Le parole che vorrei…la sfida della gentilezza

Il 25 novembre 2017 è la giornata contro la violenza sulle donne. Ma cos’è la violenza, quanti abiti può indossare, quante forme attraversare? A volte per conoscere una realtà nella sua complessità, può essere utile pensare al suo opposto. Non è facile individuare il contrario della violenza, ci sono alcune parole però – il nostro lavoro ha tanto a che fare con la scelta delle parole – come gentilezza, rispetto, sacralità che ci aiutano a comprendere quali possono essere i “nemici” della violenza. Un pericolo che corriamo tutti nella comunicazione e non.

Per parlare di violenza oggi, mi permetto di condividere con voi una mia semplice poesia, che forse può aiutare a ricordare come la strada per sconfiggere la violenza si nutre di gentilezza, calma e luce. Quella che possiamo dare e ricevere attraverso le nostre azioni quotidiane e il nostro linguaggio

Le parole che vorrei

Le parole che vorrei

sono soffici e vellutate

come morbide carezze e leggeri abbracci

Le parole che vorrei

sono bianche e splendenti

come fiocchi di neve baciati dal sole

Le parole che vorrei

sono friabili e tintinnanti

come dolci ninne nanne

Le parole che vorrei

profumano di fresco e pulito

come l’erba tagliata al mattino

Le parole che vorrei

sono quelle che non so pronunciare

Le parole che vorrei

sono quelle che voglio ascoltare

…sul tema consiglio un bellissimo testo intitolato Le parole che salvano di Eugenio Borgna…troverete tanti consigli interessanti per pescare le “parole migliori” dal vostro vocabolario interiore…la gentilezza, quella del cuore (niente a che vedere con i formalismi dell’educazione), è una strada preziosa

Potrebbe interessarti anche:


Antonia Pozzi: fame di vita, fame di ascolto

Un giorno Padre David Maria Turoldo si augurava che in futuro ogni Abbazia potesse avere il proprio Poeta e noi siamo fortunate doppiamente, non solo perché conosciamo più di un poeta ma anche perché frequentiamo qualche Monaco sensibile al linguaggio poetico. In questa giornata, dedicata a portare l’attenzione dell’opinione pubblica sulle violenze di genere che continuano a perpetrarsi nel...Antonia Pozzi: fame di vita, fame di ascolto ultima modifica: 2017-11-21T17:31:17+01:00 da Redazione Famelici


Potrebbe interessarti anche:


Cibo e cultura: un atlante famelico

Con Monica davanti all’ “Atlas on Human Condition”, di Margherita Moscardini, opera custodita e narrata dal vivo presso Rossini Art Site in Brianza. Un post a due voci tra cibo e cultura: 100 tavole per un atlante Un atlante, una raccolta di eventi che coinvolgono moltitudini che si aggregano in quei vuoti urbani immaginati dai progettisti per essere percorsi e riempiti da...Cibo e cultura: un atlante famelico ultima modifica: 2017-11-05T00:01:29+01:00 da Daniela Ferrando FamFriend


Potrebbe interessarti anche:


Roland Barthes: parlare di cultura, ovvero di cibo

Parlando di cibo si può discutere di mitologia, di contemporaneità, di impero giapponese, di pittura, di scrittura. ..e di tanto altro! Sì, avete letto bene: il cibo è cultura. Roland Barthes ne è convinto: il cibo è un sistema semiologico quasi perfetto. É una forma di linguaggio e di sistema valoriale che ci indica i codici di comportamento. Mangiare è parlare, discutere,...Roland Barthes: parlare di cultura, ovvero di cibo ultima modifica: 2017-02-09T13:18:26+01:00 da Monica Viani

Le parole che vorrei…la sfida della gentilezza ultima modifica: 2017-11-25T15:04:38+01:00 da Alessandra Cioccarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *