Il cibo nell’arte: premio “Casalbeltrame – La Rana D’Oro”

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Il cibo nell’arte è un tema che ha interessato diverse avanguardie artistiche e che sta sempre più coinvolgendo il mondo dell’enogastronomia. E proprio il cibo nell’arte, l’eccellenza degli ingredienti e una certa curiosità sono stati gli ingredienti base del premio “Casalbeltrame – La Rana D’Oro”. Così il  25 settembre a Casalbeltrame, in provincia di Novara, la cucina, l’arte e la cultura si sono uniti per dare vita ad una giornata che ha visto come sfondo la tenuta di Riso Buono. Nel pomeriggio Riso Buono ha ospitato la cerimonia di conferimento del Premio “Casalbeltrame – La Rana D’Oro”, un evento di altissimo livello organizzato dall’Associazone Culturale Arpitesca, che dal 1973 premia chi si è fatto notare con il proprio operato nel campo dell’arte, della medicina, dello sport, dello spettacolo, della cultura. La prima Rana d’Oro, assegnata all’imprenditrice e Presidente Onorario FAI Giulia Maria Crespi Mozzoni, è stata ritirata dal Presidente FAI di Piemonte e Valle d’Aosta Maria Leonetti Cattaneo. La seconda Rana d’Oro è stata conferita allo chef Gualtiero Marchesi ed è stata ritirata da Enrico Dandolo, Vicepresidente della Fondazione Gualtiero Marchesi. La terza è stata assegnata all’artista concettuale e pittore Emilio Isgrò. A ricevere la quarta Rana d’Oro c’era l’imprenditore e Presidente della Fondazione Comunità Novarese Cesare Ponti. È stata poi la volta di due giovani donne: la campionessa del mondo di sci di velocità Valentina Greggio, e l’attrice Michela Quattrociocche. La conclusione della premiazione? Dolce, con il taglio della suggestiva torta preparata per l’occasione dallo Chef Pier Zuccalla del Biscottificio Rossi di Romagnano Sesia. Abbiamo assistito alla premiazione della qualità, dello stile e del gusto, perché cibo e cultura vanno sempre più di pari passo!

Potrebbe interessarti anche:


Un Caffè con l’Artista. Il piacere di bere con gli occhi

Timida comparsa o indiscusso protagonista. Semplice bevanda o occasione di ritrovo. Emblema di eleganza o servito con intenti satirici. Il caffè, fin dalla sua prima entrata in scena, diviene un interessante soggetto nella storia dell’arte, una cartina tornasole di una rivoluzione di gusti, costumi e riti. Nei quadri del Seicento e Settecento non può mancare nelle tele di vita...Un Caffè con l’Artista. Il piacere di bere con gli occhi ultima modifica: 2017-06-11T23:34:24+00:00 da Alessandra Cioccarelli


Potrebbe interessarti anche:


Cinema, cultura e cibo: dal “Palazzo del Cinema Anteo” al “Moleskine caffè”

Cinema, cultura e cibo, dal “Palazzo del Cinema Anteo” al “Moleskine caffè” la capitale meneghina si conferma coraggiosa e determinata. Il cinema “colto” di Milano (alla suo terzo coraggioso cambiamento di format), passa dalle quattro attuali a undici sale (ed è molto bello che prenderanno i nomi di cinema storici milanesi ormai spariti: Abadan, Astoria, Abanella, Astra, Ciak, Obraz,...Cinema, cultura e cibo: dal “Palazzo del Cinema Anteo” al “Moleskine caffè” ultima modifica: 2017-09-11T00:03:20+00:00 da Redazione Famelici

Il cibo nell’arte: premio “Casalbeltrame – La Rana D’Oro” ultima modifica: 2017-09-27T13:30:58+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *