le abitudini alimentari e fisiche sono cambiate e così la lenticchia di Onano è diventata protagonista di tanti piatti più elaborati.

Il modo migliore per mangiare le lenticchie di Onano è accompagnarle al pane sciocco, il tipico pane toscano privo di sale. Noi, dando ragione a papa Pio IX, che le amava cucinate in modo semplice, vi regaliamo la ricetta della zuppa di lenticchie di Onano, vera goduria per il palato.

Zuppa di lenticchie di Onano

Ingredienti

400 g Lenticchie di Onano

500 g Pomodori pelati

Sedano

Aglio rosso di Proceno

Pane raffermo

Sale

Pepe

Olio extra vergine di oliva

Brodo

Procedimento

Fare il soffritto cin olio, aglio e pomodoro passato. Aggiungere qualche foglia di sedano a pezzi, le lenticchie, sale, pepe e brodo. Aggiungere durante la cottura del brodo se serve. Ultimata la cottura, regolare di sale e sistemare nei piatti di portata fette di pane. Aggiungere la zuppa calda.

Potrebbe interessarti anche:


Quando in Italia si coltivava la canapa, ma Salvini non lo sa

Tra le tante polemiche sollevate dal Ministro degli Interni Matteo Salvini una riguarda anche la canapa. Salvini, assiduo frequentatore dei social e delle spiagge meno del Parlamento, vuole chiudere i negozi che vendono la...Quando in Italia si coltivava la canapa, ma Salvini non lo sa ultima modifica: 2019-08-07T11:17:58+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Cibo e cultura: 7 piatti o ingredienti foodcultural

Come ricordarsi che cibo è cultura? Domanda apparentemente semplice. C'è chi pensa a un piatto, chi a un ingrediente. A ciascuno la sua opinione. Io viaggio molto e cerco...Cibo e cultura: 7 piatti o ingredienti foodcultural ultima modifica: 2019-07-02T21:37:32+00:00 da Monica Viani

Come ricordarsi che cibo è cultura? Domanda apparentemente semplice. C'è chi pensa a un piatto, chi a un ingrediente. A ciascuno la sua opinione. Io viaggio molto e cerco sempre di capire i luoghi che visito passeggiando senza meta,...Cibo e cultura: 7 piatti o ingredienti foodcultural ultima modifica: 2019-07-02T21:37:32+00:00 da Monica Viani

Come ricordarsi che cibo è cultura? Domanda apparentemente semplice. C'è chi pensa a un piatto, chi a un ingrediente. A ciascuno la sua opinione. Io viaggio molto e cerco sempre di capire i luoghi che visito passeggiando senza meta, mangiando i piatti della cucina tradizionale o rivisitata in modo intelligente e ascoltando i racconti dei contadini o degli allevatori....Cibo e cultura: 7 piatti o ingredienti foodcultural ultima modifica: 2019-07-02T21:37:32+00:00 da Monica Viani

 

 

 

Perchè la lenticchia di Onano è davvero speciale (+ricetta) ultima modifica: 2019-08-08T15:38:51+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *