Solidarietà ai tempi del Coronavirus: le donazioni del mondo del food

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Siamo in piena emergenza. non manca giorno che non sentiamo il grido d’allarme di medici, infermieri che chiedono di essere aiutati, rispettando le regole imposte dal Governo, ma anche per richiedere: ventilatori, mascherine, ambulanze, la creazione di nuovi posti letto in terapia intensiva. A tutto ciò si aggiunge la richiesta da parte dei sindaci di organizzare reti di volontari per aiutare le fasce della popolazione più deboli.

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Le aziende del mondo del food si sono mobilitate lanciando una gara di solidarietà.

  • Il Gruppo Lavazza  ha messo a disposizione 10 milioni di euro, di cui sei destinati alla Regione Piemonte in sostegno delle strutture sanitarie, tre milioni alla Fondazione La Stampa – Specchio dei tempi che si occupa di aiutare scuole e anziani, e un milione di euro ad associazioni ed enti impegnati per tutelare le fasce più deboli della popolazione.
  • La Fondazione Ferrero ha stanziato 10 milioni di euro per il Commissariato per la gestione Emergenza Coronavirus.
  • Il Gruppo Barilla ha elargito una donazione di oltre 2 milioni di euro per l’Ospedale Maggiore di Parma per migliorare la terapia intensiva, per la Protezione Civile e la Croce Rossa per acquistare dispositivi medici e logistici. Una parte dei fondi andrà all’acquisto di ventilatori polmonari per le strutture mediche regionali dell’Emilia Romagna. L’azienda si sta, inoltre, adoperando per donare prodotti alimentari alle associazioni che sono supportano l’emergenza.
  • Orogel, tramite la Fondazione onlus Fruttadoro Orogel F.or. ha effettuato una donazione di 800mila euro in gran parte per l’ospedale Maurizio Bufalini di Cesena per l’acquisto di attrezzature per il reparto di terapia intensiva, e la restante parte alla Caritas di Cesena per aiutare i più bisognosi.
  •  La famiglia Rana ha devoluto 400mila euro agli ospedali veneti.
  • L’azienda che produce pasta La Molisana ha acquistato tre ventilatori polmonari per il Blocco Operatorio della Terapia Intensiva dell’ospedale Cardarelli di Campobasso
  • L’azienda di caffè Hausbrandt si è mobilitata per offrire il suo supporto durante l’emergenza Coronavirus donando 20 macchine per il caffè Guzzini|Hausbrandt e oltre 20.000 capsule di caffè per il personale medico e paramedico dei reparti maggiormente coinvolti degli Ospedali di Treviso, Conegliano, Montebelluna e alla Protezione Civile di Conegliano.
  •  ANICAV – l’Associazione Nazionale Industriale Conserve Alimentari Vegetali  ha donato 100.000 euro per l’acquisto di attrezzature mediche e materiale sanitario in Campania e Emilia Romagna.
  • #allasalute è la campagna di raccolta fondi per il Policlinico di Pavia di Terre d’Oltrepò e La Versa . Il presidente Giorgi: “Doneremo il 50% del prezzo di vendita dei nostri vini acquistati sul web”
  • Esselunga ha stanziato 2 milioni e mezzo di euro all’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, la Fondazione IRCCS San Matteo di Pavia, l’Ospedale Luigi Sacco di Milano, l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, l’Ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza, la Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico. Si aggiungono 10 milioni di euro donati da Giuseppe Caprotti,con l’istituzione di un fondo per aiutare le persone bisognose coordinato dalla regione Lombardia e dal Comune di Milano.
  • I supermercati campani Sole 365 hanno stanziato 100mila euro per l’Ospedale Cotugno di Napoli.

Non solo Food… ma tutto il made in Italy!

  • Il Gruppo Miroglio, ad Alba, in Piemonte, riconverte parte della sua produzione tessile per produrre mascherine per affrontare l’emergenza Coronavirus. saranno prodotte circa 600 mila mascherine in due settimane, vendute al prezzo minimo che consenta ci coprire i costi di produzione

Potrebbe interessarti anche:


#Famedivero: la cultura del cibo, la sua dimensione simbolica ci salverà (anche dal Coronavirus!)

#Famedivero: la cultura del cibo Il cibo non è solo una necessità imposta dal nostro organismo, ha un significato che va oltre la lotta per la sopravvivenza. L'alimentazione è un...#Famedivero: la cultura del cibo, la sua dimensione simbolica ci salverà (anche dal Coronavirus!) ultima modifica: 2020-03-10T15:33:41+00:00 da Monica Viani

#Famedivero: la cultura del cibo Il cibo non è solo una necessità imposta dal nostro organismo, ha un significato che va oltre la lotta per la sopravvivenza. L'alimentazione è un atto conviviale, cibo e cultura sono indissolubilmente legati. Un importante momento...#Famedivero: la cultura del cibo, la sua dimensione simbolica ci salverà (anche dal Coronavirus!) ultima modifica: 2020-03-10T15:33:41+00:00 da Monica Viani

#Famedivero: la cultura del cibo Il cibo non è solo una necessità imposta dal nostro organismo, ha un significato che va oltre la lotta per la sopravvivenza. L'alimentazione è un atto conviviale, cibo e cultura sono indissolubilmente legati. Un importante momento che segna la nascita di ciò che oggi consideriamo enogastronomia è lo sviluppo dell'agricoltura che ha permesso l'approvvigionamento di scorte....#Famedivero: la cultura del cibo, la sua dimensione simbolica ci salverà (anche dal Coronavirus!) ultima modifica: 2020-03-10T15:33:41+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


La cultura del cibo al tempo del Coronavirus: #iostoconlepennelisce e ve lo spiego filosoficamente

La cultura del cibo al tempo del Coronavirus Siamo immersi nello storytelling, il cui protagonista è il Coronavirus. Non passa minuto che non se ne parli, spesso alimentando fake news. Non stupisce dunque che anche la pasta sia diventata l'imputata di una lunga diatriba, nata dopo lo sconcertante assalto ai supermercati, per accaparrarsi ogni genere alimentare con un'unica esclusione: le...La cultura del cibo al tempo del Coronavirus: #iostoconlepennelisce e ve lo spiego filosoficamente ultima modifica: 2020-03-04T21:31:40+00:00 da Monica Viani

Solidarietà ai tempi del Coronavirus: le donazioni del mondo del food ultima modifica: 2020-03-18T14:41:08+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *