Nella ristorazione intelligenza artificiale alleata o nemica del lavoro?

Share on FacebookTweet about this on Twitter
L’intelligenza artificiale sembra sostituire sempre più lavoratori anche nel settore della ristorazione. L’automazione sembra essere un nemico più che un alleato del lavoratore. Più persone sottolineano che in realtà la liberazione dal lavoro sia per l’uomo lontana. Molti lavoratori hanno peggiorato le loro condizioni di lavoro. Sembra un paradosso ma non lo è.
È recente lo scandalo suscitato dalle condizioni economiche di Microsoft di chi trascrive e classifica le conversazioni umane fatte via Skype o con Cortana, il software per il riconoscimento e l’assistenza vocale. Motherboard  denuncia che sarebbero pagati 12 dollari all’ora, con una mole di lavoro davvero enorme. Non solo Microsoft, ma anche tanti lavoratori che controllano e gestiscono, ad esempio, numerose pagine Fb.

Nella ristorazione intelligenza artificiale amica o nemica del lavoratore?

La tecnologia non ci libererebbe dal lavoro, addirittura non ci libererebbe dal suo peso. Anzi. Il lavoro umano sarebbe schiavo dalle rigide regole imposte dalla tecnologia. Un lavoro duro sottopagato, regolato dalle rigide regole della flessibilità. Si delinea un futuro in cui l’uomo diventerebbe succube delle macchine.
Al di là dell’immagine che le aziende punto zero vogliono imporre si nasconderebbe il declassamento del lavoro umano. Dietro la loro propaganda di infallibilità si nasconderebbero centinaia di uomini considerati necessari ma pesi da sopportare.
Il dibattito è aperto. Non mancano gli strenui difensori della intelligenza artificiale come uno strumento per liberare l’uomo dalle catene del lavoro. Staremmo vivendo solo un momento di transizione.
Per il momento ricordiamoci che quando ordiniamo  con il nostro assistente vocale un pranzo, una cena o più semplicemente un caffè dobbiamo interrogarci se involontariamente non stiamo sfruttando un lavoratore. Glielo ha insegnato un lavoratore sottopagato.

Potrebbe interessarti anche:


Intelligenza artificiale, agricoltura e cibo

Siamo consci che la produzione alimentare mondiale dovrà aumentare del 25-70% entro il 2050 per nutrire una popolazione che si prevede raggiungerà circa 10 miliardi? E si riesce ad intravvedere l’opportunità per il sistema Italia? L’argomento Intelligenza artificiale, agricoltura e cibo deve entrare velocemente nel nostro vocabolario di business. Approfondiamo un poco l’argomento. Tra i tanti diversi esempi di applicazione...Intelligenza artificiale, agricoltura e cibo ultima modifica: 2018-12-11T18:50:56+00:00 da Fabrizio Bellavista


Potrebbe interessarti anche:


Parliamo ancora di intelligenza artificiale

Non pensiamo all'intelligenza artificiale soltanto come a robot umanoidi che un giorno o l'altro si siederanno alla nostra scrivania o usciranno con la nostra fidanzata: la situazione reale è molto...Parliamo ancora di intelligenza artificiale ultima modifica: 2019-01-10T13:12:37+00:00 da Fabrizio Bellavista

Non pensiamo all'intelligenza artificiale soltanto come a robot umanoidi che un giorno o l'altro si siederanno alla nostra scrivania o usciranno con la nostra fidanzata: la situazione reale è molto diversa, quindi non si tratta solo di robot umanoidi (da...Parliamo ancora di intelligenza artificiale ultima modifica: 2019-01-10T13:12:37+00:00 da Fabrizio Bellavista

Non pensiamo all'intelligenza artificiale soltanto come a robot umanoidi che un giorno o l'altro si siederanno alla nostra scrivania o usciranno con la nostra fidanzata: la situazione reale è molto diversa, quindi non si tratta solo di robot umanoidi (da robota, “lavoro duro”, una infinetesimale percentuale sullo sviluppo generale della IA), apparsi per la prima volta nel 1920 in un...Parliamo ancora di intelligenza artificiale ultima modifica: 2019-01-10T13:12:37+00:00 da Fabrizio Bellavista

Nella ristorazione intelligenza artificiale alleata o nemica del lavoro? ultima modifica: 2019-08-21T15:34:59+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *