Dove si paga il biglietto della metro con i rifiuti: a Istanbul

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Il problema del riciclo dei rifiuti è un problema mondiale, difficile da risolvere. Eppure la salvaguardia del pianeta ci impone di trovare velocemente delle soluzioni. A Istanbul chi ricicla lattine, vetro e plastica in modo corretto può viaggiare sui mezzi pubblici con considerevoli sconti e, in taluni casi, addirittura gratis.

Dove si paga il biglietto della metro con i rifiuti

Ci sono stazioni dove trovi biglietterie automatiche a dir poco eccentriche. Non si introducono soldi ma lattine, bottigliette e barattoli in vetro o in plastica e ottieni il tuo biglietto.

Dove? A Maslak, il distretto finanziario più conosciuto della città. In una delle fermate della metro, İTÜ-Ayazağa, una fila composta da persone di tutte le età, aspetta pazientemente di convertire la spazzatura in un biglietto del metrò.

Non è il solo esempio di applicazione di una politica che incentiva il riciclo dei rifiuti con erogazione di denaro o sconti. Così ad esempio in Germania ci sono supermercati che in cambio della restituzione di bottiglie in vetro o in plastica offrono 30-50 centesimi. Ma a Istanbul si sono per la prima volta legate due iniziative green: il riciclo dei rifiuti e l’invito a usare i mezzi pubblici per combattere l’inquinamento.

Il successo dell’iniziativa ha portato a voler realizzare un ampliamento dell’esperimento. Prossimamente saranno 100 le “biglietterie ecologiche”. Si pensa inoltre di estendere l’esperimento in altri luoghi pubblici, come università, biblioteche ed ospedali. Ma per ottenere un viaggio gratuito quanta spazzatura va riciclata? Una bottiglia di plastica da 0,33 litri vale due kurus, (i centesimi in valuta turca);  una da mezzo litro dà diritto a tre kurus, una da un litro sei kurus e da un litro e mezzo nove. Il credito è accumulato sulla “Istanbul Card”, usata normalmente come carta di viaggio. Al di là dell’incentivo economico, si vuole rendere l’azione del riciclo un’abitudine. Una sana abitudine. A noi di Famelici sembra un’ottima iniziativa!!!

Potrebbe interessarti anche:


La destinazione italiana più cool del 2019 è Matera

La destinazione italiana più cool del 2019 è Matera. Un vero boom per una cittadina che è un museo a cielo aperto.  Il gioiello lucano dal 2010 al 2017...La destinazione italiana più cool del 2019 è Matera ultima modifica: 2018-11-07T22:47:49+00:00 da Monica Viani

La destinazione italiana più cool del 2019 è Matera. Un vero boom per una cittadina che è un museo a cielo aperto.  Il gioiello lucano dal 2010 al 2017 ha visto crescere le presenze del 176%. Una crescita inaspettata,...La destinazione italiana più cool del 2019 è Matera ultima modifica: 2018-11-07T22:47:49+00:00 da Monica Viani

La destinazione italiana più cool del 2019 è Matera. Un vero boom per una cittadina che è un museo a cielo aperto.  Il gioiello lucano dal 2010 al 2017 ha visto crescere le presenze del 176%. Una crescita inaspettata, frutto di un ottimo lavoro di comunicazione e promozione, che conferma l'interesse, soprattutto degli stranieri, per il turismo culturale. Un...La destinazione italiana più cool del 2019 è Matera ultima modifica: 2018-11-07T22:47:49+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Millenaria, green e modernissima: l’arte di essiccare (con ricetta)!

Da millenni si conserva il cibo essiccandolo: sole, aria, tempo gli ingredienti. Ma da qualche decennio un nuovo alleato è apparso nelle cucine e nelle case: l’essiccatore. È apparso e si è evoluto in modelli sempre più usabili, sicuri, sostenibili (ed economicamente abbordabili) che hanno favorito un’esplosione di creatività non solo da parte dei grandi chef, ma anche di tanti...Millenaria, green e modernissima: l’arte di essiccare (con ricetta)! ultima modifica: 2019-02-05T16:19:55+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Dove si paga il biglietto della metro con i rifiuti: a Istanbul ultima modifica: 2019-02-16T08:50:24+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *