Cioccolato in via d’estinzione: dal 2038 un lusso per ricchi

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Il Cibo degli Dei, il cioccolato sta per scomparire o trasformarsi in un lusso da ricchi? Forse se ci svegliamo dal torpore e ne prendiamo coscienza possiamo evitarlo.

Sembra un film dell’orrore, ma nel 2038 la dolcezza del cioccolato potrebbe essere solo un ricordo o un bene di lusso. Lancia l’allarme la studiosa Virginie Raisson nel libro 2028 Atlante dei futuri del mondo edito da Slow Food, dove si dimostra il legame tra i cambiamenti climatici, la globalizzazione e la scomparsa di alcuni cibi da noi conosciuti ed apprezzati.

Perchè il cioccolato rischia di scomparire? Globalizzazione e cambiamenti climatici

Il cioccolato è amatissimo, tutti lo vogliono, nessuno vuole farne a meno. Un esempio? Il consumo cinese medio di cacao ha conosciuto un balzo enorme: nel 2010-2011 superava di poco i 40 g pro capite annui, tra il 2010 e il 2014 è aumentato del 75%. La globalizzazione, la standardizzazione dei gusti hanno cambiato i comportamenti alimentari dei cinesi. Ed è proprio l’aumento di consumi in Asia che ci fa temere la rapida estinzione delle fave di cacao. La domanda supera l’offerta e a breve il problema scoppierà.

La produzione di cacao è complessa, dipende dai fattori climatici e dalla lentezza della crescita. Ci vogliono tre – cinque anni per vedere i primi frutti. In Costa d’Avorio e in Ghana, paesi che fino a poco tempo fa producevano i due terzi della produzione mondiale, la siccità ha distrutto gran parte delle piantagioni. Se in America Latina le piantagioni possono essere spostate sui rilievi montuosi, in Africa bisogna procedere a quei disboscamenti causa dell’effetto serra. La sostituzione delle colture di cacao con prodotti più remunerativi come l’albero della gomma provoca ancor più gravi per la biodiversità.

L’abbandono della coltura delle fave di cacao

I contadini sono spesso sfruttati, senza la possibilità di investire in quelle strumentazioni capaci di rendere più sicuro il successo del raccolto. Se vogliamo vergognarci ecco i compensi: 0,5 dollari al giorno in Costa d’Avorio e 0,8 dollari al giorno in Ghana. Chi guadagna con il cioccolato sono grossisti, distributori e produttori di cioccolato.

Che fare per non rinunciare al cioccolato?

Se la scienza cerca cultivar più resistenti alla siccità capaci di dare un prodotto eccellente, noi abbiamo il dovere di scegliere il cioccolato fatto con cacao proveniente da filiere sostenibili, ovvero da una catena che rispetti il giusto compenso per i lavoratori e che faccia ricorso ad una coltivazione che rispetti l’ambiente. Il programma Cocoaction -iniziativa della World Cocoa Foundation – raccoglie 11 marchi – che in Ghana e Costa d’Avorio garantiscono la formazione dei coltivatori, la fornitura di piante e fertilizzanti e migliora la condizione femminile. E se non si facesse nulla per combattere il rischio di estinzione delle fave di cacao? Saremo destinati a conoscere un futuro amaro dove il cioccolato sarà solo per pochi perché costerà moltissimo. Non solo: al suo posto saranno venduti prodotti spacciati come cioccolato ma con un basso contenuto di cacao, compensato da olii, zucchero e latte. Soprattutto con la perdita di tutte le qualità del cacao!

E se il cacao diventasse il protagonista di una battaglia green come è stato negli anni passati per l’olio di palma?

Potrebbe interessarti anche:


Un amore senza fine. Dalla letteratura a una guida per scegliere il cioccolato

Oggi è la Giornata del Libro. La letteratura spesso dedica al cibo pagine capaci di descrivere al meglio il significato, le sensazioni regalate da ciò che amiamo assaporare. É il caso del potere del cioccolato mirabilmente descritto da Scott Spencer nel libro Un amore senza fine. Ve ne regaliamo un estratto...non solo...anche una breve guida per scegliere il miglior cioccolato...Un amore senza fine. Dalla letteratura a una guida per scegliere il cioccolato ultima modifica: 2019-04-23T14:35:49+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Crumble di cioccolato con sorbetto alla melissa citronella

Il crumble, dolce tipico inglese, al cucchiaio, un po’ torta, un po’ frutta, piace sempre! Noi vi proponiamo una proposta originale fatta con mascarpone e sorbetto. Melissa Citronella- mascarpone- crumble di cioccolato - sorbetto alla melissa citronella Di Mario Döring Ingredienti Per il sorbetto di melissa citronella 150g Succo di limone 1 Limone grattugiato 90g Zucchero 75g Acqua 1 Mazzo di melissa Per il crumble al cioccolato 130g Farina bianca 20g Cioccolato fondente 100g...Crumble di cioccolato con sorbetto alla melissa citronella ultima modifica: 2017-03-21T13:16:24+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


La ricetta della spongata, il dolce d’altri tempi. E la sua storia?

La spongata è un dolce diffuso in tante città italiane, in alcuni casi è un vero cult, come ad esempio a Busseto o a Sarzana. Spongata, detta nei diversi dialetti, spungata, spungada o spingheda, è...La ricetta della spongata, il dolce d’altri tempi. E la sua storia? ultima modifica: 2020-10-04T20:58:46+00:00 da Monica Viani

 

 

Cioccolato in via d’estinzione: dal 2038 un lusso per ricchi ultima modifica: 2020-11-01T16:16:22+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *