Conservazione degli alimenti, date di scadenza: ecco come comportarsi

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Per quanto tempo conservi gli avanzi in frigorifero senza rischiare la salute? Dopo quanti giorni è meglio buttare una teglia di pasta al forno conservata in frigorifero coperta da una pellicola trasparente? E un arrosto avanzato e dimenticato in frigo?

La cottura non sempre prolunga la conservazione

Nella nostra strenua lotta contro lo spreco alimentare non vorremmo gettare via nulla. È diventata ormai una salutare consuetudine riporre con cura ciò che rimane di lauti pranzi o ricche cene in vaschette ermetiche da conservare in frigo o in freezer. Ma fino a quando possiamo mangiare ciò che abbiamo avanzato senza mettere a repentaglio la nostra salute?

Conservazione degli alimenti, date di scadenza

La conservazione di verdure, pesce, carne, pasta, torte salate e dolci freschi

  • Le verdure cotte: possono essere conservate in modo sicuro 3-4 giorni in frigorifero in un contenitore sigillato di vetro o plastica con coperchio.
  • Il pesce: cotto e preparato, può rimanere due giorni in un contenitore ermetico riposto sul fondo del frigorifero.
  • La carne: in generale, la carne cotta si conserva in media tre giorni in frigorifero, ben confezionata in un sacchetto per congelatore o in una scatola ermetica sigillata.
  • Pasta e torte salate: tutto dipende dagli ingredienti utilizzati. Se si tratta di pasta con salsa di pomodoro, contare tre giorni in frigorifero. Se il piatto contiene burro, latte, uova o panna, ridurre la durata di almeno 24 ore.
  • Dolci freschi: contenendo latte, burro o uova è consigliabile consumarli in giornata.

Le date di scadenza: segreti e bugie

Si possono riscaldare più volte gli avanzi? Meglio evitare troppe variazioni di temperatura. L’ideale sarebbe riscaldarli una volta sola

Le date di scadenza riportate sui prodotti acquistati al supermercato hanno un reale valore? Le etichette dichiarano la pericolosità di un alimento ingerito dopo la data di scadenza o semplicemente l’impossibilità di garantire la qualità del prodotto?

Il cibo si può dividere in tre macro-gruppi:

  • deperibili
  • semi-deperibili 
  • non deperibili.

Carne, latte, verdure e alcuni formaggi hanno una scadenza e una modalità di conservazione rigida. Soffrono gli sbalzi di temperatura e vanno a male facilmente.
Farine, cereali e frutta secca durano circa un anno. Le scatolette di tonno, lo zucchero, il sale, un barattolo di marmellata o di legumi non scadono mai.

I cibi deperibili ci dicono con chiari segnali che sono andati male attraverso muffe, odori poco gradevoli. I semi deperibili sono i più difficili da conservare. Ad esempio, è facile trovare le farfalline nella farina, anche se non è scaduta. In questo caso il nemico principale è la conservazione. Bisogna imparare a combattere l’umidità e il calore. Ricordiamo che la temperatura ideale di conservazione è tra tra i 50 e i 70 gradi Fahrenheit (10°- 20° C).

Come usare il frigorifero?

La temperatura corretta del frigorifero è 5°C. Mai riempirlo troppo perchè l’aria circola meno e la temperatura si alza, causando un peggioramento della conservazione. É, poi, meglio disfarsi delle confezioni d’imballaggio dei cibi. Per non dimenticare le date di scadenza, è opportuno apporre delle etichette che ce le ricordino.

Potrebbe interessarti anche:


2018 all’insegna della lotta allo spreco. Viaggio alla scoperta dell’economia circolare

Non buttare via niente, non sprecare: ecco l'imperativo del 2018. Sprecare, avanzare, non riutilizzare è un costo, soprattutto ambientale, che non ci possiamo permettere. Il recente polverone suscitato dalla cosiddetta...2018 all’insegna della lotta allo spreco. Viaggio alla scoperta dell’economia circolare ultima modifica: 2018-01-19T21:10:17+00:00 da Monica Viani

Non buttare via niente, non sprecare: ecco l'imperativo del 2018. Sprecare, avanzare, non riutilizzare è un costo, soprattutto ambientale, che non ci possiamo permettere. Il recente polverone suscitato dalla cosiddetta tassa sul sacchetto bio testimonia che non abbiamo ancora capito...2018 all’insegna della lotta allo spreco. Viaggio alla scoperta dell’economia circolare ultima modifica: 2018-01-19T21:10:17+00:00 da Monica Viani

Non buttare via niente, non sprecare: ecco l'imperativo del 2018. Sprecare, avanzare, non riutilizzare è un costo, soprattutto ambientale, che non ci possiamo permettere. Il recente polverone suscitato dalla cosiddetta tassa sul sacchetto bio testimonia che non abbiamo ancora capito quanto sia importante riciclare, dare valore a ciò che utilizziamo e consumiamo. Avere insomma un atteggiamento green. La storia di...2018 all’insegna della lotta allo spreco. Viaggio alla scoperta dell’economia circolare ultima modifica: 2018-01-19T21:10:17+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Lotta allo spreco alimentare: non chiamiamoli avanzi

Quasi 9 milioni di tonnellate di avanzi all’anno, un costo di oltre 12 miliardi di euro. Ecco le impressionanti cifre dello spreco alimentare in Italia. Da luglio una legge tenta di ridimensionare la dispersione di cibo con incentivi e abbattimento di cavilli burocratici. La Fao calcola che in tutto il mondo 1,3 miliardi di tonnellate di alimenti siano gettati...Lotta allo spreco alimentare: non chiamiamoli avanzi ultima modifica: 2016-10-07T22:40:16+00:00 da Monica Viani

Conservazione degli alimenti, date di scadenza: ecco come comportarsi ultima modifica: 2019-12-27T09:37:54+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *