Il bombardino, il cocktail invernale da bere anche se non si scia

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Cibo e cultura: voi conoscete le origini del cocktail invernale amato dagli sciatori, da bere anche se non possiamo sciare? E le diverse ricette per farlo a prova di bomba?

Il bombardino? 50% whisky, 50% Vov e panna

Il bombardino: l’apoteosi dello sciatore,  il matrimonio con la montagna

Chi ha messo nella propria vita anche una sola volta gli sci non può non aver bevuto il bombardino. C’è poi chi come la sottoscritta scia solo per berlo! Ma lo ammetto io sono un caso disperato! Non lo conoscete? Ve lo presento: vov, whisky e panna serviti in un bicchierino di vetro sormontato da una virgola panciuta di panna. Indimenticabile! Il suo calore ristora, ti fa tornare le energie. Si deve bere in montagna, in città perde il suo gusto e il suo fascino. Volete mettere sorseggiarlo in un rifugio, con una finestra che si apre su una distesa di neve, in compagnia di sciatori con cui avete condiviso l’ebbrezza di una discesa? I più golosi sicuramente l’accompagneranno ad una fetta di crostata di frutta o ad una Sacher Torte.

Il bombardino, il cocktail invernale

Quest’anno, giustamente, causa Covid 19, sono state chiuse le piste da sci. Lo possiamo rimpiangere o se abbiamo la fortuna di essere in una località montana berlo, augurandoci di poter tornare a sciare presto. Nel frattempo possiamo divertirci a scoprirne le origini, che sembrano essere piuttosto recenti. Tutto ha inizio al Rifugio del Mottolino di Livigno. Chi sciava per riscaldarsi era solito bere vov caldo, la ricetta del bombardino non esisteva. Perchè venga creato, occorre che al Rifugio del Mottolino arrivi per gestirlo un giovane genovese. E che cosa può provare un uomo nato sul mare in montagna? Freddo, tanto freddo. Ed ecco allora che tra tanti stratagemmi per combattere il Generale Inverno, creò un cocktail bollente a base di latte, whisky e zabaione. L’inevitabile leggenda vuole  che il primo ad assaggiarlo abbia esclamato: “Accidenti! È una bombarda!”.

Unico racconto sulla sua origine? Eh no, ne circola anche un’altra, secondo cui sarebbe stato inventato a fine anni 60e inizio anni 70, da Aldo Del Bò, nobile ed ex capitano degli Alpini, direttore degli impianti di risalita di Livigno. Amante del whisky, avrebbe dato vita all’attuale bombardino. Il bombardino è piaciuto subito, soprattutto ai maestri di sci, che lo chiamavano ‘Vov caldo con il whisky’. Solo nel 1972, durante una riunione dei direttori delle stazioni invernali di Livigno, qualcuno ha esclamato: ‘Ma che bomba!’. Perchè la panna? Fu aggiunta quando divenne di moda, per raffreddarlo, rendere più veloce il servizio e consentire ai maestri di sci di berlo rapidamente. Oggi ci sono aziende che lo propongono anche in bottiglia, come la Distilleria Marzadro. La ricetta? Latte trentino, tuorli d’uovo e rum, da bere fresco ma anche riscaldato e decorato con panna montata e cacao amaro.

Il successo del bombardino ha portato alla creazione di diverse varianti. Il “Calimero” vede il mix di zabaione e caffè espresso, il “Pirata” che prevede l’utilizzo del rum e lo“Scozzese” con il brandy. C’è anche chi utilizza la grappa. La ricetta originaria è questa: 50% whisky e 50% Vov, da prepararsi rigorosamente al momento.

Il Bombardino all’estero: quando il cibo è cultura

E se vi proponessimo un gioco? A quale altro cocktail assomiglia il bombardino? Pensate sia all’Inghilterra che all’America. Ebbene, se pensate all’Inghilterra, noterete le somiglianze con l’Eggnog, conosciuto in Francia con il nome di lait de poule, una bevanda natalizia fatta con latte, uova e spezie a cui si aggiungono rum, whisky o bourbon. Si serve caldo o freddo, accompagnato da biscotti. Il nome richiama il termine “uova” (egg, in inglese), ma anche il nome di una birra  molto alcolica. Ricorda poi una tazza usata nel XVI secolo per servire bevande molto calde. Nato in ambiente monastico, divenne con gli anni una bevanda protagonista dei salotti nobili.

Se pensate, invece, agli USA,  vi verrà in mente il grog, la cui parola risale al 1775, quando era ancora forte l’influenza dell’Inghilterra. L’acqua sulle navi irrancidiva presto e per renderla bevibile la si allungava con vino o birra. Talvolta a questa si aggiungevano uova e fichi ed era servita con il nome di posset. Con la conquista da parte dell’Inghilterra della Giamaica, si sostituì alla birra il rum. Per prevenire lo scorbuto si aggiunse il succo del limone. I marinai chiamarono la bevanda annacquata grog riferendosi al nomignolo del suo inventore, l’ammiraglio Edward “Old Grog” Vernon, chiamato così per il cappotto di Gros Grain che indossava. Con il tempo si diffuse anche una versione con lo sherry.

Per alcuni può essere anche paragonato all’Irish Coffee, per altri è meglio del vin bruleé perchè più alcolico, sicuramente da provare se non l’avete ancora fatto! Inutile dirvi che per me è il migliore!

Potrebbe interessarti anche:


Il caffè: il mondo della mixology e della cucina gourmet

Il caffè e il mondo della mixology. Un mondo complesso. Il caffè per chi lo assapora è passione, per chi lo prepara e lo serve è scienza esatta. E prepararlo e proporlo sotto forma...Il caffè: il mondo della mixology e della cucina gourmet ultima modifica: 2019-09-01T14:12:50+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


5 cocktail foodcultural per le feste. Cibo è cultura!

5 bartender bravissimi creano cinque cocktail per le festività da fare anche in casa a Capodanno ricordando che cibo è cultura Crediamo fortemente che nonostante il lockdown le feste natalizie e il Capodanno si possano festeggiare....5 cocktail foodcultural per le feste. Cibo è cultura! ultima modifica: 2020-12-27T12:13:48+00:00 da Monica Viani

 

Il bombardino, il cocktail invernale da bere anche se non si scia ultima modifica: 2021-01-04T14:14:05+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *