La cultura del cibo al tempo del Coronavirus: #iostoconlepennelisce e ve lo spiego filosoficamente

Share on FacebookTweet about this on Twitter

La cultura del cibo al tempo del Coronavirus

Siamo immersi nello storytelling, il cui protagonista è il Coronavirus. Non passa minuto che non se ne parli, spesso alimentando fake news. Non stupisce dunque che anche la pasta sia diventata l’imputata di una lunga diatriba, nata dopo lo sconcertante assalto ai supermercati, per accaparrarsi ogni genere alimentare con un’unica esclusione: le austere penne lisce.

Ode alla penna liscia, scomodando Umberto Eco

Il panico da Coronavirus, causato da un’informazione impazzita e isterica, ha fatto sì che nei giorni scorsi, dopo l’ assalto ai supermercati, i social siano stati invasi da immagini di scaffali vuoti.Visibile una sola eccezione: le confezioni di penne lisce. Perchè? Forse perchè il Coronavirus si è diffuso al Nord dove, da sempre, si preferiscono le penne rigate? A me le penne lisce piacciono, mi sembrano essere l’ultimo baluardo contro l’irragionevolezza. Per questo aderisco all’hastag #iostoconlepennelisce.

Preferisco la minimalista penna liscia alla ruffiana ma falsa penna rigata. La prima conserva maggiormente il sapore della pasta e allo stesso modo tiene meglio la cottura.

Il loro duro confronto sembra riproporre un dibattito filosofico: pensiero forte contro quello debole. Una guerra raccontata da Umberto Eco con la metafora del dizionario e dell’enciclopedia. Se il dizionario chiude il pensiero in rigide definizioni, l’enciclopedia offre diversi punti di vista, aprendo spesso querelle provocate da visioni differenti.

É la metafora della lotta tra un pensiero debole, liquido, critico ma non risolutivo, contro un pensiero forte, basato su una ferrea ragione, sulla volontà di dominio e sulla normatività.

E voi direte, ma le penne che cosa c’entrano? Pensate al loro rapporto con il sugo? Chi meglio si impone sul sugo? La penna liscia o quella rigata? Siate sinceri nel rispondere!

La cultura del cibo al tempo del Coronavirus: breve storia delle penne

Nessuna diatriba sulle loro origini. Furono prodotte per la prima volta l’11 marzo del 1865, quando il pastaio Giovanni Battista Capurro di San Martino d’Albano deposita il brevetto di una macchina per tagliare la pasta diagonalmente. Probabilmente il nuovo formato di pasta si rifaceva ai pennini delle stilografiche, da cui assunse il nome.
Per le penne è subito successo, tutti le vogliono. Nascono lisce e dorate perchè all’impasto, seguendo un’usanza medievale, si univa lo zafferano. Ben presto quest’ultimo viene eliminato e la pasta assume mille forme. Le più note?

  • Le Penne rigate
  • Le Penne lisce, in Umbria chiamate Spole, in Sicilia Maltagliati o Attuppateddi.
  • Le Pennette sono più strette di diametro e di forma allungata. Nell’Italia meridionale troviamo ci sono varianti quali le Penne Ziti, lisce, lunghe e in formato lungo, gli Zitoni.
  • I Pennoni sono  più grandi e spessi rispetto alle penne classiche, e si trovano sia lisci sia rigati.
  • Le Mezze penne sono  corte.

#iostoconlepennelisce e ve l’ho spiegato culturalmente scomodando Umberto Eco. E voi con chi state?

Potrebbe interessarti anche:


L’ hotel Roma a Cervia punta sul talento del giovane chef Lorenzo Alessio

L’hotel Roma a Cervia si conferma come uno dei migliori alberghi attrezzato per le esigenze di una vacanza famigliare. Merito del successo anche la cucina proposta dal giovane chef Lorenzo Alessio che sa presentare in un albergo, che accoglie diversi turisti, piatti da ristorazione “schietti e sinceri” come lui del resto. Chi è lo chef Lorenzo Alessio Passione, ingegno e dedizione sono...L’ hotel Roma a Cervia punta sul talento del giovane chef Lorenzo Alessio ultima modifica: 2019-08-23T15:40:07+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Gianfranco Vissani apre a Roma il Tuo Vissani

Dopo tante voci che da tempo si rincorrevano, è ufficiale: Gianfranco Vissani apre il Tuo Vissani a Roma, vicino a Piazza Navona. Il primo chef televisivo, che ha lanciato la moda del cuoco in...Gianfranco Vissani apre a Roma il Tuo Vissani ultima modifica: 2020-02-28T12:58:59+00:00 da Monica Viani

 

 

La cultura del cibo al tempo del Coronavirus: #iostoconlepennelisce e ve lo spiego filosoficamente ultima modifica: 2020-03-04T21:31:40+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *