Rosè, Rosato o Rosa: il vino dell’estate 2018?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Quando si parla di vino è facile cadere nei luoghi comuni o negli errori. Lo deve avere saputo bene la manifestazione Rosexpo, svoltasi a Lecce il 23-24 giugno e organizzata da deGusto Salento, l’associazione dei produttori di Negroamaro. Oggi il vino Rosè, Rosato o Rosa  è sempre più richiesto. Secondo i dati dell’Organizzazione della Vigna e del Vino la domanda in Italia è in crescita di circa il 2%. Se i veri amanti del Rosè, Rosato o Rosa sono i francesi, gli italiani cominciano ad apprezzarlo sempre più, piazzandosi al quinto posto. Ma è corretto chiamarlo Rosè o Rosato? E se fosse più corretto chiamarlo Rosa? Non è questione da poco, è anche una scelta di marketing.  La manifestazione leccese Rosexpo ha lanciato una provocazione mettendo in discussione il nome: Rosè, Rosato o Rosa?

L’invito è quello di chiamarlo Rosa, evitando di scimmiottare i francesi con il lezioso Rosé o con il participio passato di un verbo che non esiste, Rosato. Il vino Rosa sarebbe nato in Italia nel 1943, quando Leone De Castris vende i “Five Roses” alle truppe americane. Non vengono apprezzati subito, a molti sembrano vini privi di carattere. Oggi stanno conquistando il loro spazio, anche grazie ad una maggiore attenzione nella produzione.

Due vini Rosa assaggiati in Salento… Rosè, Rosato o Rosa

Novementi Rosato Negroamaro Cantine Menhir

Un Negramaro vinificato in Rosato o Rosa, dal colore che richiama la ciliegia, sprigiona aromi fruttati di fragola e mora e basilico. Dal bouquet di lampone e caramelle bon bon. Ottimo da servire con i gamberoni alla gallipolina, zuppe di pesce o formaggi non tropo stagionati.

Rosato Chiaretto Azienda Rizzello

Un Rosè, Rosato o Rosa leggero, ottimo come aperitivo. Fine, intenso, delicato, floreale ed elegante, ottimo come proposta estiva. Fresco e con un’ottima persistenza gustativa.

Potrebbe interessarti anche:


Il vino nato dagli studi del “filosofo agrario” Zierock: Castello degli Angeli

Cibo e cultura sono ben rappresentati dai vini proposti da Castello degli Angeli, azienda vinicola della provincia bergamasca. Un'azienda  nata per la grande passione del suo proprietario, Mauro Taiariol,  che nel 1996, decise di sperimentare  ciò che sostiene il genio di un enologo tanto ardito quanto unico: Rainer Zierock, il "filosofo agrario". Io ho incontrato l'enologa Vanessa Verdoni, che tra un...Il vino nato dagli studi del “filosofo agrario” Zierock: Castello degli Angeli ultima modifica: 2017-09-18T11:09:20+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


A Gavi sulle tracce di cibo, vino e cultura

Andare a Gavi significa esplorare un borgo Bandiere Arancioni  che può essere proposto come un bell'esempio di contaminazione di cibo e cultura, vino e arte, storia e contemporaneità. Non solo: Gavi è in Piemonte, in provincia di Alessandria, ma è innegabile che qui si respirano anche le atmosfere della vicina Liguria. Per gli amanti della cultura: Santuario della Madonna della Guardia Se avete amato le atmosfere...A Gavi sulle tracce di cibo, vino e cultura ultima modifica: 2017-09-05T00:10:10+00:00 da Monica Viani

 

Rosè, Rosato o Rosa: il vino dell’estate 2018? ultima modifica: 2018-07-06T10:36:50+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *