Memo sui rifiuti in spiaggia: in Italia sono in media 670 ogni 100 metri

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Rifiuti in spiaggia: cosa emerge dall’indagine Beach Litter 2017 di Legambiente condotta in 62 punti del litorale e assolutamente ignorata dalle principali fonti mediatiche? Risultano 670 rifiuti ogni 100 metri lineari di costa. Questo incredibile numero è da addebitarsi quasi al 60% ad un’origine domestica. I risultati sono, non conta neppure sottolinearli tanto li vediamo ogni giorno davanti ai nostri occhi: bellezze naturali deturpate, costi necessari per le bonifiche saliti alle stelle, prodotti ittici talvolta avvelenati, pericoli per chi frequenta i litorali.

Spiagge italiane, la classifica della vergogna

Spiagge italiane con una media di 670 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia: e questa cifra non contempla tutto ciò che si trova in mezzo al mare. Il nostro mare magnum, straordinario patrimonio ambientale, culturale e storico nazionale, è sotto feroce attacco: parliamo in generale di marine litter (rifiuti in mare e sulle spiagge), della pesca illegale, dagli scarichi illeciti e della mala-depurazione. Soffermandoci solo sui rifiuti sulle spiagge le cifre sono da shock . Ecco la classifica della vergogna: al primo posto dei rifiuti c’è la plastica, seguono vetro e ceramica, metallo, carta e cartone. Questo è l’elenco di rifiuti che ogni anno si trovano sulle nostre spiagge, rifiuti di ogni forma, genere, dimensione e colore. Tutto questo, ripetiamo senza parlare dei rifiuti che si trovano in mezzo al mare come le microplastiche o quelli che si depositano sul fondale che stanno intaccando la catena alimentare: se pensiamo ai pesci, per esempio, una ricerca dell’Università di Siena, Plastic Blusters, ci dice che esaminando i resti di tonni e pesci spada, gli studiosi toscani hanno rintracciato grandi quantità di residui di dentifrici, di tubetti di crema, di spazzolini. I pesci scambiano i pezzetti di plastica per plancton e si avvelenano.

É ora di cambiare rapidamente i nostri stili di vita!

Per terminare questa nostra riflessione di massima attualità vista la vera e propria corsa al mare per sfuggire al torrido ‘Caronte’…. ci dobbiamo porre una domanda fondamentale e per prima cosa dare una risposta a noi stessi, alla nostra coscienza civile: possiamo continuare così? Sapete quali sono i tempi di decomposizione della plastica in mare? Due sole cifre tra le tante: per un pannolino usa e getta servono 200 anni, mentre per la totale eliminazione di posate di plastica o accendini deve trascorrere un secolo. Un ultimo dato: quest’anno abbiamo consumato quello che potevamo già in data 2 agosto, cioè il cosiddetto Earth Overshoot Day, il giorno in cui la popolazione mondiale ha divorato tutte le risorse terrestri disponibili per il 2017, quest’anno prima dello scorso anno. Il messaggio è forte e chiaro: cambiare rapidamente i nostri stili di vita!

Potrebbe interessarti anche:


Alimenti, digitale e no waste…

Alimenti, digitale e no waste: qualche spunto. Iniziamo con una news che non è certo una novità (l’idea è nata nel 2012) ma che merita una citazione particolare per il pensiero creativo che l’ha generata:...Alimenti, digitale e no waste… ultima modifica: 2017-05-21T21:40:44+00:00 da Fabrizio Bellavista

Potrebbe interessarti anche:


Economia circolare e sostenibilità dai fondi di caffè

Dall'Italia e dall'estero: economia circolare e sostenibilità dai fondi di caffè Nella nuova visione circolare delle società avanzate ci sono dei prodotti che più di altri si prestano ad essere riutilizzati oppure a diventare, addirittura, qualcosa d’altro: il caffè è senz’altro posizionato molto bene nella gerarchia di questi prodotti e possiamo tranquillamente parlare di sostenibilità dai fondi di caffè come uno delle opportunità...Economia circolare e sostenibilità dai fondi di caffè ultima modifica: 2017-07-09T21:02:32+00:00 da Redazione Famelici

Potrebbe interessarti anche:


Il settore Food Tech muta lo skyline dell’agroalimentare

Il settore Food Tech muta lo skyline dell'agroalimentare: un vero cambiamento di paradigmi Food tech, cioè innovazione tecnologica nel campo dell’alimentazione: ci sono molte novità e Amazon conduce, in questo settore, una battaglia all’ultimo bit. La strategia comunicativa del colosso è deflagrante rispetto alla creatività applicata all’azienda, ma spesso meno “veritiera”: molte le news diffuse ad arte – consegna con drone, negozio...Il settore Food Tech muta lo skyline dell’agroalimentare ultima modifica: 2017-05-22T14:05:59+00:00 da Fabrizio Bellavista

Potrebbe interessarti anche:


Nel Salento il Parco dei Paduli: vivere l’ulivo

In un mondo veloce, spesso fatto di cemento, chi non sogna un ritorno ai ritmi lenti della natura con quei colori e profumi  spesso solo trasformati in ricordo? Fuga dalla città, ricostruirsi una vita più autentica altrove…per molti solo un sogno, per altri un obiettivo e per altri ancora la meta di una vacanza rigenerante. Ci vuole curiosità, coraggio ad abbandonare abitudini che ci...Nel Salento il Parco dei Paduli: vivere l’ulivo ultima modifica: 2017-06-14T23:25:47+00:00 da Monica Viani

Memo sui rifiuti in spiaggia: in Italia sono in media 670 ogni 100 metri ultima modifica: 2017-08-14T00:13:51+00:00 da Redazione Famelici

Un commento per “Memo sui rifiuti in spiaggia: in Italia sono in media 670 ogni 100 metri

  • Altra grande piaga delle coste italiane: l’abusivismo. Su questo tema vince la realpolitik, che impedisce la soluzione del problema una volta per tutte. Per la politica, per tutti senza alcuna esclusione, conta vincere, raccogliere il facile consenso. E allora accettiamo, come si è sempre fatto, l’uso privato del bene comune. Quello che sta succedendo in questi giorni (in prossimità delle elezioni regionali) purtroppo insegna!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *