Siete pronti ad accettare la valuta blockchain “Libra”?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Siete pronti ad accettare la valuta blockchain “Libra”, la nuova creatura di Facebook? Ad aprile 2019 la popolazione mondiale è stata di 7,7 miliardi di persone: ebbene Facebook  – o faremmo meglio a chiamarla la “Nazione Facebook” (che comprende anche Instagram, WhatsApp e Messenger) con circa 4 miliardi di utenti iscritti ci fa comprendere come è la stessa geografia mondiale che cambia…

Stiamo parlando di una moneta globale che potrá funzionare al di lá di qualsiasi confine, sia nel mondo social e dunque virtuale che in quello reale. Insomma, una vera rivoluzione epocale. Ed infatti l’ultima mossa di oggi, a Ginevra, da parte di Mark Zuckerberg e di  Facebook (che comprende anche Instagram, WhatsApp e Messenger ) è di battere una sua moneta, si chiamerà “LIBRA” e sarà una realtà (al di là delle mosse di contrasto che le grandi banche metteranno in campo) a partire del 2020. E sarà una moneta sovranazionale con il sistema blockchain che promette (attenzione, per ora può solo promettere), una disintermediazione ed una gestione super trasparente. E riguardo l’affidabilità? Il suo valore sarà parametrato sulle tre principali valute occidentali, riducendo drasticamente il rischio di cambio e potrebbe rappresentare per i consumatori un moneta non emessa da una Banca Centrale ma comunque super affidabile, anche perchè i partner (li vedete anche nell’immagine), sono al top nel mondo… Tra gli altri: MasterCard; PayPal; Visa, Booking Holdings; eBay; Spotify; Uber. La Libra Association che sta dietro al progetto è un’organizzazione indipendente e non profit con sede a Ginevra, in Svizzera. È quanto si legge sulla pagina ufficiale dell’associazione, presentata oggi insieme al progetto Libra e alla
sussidiaria Calibra creata da Facebook appositamente per lavorare sulla criptovaluta.

Essere pronti ad accettare la cripto valuta blockchain “Libra”? Sì, ma anche a richiedere a viva voce trasparenza, condivisione nelle decisioni, etica nel trattare i dati

Pensiamoci: Facebook batte moneta ma lo fa con una potenza transnazionale da annichilire qualsiasi competitor:
facciamocene una ragione e pur chiedendo ad alta voce la massima trasparenza e garanzia, prepariamoci a considerarla. Prima facciamo un attimo i conti… Facebook è dello stesso gruppo di Instagram, WhatsApp e Messenger che a breve diventeranno ancora più interattivi con questi numeri : Facebook ha 2,2 miliardi di utenti attivi; WhatsApp ha 1,5 miliardi di utenti attivi al mese;  Instagram ha 1,2 miliardi di utenti (Messenger fa parte degli iscritti a Facebook quindi non li contiamo). Questi dati rendono evidente come dobbiamo richiedere con la massima forza trasparenza, condivisione nelle decisioni, etica nel trattare i dati.

Libra farà rima con cibo e cultura?

Se tutto va bene, tempo un anno questa valuta scavallerà dai social network e diventarà moneta corrente, statene certi.
Il carnet di aziende che solo oggi gli sono intorno la dice lunga…. lo stravolgimento portato dall’innovazione ha tutt’altro che terminato la sua corsa, agganciamo le cinture, si parte. Noi entro breve vi daremo aggirornamenti più “terra terra” al fine di comprendere meglio la situazione. Accettare la cripto valuta blockchain “Libra” per tutto il mondo food italiano, internazionale nel suo stesso DNA sarà d’obbligo? Significa che Libra farà rima con cibo e cultura? A risentirci presto per le decisioni da prendere!

Siete pronti ad accettare la valuta blockchain “Libra”? ultima modifica: 2019-06-18T21:11:34+00:00 da Fabrizio Bellavista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *