Foglie di banano: la risposta green alla plastica

Share on FacebookTweet about this on Twitter

La battaglia contro la plastica è solo agli inizi. Nessuno ha più dubbi: inquina i nostri mari e dunque la catena alimentare. La ricerca per trovare validi sostituti avanza. Così in Thailandia e in Vietnam la catena dei supermercati Rimping propone sacchetti fatti con le foglie di banano al posto di quelli di plastica, raggiungendo l’impatto zero. L’iniziativa ha avuto così successo tanto da essere condivisa sui social, ottenendo in 48 ore circa 12.000 condivisioni. In realtà le foglie di banano sono già utilizzate per produrre contenuti per alimenti, soprattutto la carne, ma è la prima volta che entrano in un supermercato sotto forma di busta per la spesa.

Lo scorso dicembre, la UE ha deciso di limitare gli oggetti monouso in plastica; dal 2021 saranno vietati posate e piatti, cannucce, contenitori per alimenti e cotton fioc; per altri tipologie di plastica è stato imposto un quantitativo di materiale riciclato da contenere.

Sono molti gli studi per sostituire la plastica con le foglie degli alberi, non solo il banano. Il loro vantaggio è di essere biodegradabili: idee green che potrebbero rivoluzionare i nostri stili di vita. Per quanto riguarda i paesi asiatici si tratta del recupero di antiche usanze dei mercati rurali per avvolgere quello che era uno street food dei poveri. Oltre alle foglie di banano erano usate le foglie di loto per la loro resistenza all’acqua e al calore. Tali foglie erano usate anche per legare le verdure. Un’altra sperimentazione per produrre sacchetti free-plastica è la farina di mais.

Importante è che una coscienza green si stia imponendo in un paese come il Vietnam, il quarto al mondo ad inquinare il mare con la plastica. Butta 2500 tonnellate di plastica al giorno, essendo come tanti altri paesi asiatici, la discarica dell’ America! Il tentativo del Vietnam di superare la plastica? Una good news! Aspettiamo l’Europa! Ricordiamo che è di questi giorni la notizia che i sacchetti spacciati per biodegradabili non lo sono affatto!!!

Potrebbe interessarti anche:


Più plastica che pesce nel mare entro 30 anni. E le bio-plastiche?

Più plastica che pesce nel mare entro 30 anni L'anno scorso la start up di Ilana Taub ha impedito a oltre 50 tonnellate di mele, banane, mirtilli e lamponi di andare...Più plastica che pesce nel mare entro 30 anni. E le bio-plastiche? ultima modifica: 2018-02-22T19:17:43+00:00 da Redazione Famelici

Più plastica che pesce nel mare entro 30 anni L'anno scorso la start up di Ilana Taub ha impedito a oltre 50 tonnellate di mele, banane, mirtilli e lamponi di andare in discarica creando spuntini da frutta in eccesso. Questo è...Più plastica che pesce nel mare entro 30 anni. E le bio-plastiche? ultima modifica: 2018-02-22T19:17:43+00:00 da Redazione Famelici

Più plastica che pesce nel mare entro 30 anni L'anno scorso la start up di Ilana Taub ha impedito a oltre 50 tonnellate di mele, banane, mirtilli e lamponi di andare in discarica creando spuntini da frutta in eccesso. Questo è il potere del packaging troppo spesso sottovalutato. Ma, dice il co-fondatore di Snact: "abbiamo continuato a farci la stessa domanda:...Più plastica che pesce nel mare entro 30 anni. E le bio-plastiche? ultima modifica: 2018-02-22T19:17:43+00:00 da Redazione Famelici


Potrebbe interessarti anche:


Millenaria, green e modernissima: l’arte di essiccare (con ricetta)!

Da millenni si conserva il cibo essiccandolo: sole, aria, tempo gli ingredienti. Ma da qualche decennio un nuovo alleato è apparso nelle cucine e nelle case: l’essiccatore. È apparso e si è evoluto in modelli sempre più usabili, sicuri, sostenibili (ed economicamente abbordabili) che hanno favorito un’esplosione di creatività non solo da parte dei grandi chef, ma anche di tanti...Millenaria, green e modernissima: l’arte di essiccare (con ricetta)! ultima modifica: 2019-02-05T16:19:55+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Foglie di banano: la risposta green alla plastica ultima modifica: 2019-04-30T19:51:42+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *