“Next Generation Chef”, un modo nuovo di parlare di cibo

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Famelici vi segnala un interessante appuntamento all’interno di “Gola Gola Festival” a Parma: “Next Generation Chef”, un progetto il cui scopo è quello di definire un nuovo paradigma della didattica, finalizzato alla formazione di professionisti pensanti, portatori di una visione etica. La risposta ad un’esigenza contemporanea avvertita in primis dagli stessi formatori. Da non perdere dunque l’appuntamento organizzato da ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana organizza a Parma venerdì 2 e sabato 3 giugno. Accademici, uomini di cultura e chef si confronteranno sulla dimensione culturale ed etica del cibo e del fare cucina. Un esercizio dialettico e di analisi sociale imperdibile. Il programma è vario: cooking show, laboratori gastronomici, dibattiti, degustazioni di street food e un mercato di prodotti tipici. Ci facciamo raccontare da Enzo Malanca, Presidente di ALMA delle anticipazione che ci permettono già alcune riflessioni.

Perché Alma ha organizzato “Next Generation Chef”? 

“Oggi ALMA è sì una scuola di formazione, ma anche un centro culturale: il cibo è sempre più un elemento imprescindibile della nostra identità e  le professioni dell’ospitalità hanno una forte dimensione etica”.

Perché, secondo lei, formare professionisti pensanti è diventato così urgente negli ultimi tempi?

“Non si può più ignorare ciò che significa responsabilità sociale: gli operatori del settore devono essere sempre più coscienti delle problematiche legate all’alimentazione e alla sostenibilità, si devono concretamente impegnare nella lotta allo spreco di risorse e nella valorizzazione dell’ambiente, attraverso l’adozione di pratiche virtuose».

In particolare vi segnaliamo l’evento del 3 giugno presso   l’Auditorium Paganini, dove si svolgerà il  momento clou, a sua volta articolato in due sessioni. La prima sessione, in mattinata, avrà natura di evento chiuso, riservato a 120 professionisti, tra chef, pasticceri, docenti universitari, scienziati, filosofi, giornalisti e uomini di cultura. Verranno organizzati 10 tavoli di lavoro: a ogni tavolo, gli ospiti discuteranno un tema specifico, afferente una dei tre macro-argomenti: Sostenibilità, Sovranità Alimentare e Benessere e Abitudini di Consumo. La seconda sessione, dalle 15:00, sarà invece aperta al pubblico: un rappresentante per ogni tavolo di lavoro proporrà una sintesi delle idee emerse durante il confronto mattutino. Dal mix dei contributi dei 12 tavoli prenderà vita una Magna Carta: un documento che intende configurarsi come nuovo paradigma didattico, per la formazione delle future generazioni di cuochi.

Appuntamento a Parma il 2 e il 3 giugno.

Potrebbe interessarti anche:


Milano capitale del cibo, della moda e del design

Milano capitale del cibo: abbiamo ampiamente già trattato questo argomento e siamo assolutamente allineati sulla sua fattibilità. Si tratta di valorizzare la capitale lombarda come un vero punto di riferimento e...Milano capitale del cibo, della moda e del design ultima modifica: 2017-01-24T12:55:22+00:00 da Redazione Famelici

Potrebbe interessarti anche:


Gand: il paradiso veggie

Gand, cittadina universitaria delle Fiandre, la terza più popolosa del Belgio, vanta un record: la più alta concentrazione di ristoranti vegani. La prima volta che lo abbiamo letto non...Gand: il paradiso veggie ultima modifica: 2017-04-10T23:24:38+00:00 da Monica Viani

Gand, cittadina universitaria delle Fiandre, la terza più popolosa del Belgio, vanta un record: la più alta concentrazione di ristoranti vegani. La prima volta che lo abbiamo letto non ci credevamo. In un paese come il Belgio, amante della...Gand: il paradiso veggie ultima modifica: 2017-04-10T23:24:38+00:00 da Monica Viani

Gand, cittadina universitaria delle Fiandre, la terza più popolosa del Belgio, vanta un record: la più alta concentrazione di ristoranti vegani. La prima volta che lo abbiamo letto non ci credevamo. In un paese come il Belgio, amante della carne, i ristoranti vegetariani sono ben 13, ovvero uno su 19 mila abitanti. Altra sorpresa non si tratta di proposte...Gand: il paradiso veggie ultima modifica: 2017-04-10T23:24:38+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Milano Smart City: idee e start up orientate al food tech

Milano, è una Smart City che non si ferma mai nella proposizione di idee, di start up, di innovazione anche nel settore alimentazione, meglio ancora definito come food tech. L’ultimo bando si è chiuso in estate 2016. Si chiama «Startupper» e ha messo a disposizione fondi e aiuti per 21 nuovi progetti (interessante sapere che molti sono stati presentati da...Milano Smart City: idee e start up orientate al food tech ultima modifica: 2016-12-10T16:39:09+00:00 da Fabrizio Bellavista

Potrebbe interessarti anche:


Alimenti, digitale e no waste…

Alimenti, digitale e no waste: qualche spunto. Iniziamo con una news che non è certo una novità (l’idea è nata nel 2012) ma che merita una citazione particolare per il pensiero creativo che l’ha generata:...Alimenti, digitale e no waste… ultima modifica: 2017-05-21T21:40:44+00:00 da Fabrizio Bellavista

 

 

 

 

“Next Generation Chef”, un modo nuovo di parlare di cibo ultima modifica: 2017-05-23T15:19:15+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *