Cibo, cultura, innovazione e futuro alla Mostra “Food Bigger than the Plate” a Londra

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Il cibo del futuro alla Mostra “Food Bigger than the Plate” a Londra. Al grido di “cittadini, non solo individui”, il professore di Food Studies alla New York University, Fabio Parasecoli, introduce la Mostra “Food Bigger than the Plate”, al Victoria&Albert Museum a Londra e, sempre lui, aggiunge sicuro: “Ci sono scelte che debbono essere fatte dai governi, dagli enti, dalla politica ma altre scelte debbono partire dai consumatori stessi che possono far sorgere progetti collettivi che influenzeranno il nostro futuro”.

Cibo, cultura, innovazione e futuro: la tecnologia e l’Intelligenza artificiale entrano nel piatto

Il Food Blog Famelici lo sostiene sin dall’inizio che bisogna essere visionari per poter creare un futuro interessante per il genere umano, un futuro che sarà comunque sempre contraddistinto da una complessità rilevante: sono oltre settanta i progetti visionari sull’alimentazione e sulla sostenibilità ambientale presenti in questa Mostra grazie alla contaminazione tra artisti e designer in collaborazione con chef, scienziati e nuovi approcci nella distribuzione alimentare e nutrizionale.

Cibo, cultura, innovazione e futuro

Siamo quello che mangiamo riecheggia in ogni passo di questa mostra: Food bigger than the Plate fa da catalizzatore di un’enorme quantità di pensieri, progetti, indagini, visioni e, in un melting pot planetario coniuga cibo come tradizione, cultura, sapore, colore e scelta di vita insieme all’innovazione. Quindi la tecnologia con l’aiuto dell’Intelligenza artificiale entra nel piatto.
Così abbiamo gli oltre settanta progetti in mostra, divisi in quattro sezioni – concime, agricoltura, commercio e cibo: questa mostra che certamente offre una riflessione a volte un po’ semplicistica (sopra tutto agli occhi di noi italiani così “ferrati” riguardo questo tema) ma per l’argomento generale “Cibo, cultura, innovazione” ci sembra una ottima opportunità di crescita nel panorama degli eventi di quest’anno (come molte altre, Seed&Chip per esempio).

Si tratta di una specie di “racconto circolare” con al centro l’uomo, che attraverso un story telling sensoriale narra il cibo del futuro in quattro capitoli: Composting, Farming, Trading, Eating. Da non perdere, si parla del cibo del futuro!

Potrebbe interessarti anche:


Agri food tech in Italia: prende fiato, anzi vola

Un nuovo fondo per l’agri food tech con portafoglio da 60 milioni L'Agri Food Tech, questo sconosciuto in Italia. Cambia il vento nel mondo dell’innovazione e agricoltura in Europa? Sì, sembrerebbe proprio: quindi le centinaia...Agri food tech in Italia: prende fiato, anzi vola ultima modifica: 2018-03-19T22:31:19+00:00 da Fabrizio Bellavista


Potrebbe interessarti anche:


Food tech e food start up, ne presentiamo due

In questo momento di grande interesse per il cibo e di passi avanti della tecnologia, ecco altre due start up di food tech, NutriBees e Junker. NutriBees: il nutrizionista e lo chef insieme per il menu su misura NutriBees è il primo servizio online (in Italia, di quello all’estero abbiamo già parlato) che connette le figure del nutrizionista e dello chef...Food tech e food start up, ne presentiamo due ultima modifica: 2017-11-21T19:49:53+00:00 da Fabrizio Bellavista

 

 

Cibo, cultura, innovazione e futuro alla Mostra “Food Bigger than the Plate” a Londra ultima modifica: 2019-07-07T17:53:35+00:00 da Redazione Famelici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *